Idee di viaggio

Trenino Rosso del Bernina, da Tirano a St. Moritz

Viaggio a bordo dello spettacolare treno attraverso le Alpi

Trenino Rosso del Bernina: percorso, fermate e prezzi TRENO Shutterstock
5/5

Esiste un modo per recuperare il gusto di un viaggio lento e panoramico dentro paesaggi naturali e borghi alpini: il Trenino Rosso del Bernina. Prendere posto su uno dei suoi inconfondibili vagoni rossi significa lasciarsi portare in un tragitto tra l'Italia e la Svizzera alla scoperta di alcune delle località più belle delle Alpi come i vigneti della Valtellina, le suggestive località montane di Tirano, Campocologno e Campascio e gli incredibili ghiacciai del Bernina e di Morteratsch.

Conosciuto anche col nome di treno più bello del mondo o treno più alto d'Europa, il Trenino Rosso del Bernina è un capolavoro di ingegneria ferroviaria, una testimonianza storica che vanta un secolo di vita e uno spettacolo itinerante tra la cornice montana in cui sfila in perfetta armonia lungo una tratta ferroviaria che è stata inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco.

Trenino Rosso del Bernina

Costruita tra il 1906 e il 1910 con soluzioni tecniche all’avanguardia per l’epoca questa ferrovia è tra le più ripide del mondo tra quelle a scartamento ridotto, con tratti che toccano pendenze fino al 70 per mille e un dislivello di oltre 1800 metri. La stazione di partenza si trova a Tirano, a quota 429 metri, quella di arrivo è a St. Moritz, a 1756 metri, dove il treno giunge dopo aver superato il punto più alto del Passo del Bernina, a quota 2253 metri.

61 chilometri, 55 gallerie, 196 viadotti, 21 fermate previste tra Svizzera e Italia, rendono il viaggio tra le Alpi emozionante e panoramico, un’arrampicata piena di fascino sul tetto d’Europa, tra le sue cime incontaminate e panorami mozzafiato dalle pendici del versante della Valtellina, ai boschi di maestose conifere della Valposchiavo fino agli alti pascoli del Passo Bernina e ai laghi alpini, cascate tra le rocce, ghiacciai e pascoli.

Il Percorso trenino del Bernina

  • Tirano 
  • Campocologno
  • Campascio 
  • Brusio 
  • Le Prese
  • Poschiavo 
  • Cavagia
  • Alp Grüm 
  • Ospizio Bernina
  • Bernina Lagalb 
  • Bernina Diavolezza 
  • Morteratsch 
  • Pontresina 
  • St. Moritz

Fermate consigliate

La stazione di partenza del Trenino Rosso è nel comune di Tirano in provincia di Sondrio, un’antica cittadina storica punto di partenza ideale per molte escursioni sia in Valtellina sia nelle vicine vallate svizzere da cui si snoda un tragitto ricco di emozioni forti, basta mettersi comodi su una delle poltrone a bordo dei suoi vagoni rossi e aspettare che il capotreno fischi per partire puntuali alla volta di un viaggio unico.

Quando il capostazione fischia il treno lascia la stazione di Tirano e incontra subito una delle chiese più belle in Lombardia: la Basilica della Madonna di Tirano, poi attraversa la Valle di Poschiavo, dove raggiunge uno dei punti più suggestivi della tratta, il meraviglioso viadotto elicoidale di Brusio, un fulgido esempio di opera ingegneristica pensata per superare il dislivello. 

Successivamente il Trenino fa tappa nelle stazioni di Miralago e di Le Prese in cui i passeggeri possono scendere per visitare le rispettive località e incamminarsi nella passeggiata di circa un’ora intorno al lago di Poschiavo a quota 962 metri di altitudine. Dopo pochi chilometri si può visitare l’antico borgo di Poschiavo con un centro storico interamente chiuso al traffico che ospita musei, palazzi storici, un bel mercato tradizionale e da dove partono una serie di percorsi escursionistici come quello panoramico dell’alpeggio di San Romerio. 

