Turchia

Cosa vedere a Bodrum, le migliori attrazioni tra mare e spiaggia

Bodrum cosa vedere

Una cittadina adagiata sulla costa sud-ovest della Turchia, affacciata sul mar Egeo e l’isola di Kos, Bodrum affascina con le sue case bianche, il castello medievale e i caffè lungo le due baie.

Era l’antica Alicarnasso che diede i natali a Erodoto e Dionigi. Fino a pochi decenni fa era un villaggio di pescatori, ma dalla seconda metà del XX secolo si è trasformata in una località turistica alla moda, fino a diventare una delle mete balneari più rinomate della Turchia.

Oggi Bodrum è considerata la Saint Tropez della Turchia per il lusso, l’eleganza e la mondanità che offre. 

Ecco cosa vedere a Bodrum. 

Castello di Bodrum 

Castello di Bodrum
Castello di Bodrum

Il Castello di Bodrum è uno dei monumenti più iconici della città. Adagiato sul suo lungomare, il castello è stato costruito nel XV secolo dai Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni, precisamente tra il 1402 e il 1437. Ma quando Solimano il Magnifico conquistò Rodi, nel 1522, i Cavalieri Ospitalieri furono costretti a cedere il castello agli Ottomani che ne convertirono subito la cappella in moschea.

Il minareto poi crollò durante la Prima guerra mondiale, sotto i bombardamenti francesi e venne poi fatto ricostruire nel 1997 dal governo turco.

Il castello oggi è considerato un esempio di architettura crociata in Oriente, che colpisce soprattutto per le sue torri: la francese, l’inglese con un leone scolpito sulla parete ovest, e la Torre Gatineau, che conduce ai sotterranei.

Oggi inoltre il castello ospita il Museo di archeologia subacquea, uno dei più importanti musei al mondo di questo genere. Tra i preziosi reperti qui si può vedere una nave di 16 metri affondata nel 1025 e i ritrovamenti di vari naufragi dell'Età del bronzo.

Mausoleo di Alicarnasso 

Mausoleo di Alicarnasso

Il Mausoleo di Alicarnasso era un’enorme tomba fatta costruire da Artemisa per il suo defunto marito e fratello Mausolo, governatore della Caria, storica regione dell’Anatolia ed in quel periodo provincia dell’impero persiano.

Tra il 353 ed il 350 a.C., venne eretto su progetto dell'architetto Pytheos, un edificio alto ben 42 metri, che per la sua imponenza e magnificenza fu poi incluso fra le sette meraviglie del mondo antico.

Una volta conclusa, l’opera era alta 46 metri ed era stata decorata con magnifici fregi dai più celebri scultori greci dell'epoca.

Da allora il termine mausoleo venne usato per indicare tante altre tombe monumentali. Purtroppo però oggi si possono vedere solo alcune rovine di questa maestosa opera, poiché nel 1494 d.C. venne completamente raso al suolo da un terremoto.

In seguito i Cavalieri Ospitalieri ne utilizzarono le pietre per costruire il castello di San Pietro. La maggior parte di ciò che resta del mausoleo si trova oggi al British Museum di Londra. 

Museo Marittimo 

È un piccolo ma interessante museo dove approfondire la storia marittima di Bodrum.

Qui vedrete numerosi esempi di caicco, imbarcazione tipica utilizzata per il trasporto delle merci poi diventata il centro dell’attività turistica.

Scoprirete la tradizione navale di Bodrum e potrete ammirare inoltre una singolare collezione di spugne e conchiglie provenienti da tutto il mondo. 

Teatro antico

Teatro
Antico Teatro

L'antico teatro di Bodrum è stato costruito nel IV secolo a.C. in stile greco-romano e poteva ospitare fino a 13.000 persone.

Fu ampliato dai Romani durante il II secolo d.C. ed infine restaurato negli anni ‘70 e ‘90 dal governo turco. Oggi il teatro antico ha 10.000 posti e ospita concerti, eventi culturali ed altri spettacoli. Godetevi la vista sul mar Egeo e sull’isola di Kos.

Cimitero ottomano

Poco più in alto del porto turistico, il cimitero ottomano custodisce le tombe di due famosi marinai turchi (Mustafa Pa scià e suo figlio).

Una zona del cimitero un tempo era un cantiere navale ottomano. Vale la pena venire qui per ammirare magnifici panorami della costa, mentre la torre difensiva del XVIII secolo accoglie mostre d’arte. 

Porta di Myndos 

Oggi rimangono solo rovine della Porta di Myndos, l’ultimo pezzo rimasto delle possenti mura della fortezza del re Mausolo del IV secolo a.C., che circondava l'antica città per sette chilometri. Davanti alla porta si vedono i resti di un fossato, in cui nel 334 a.C. morirono annegati numerosi soldati di Alessandro Magno.

Mulini a vento 

Mulini di Bodrum
Mulini di Bodrum

Per contemplare alcune delle migliori viste di Bodrum, costeggiate la penisola nella zona occidentale della città, dove ci sono sette antichi mulini a vento. 

Spiagge di Bodrum e dintorni

Spiagge di Bodrum
Spiagge di Bodrum

“Il paradiso dell’eterno azzurro”, così Omero aveva definito Bodrum.

Perciò andate alla scoperta del mare cristallino e delle magnifiche spiagge incastonate nella costa rocciosa e verdeggiante di Bodrum.

Vicino alla città troverete spiagge come Bardakci e Gümbet.

