Ungheria

Siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO in Ungheria: 8 luoghi da esplorare

Siti Unesco Ungheria

L'Ungheria, nel cuore dell'Europa, è una terra ricca di meraviglie da scoprire, un Paese dove storia, cultura e arte si fonde armoniosamente con i paesaggi naturali.

Città storiche, paesaggi naturali mozzafiato, villaggi fuori dai sentieri battuti contribuiscono a rendere l'Ungheria una meta da esplorare al più presto.

In questo articolo vi portiamo alla scoperta dei siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO, 8 gemme preziose da conoscere.

Budapest

Budapest
Budapest

Budapest, è una città che incanta per la sua architettura e le sue attrazioni storiche. Con ben tre siti UNESCO, offre un'esperienza culturale senza pari.

Il panorama del Danubio, con il Parlamento in stile neogotico, e il quartiere di Buda, sede della Galleria nazionale ungherese, sono solo alcune delle meraviglie da esplorare.

Il viale Andrássy, con la Grande Sinagoga e il Teatro dell'Opera, completa l'esperienza nella storia e nell'arte di Budapest.

La capitale ungherese è stata iscritta per la prima volta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1987, con numerose attrazioni culturali: il panorama del Danubio e il Quartiere del Castello di Buda, i Bagni di Gellért, il Parlamento, il Bastione dei Pescatori, il Palazzo del Castello di Buda e la Galleria Nazionale Ungherese.

Nel 2002 sono stati aggiunti anche il viale Andrássy e i suoi dintorni storici, con il Teatro dell'Opera di stato ungherese, l'Accademia di Musica, il Museo delle Belle Arti e Piazza degli Eroi.

Hollókő

Holloko
Hollókő

A breve distanza da Budapest, Hollókő è un villaggio unico, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Con solo una strada e circa 400 abitanti, rappresenta un esempio eccezionale di villaggio tradizionale dell'Europa centrale e offre ai visitatori una visione autentica della vita rurale prima della rivoluzione agricola del XX secolo.

Abbazia Benedettina di Pannonhalma

Pannonhalma
Abbazia di Pannonhalma

Fondata nel 996 dai monaci benedettini, l'abbazia di Pannonhalma è un simbolo di fede e storia.

La sua biblioteca, che contiene circa 360.000 volumi e documenti storici ungheresi, insieme all'arcivescovado e ai suoi giardini, rende questo luogo un centro di religione e di storia dell'arte di importanza mondiale.

Tokaj

Tokaj
Tokaj

Nel nord-est dell'Ungheria, la regione vinicola di Tokaj, riconosciuta dall'UNESCO, vanta 3000 cantine e vigneti.

Famosa per il suo vino da dessert, il Tokaji Aszú, questa regione rappresenta un esempio unico di tradizione vinicola e cultura.

La regione ha ottenuto una protezione speciale nel 1737, quando un decreto reale l'ha dichiarata come denominazione chiusa - la prima regione vinicola al mondo con un titolo del genere.

Tuttavia, questo comportava anche degli obblighi: la produzione di vino in questa regione è continuata per quasi tre secoli sotto una rigida regolamentazione.

Parco Nazionale di Hortobágy

Hortobágy
Hortobágy

Conosciuto come la più grande pianura erbosa naturale d'Europa, il Parco Nazionale di Hortobágy è un esempio di convivenza armoniosa tra uomo e natura.

La gestione sostenibile del territorio da parte della comunità di pastori locali lo rende un sito UNESCO unico nel suo genere.

Parco Nazionale di Fertő-Hanság

Ferto
Ferto

Il lago Fertő, il più grande lago salato d'Europa, è situato in questo parco, che è stato riconosciuto dall'UNESCO per la sua ricca biodiversità e il paesaggio culturale formatosi in 8000 anni di storia.

Necropoli di Pécs

Pecs
Pecs

Nella città romana di Pécs, la necropoli paleocristiana è un sito UNESCO che offre uno sguardo affascinante sulle pratiche funerarie e liturgiche del periodo tardo-romano, rappresentando un esempio eccezionale di arte e architettura funebre paleocristiana.

La Caverna Baradla-Domica ad Aggtelek

Siti Unesco Ungheria
Le grotte di Aggtelek

Le grotte di Aggtelek comprendono il sistema di grotte Baradla-Domica, lungo 26 chilometri, e la grotta Rákóczi n.1.

La caverna più famosa del Carso Aggtelek e Slovacco è il sistema di grotte Baradla-Domica, la cui lunghezza totale, compresi i rami finora esplorati, è di 25 chilometri - il che la rende la grotta più lunga dell'Ungheria.

Grazie all'eccezionale acustica della Grotta di Baradla, nella Sala dei Concerti si tengono occasionalmente concerti di musica classica per l’intrattenere i visitatori.

Riproduzione riservata