Da qui il trenino compie un giro di 180 gradi per superare le pendenze della montagna con un particolare andamento a chiocciola che lo porta nel tratto spettacolare che costeggia il laghetto Palù, l’alpeggio di Cavaglia dove è possibile visitare il Giardino dei Ghiacciai attraverso un sentiero segnalato e panoramico sulla Valposchiavo, con le impressionanti marmitte dei giganti, antichissimi pozzi naturali, per arrivare fino alla stazione di Alp Grüm, considerata da molti la fermata più bella del viaggio, con il suo panoramico belvedere a 2.091 m con vista sulla Valposchiavo e sul ghiacciaio del Palù, ideale per escursioni e scatti mozzafiato.

La tappa seguente è all’Ospizio Bernina, il punto più alto di tutto l’itinerario con la stazione che ospita uno storico ristorante-albergo affacciato sul Lago Bianco e sul ghiacciaio del Morteratsch dove si trova una stazione incastonata nel maestoso panorama del gruppo del Bernina, dove chi vuole può intraprendere avventurose escursioni tra i ghiacci o intorno ai laghi alpini.

Da qui il Trenino Rosso inizia la sua discesa verso il paesaggio incantato di St. Moritz a 1.775 m passando per le località Bernina Lagalb e Diavolezza molto amate dagli sciatori e di Pontresina, un borgo alpino da cui andare alla scoperta della bellissima Val Roseg.

L’elegante, mondana, internazionale e conosciutissima St. Moritz non è ancora il capolinea del Trenino, che continua il suo viaggio verso Thusis lungo la linea dell’Albula affrontando impegnativi dislivelli e spettacolari gallerie elicoidali.

trenino-rosso_1

Qual è la stagione migliore per salire a bordo del Trenino Rosso del Bernina?

Il Trenino Rosso del Bernina è sempre in viaggio, con una fitta tabella di marcia in ogni giorno dell’anno. Le diverse stagioni donano al viaggio sensazioni e sfumature differenti ma parimenti affascinanti e indimenticabili. 

L’inverno regala un colpo d’occhio straordinario con il treno che attraversa paesaggi alpini bianchi e completamente innevati, l’autunno è ideale per immergersi nella tavolozza di colori accesi del foliage, la luce della primavera mette in risalto i fiori e i colori della natura che esplodono tra i boschi mentre in estate si può vivere l’esperienza unica di viaggiare sulle speciali carrozze aperte cabrio del trenino che consentono di apprezzare il paesaggio attorno con una vista a 360° e respirare a pieni polmoni l’aria salubre delle Alpi.

trenino-rosso_2

Treni e carrozze

Il Trenino Rosso del Bernina e Bernina Express fanno parte dei treni di linea della Ferrovia Retica. Per il viaggio tra Tirano e S. Moritz si può scegliere tra due diverse tipologie di treni: il Bernina Express con vetrate a cupola che permettono una visuale ampia sul panorama circostante e il treno regionale che si ferma in tutte le stazioni del percorso da cui si può scendere e salire a piacimento durante il percorso e prendere il treno successivo. 

Nei mesi estivi, in coda ad alcuni treni regionali, vengono aggiunti dei particolari vagoni scoperti di colore giallo, con panche di legno orientabili secondo il senso di marcia del treno e con capienza di 12 o 36 posti. 

A differenza delle più confortevoli carrozze tradizionali qui non è presente l’impianto di illuminazione né audio, non ci sono i pulsanti per la richiesta di fermata ed ovviamente si è più esposti alle condizioni climatiche specialmente quando il treno raggiunge quote oltre i 2000 metri.

Quello che si perde in comodità però si recupera in atmosfera con un viaggio di altri tempi carico di fascino e suggestioni totalmente immersi nello spettacolo naturale da cartolina delle Alpi Svizzere da ammirare lungo la via insieme a ghiacciai, gole e strapiombi, ponti coperti e gallerie scavate nella montagna.

bernina_2

Prezzi e biglietti 

Fino al 30.11.2021 e dal 01.02.2022 al 28.02.2022 si viaggia con la speciale offerta di 99 euro per due persone. Per tutti i dettagli e per acquistare il biglietto vi consigliamo di visitare il sito ufficiale della ferrovia retica

Autore: Giorgio Calabresi

Foto:  © marlys grisson / Shutterstock

Scopri