A 6 chilometri dal centro di Bodrum si trova la spiaggia di Shoe Bay, un suggestivo susseguirsi di calette appartate separate da rocce e alberi. Allontanandosi dalla città di Bodrum si può raggiungere l’Aquarium, così chiamata per la trasparenza dell’acqua.

Se amate i beach club invece dovreste andare al Macakizi, un elegante resort che dal 1977 accoglie top model, rock star e ospiti illustri come Mick Jagger, Rudolf Nureyev e Kate Moss. Qui troverete un’elegante penisola in legno con comodi cuscini da cui tuffarsi nelle acque cristalline.

Si può trascorrere la giornata tra i vari ristoranti panoramici e la spa per finire con un aperitivo e dj set  al tramonto.

L’ideale però per godersi il mare è fare una crociera di una o più giornate a bordo di un caicco turco, di solito con pranzo incluso, per esplorare le insenature e le calette più belle della penisola di Bodrum. Da non perdere una sosta all’isola di Orak dove nuotare nelle acque cristalline. 

Cosa vedere nella penisola di Bodrum 

Efeso
Efeso

Una volta che avete visitato Bodrum, vale la pena esplorare anche i suoi dintorni.

La penisola di Bodrum vi sorprenderà con affascinanti villaggi costieri, resort, ristoranti e club esclusivi, la meravigliosa costa frastagliata dalla natura incontaminata.

A circa 20 km a ovest di Bodrum si trova Gümüşlük, uno dei più suggestivi villaggi di pescatori dove la sera si respira un’atmosfera magica tra tavolini di ristoranti pieds dans l'eau, candele e lanterne.

Tra i ristoranti, Mimoza è il più gettonato e assicura una cena speciale. Un altro villaggio di pescatori da vedere è Turgutreis, dove perdervi tra le bancarelle del bazar e prendere un caffè turco in uno dei locali sul lungomare.

Se invece avete più tempo a disposizione, a circa due ore e mezzo di auto da Bodrum si trova Efeso la città più importante dell’Asia Minore durante l’Impero romano, che custodisce un antico sito archeologico, uno dei più grandi e meglio conservati dell'antichità.

Un grande museo a cielo aperto, dove camminare fra rovine millenarie, alcune delle quali tuttora in buono stato, come la Biblioteca di Celso e il maestoso Teatro Antico.

Cosa mangiare a Bodrum 

A Bodrum potrete assaggiare i piatti della cucina turca con influenze greche e mediterranee. Ecco alcune specialità da non perdere: Börek (sfoglia ripiena di formaggio o carne macinata), il Cacık (salsa di yogurt, cetrioli grattugiati, aglio e olio di oliva), Dolma (polpettine di riso speziato, pinoli, uvetta e avvolte in foglie di vite), Zeytin Yağlılar (carciofi con fagioli e fave), Imam bayildi (melanzane ripiene di cipolla, pomodoro e erbe).

Troverete anche diverse minestre tra cui İşkembe çorbası (zuppa di trippa), Yayla çorbası (minestra di menta e yogurt), Mercimek Çorbası (minestra di lenticchie rosse) e Ezogelin Çorbası (minestra di lenticchie rosse al limone).

Tra i piatti di carne bisogna assaggiare il famoso kebab (carne di agnello, pollo o manzo marinata e grigliata per poi essere servita al piatto o in un panino accompagnata da cipolla e verdure), Köfte kebab (polpette di carne tritata con peperoncino, erbe e mollica di pane), Döner Kebab (lamelle di carne cotta allo spiedo), Adana (carne tritate alle erbe molto speziata), İskender (kebab servito con yogurt e pane marinato), Güveç (stufato di montone, manzo o pollo cotto a fuoco lento in una terracotta).

Tra le specialità di mare potrete scegliere tra la triglia (barbunya), il cefalo (kefal), il branzino (levrek), il tonno (palamut), lo sgombro (istarvit), i gamberoni (karides) e il pesce spada (kilic). Accompagnate le portate con pani e focacce come il Pide (specie di pizza ripiena di carne, cipolla o formaggio), Iahmacun (pizzetta turca che si vende per strada), Gözleme (enormi focacce farcite con formaggio, patate, spinaci o carne macinata), Sìmit (ciambelline di pane al sesamo), Pogaça (piccoli calzoni ripieni di formaggio, carne, spianaci o patate). Finite con la pasticceria turca, tra cui la famosa baklava, (sfoglia con noci e pistacchi imbevuta di sciroppo di zucchero). Concludete con un bicchiere di rakı, la bevanda super alcolica a base di anice. 

Come arrivare e spostarsi a Bodrum 

Dall’Italia si può raggiungere Bodrum in aereo con scalo a Istanbul o Ankara. L’aeroporto di Milas-Bodrum si trova a circa 35 chilometri dal centro della città.

Se invece vi trovate nelle isole del Dodecaneso, in Grecia, è facile raggiungere Bodrum con un traghetto dall’isola di Kos in circa 30 minuti. Una volta arrivati, si può esplorare il centro e il porto a piedi.

Per raggiungere le località nei dintorni consigliamo di spostarsi in taxi che a Bodrum hanno prezzi abbordabili. 

Quando andare a Bodrum 

L’estate è chiaramente il periodo ideale per una vacanza di mare, ma sappiate che le temperature possono essere molto alte e il caso afoso.

Altrimenti la primavera e l’autunno possono essere ottimi periodi per visitare la penisola di Bodrum con temperature più piacevoli e meno folla. 

Mappa e cartina

Riproduzione riservata