Slovenia

Slovenia in Autunno, cosa fare e vedere assolutamente

03-08-2023
La Slovenia in autunno è pura magia, ecco perché vale la pena raggiungerla durante la stagione del foliage.

Slovenia in Autunno, cosa fare e vedere

La Slovenia è uno di quei luoghi capaci di sorprendere e affascinare per i suoi paesaggi, la natura incontaminata, le sue cime innevate, i laghi cristallini, le sue fiabesche grotte e le affascinanti città da visitare.

Vicinissima all’Italia e facilmente raggiungibile dal nostro Paese sia in auto che in autobus, in autunno la Slovenia rappresenta la meta ideale per vivere magia di colori e profumi e perdersi nelle vie delle sue cittadine.

Tra l’odore delle caldarroste che si diffonde per le strade e un buon bicchiere di vin brulé nelle fresche giornate.

Una delle caratteristiche tipiche della Slovenia è la breve distanza che esiste tra le città e il verde della natura.

Questo consente ai visitatori di godere nella stessa giornata tanto delle bellezze architettoniche dei centri delle cittadine che delle zone naturali che le circondano.

In autunno, in particolare, le riserve danno il loro meglio, vestendo il paesaggio di giallo, arancio e rosso dalla montagna al mare e rendendo tutto particolarmente suggestivo.

Ecco cosa vedere nella stagione del foliage in Slovenia.

Il Collio

Una delle mete preferite per gli amanti della natura e della pedalata è il Collio, a pochi chilometri da Gorizia.

Si trova in una immensa vallata di vigneti e ciliegi che in autunno si tingono di caldi colori, costellata da bellissimi borghi come Biljana e Smartno.

VEDI ANCHE Slovenia Green Wellness Route, itinerario e percorso della via del benessere SloveniaSlovenia Green Wellness Route, itinerario e percorso della via del benessere

Biljana è una delle parrocchie più antiche di Brda. Sulla parte più alta insiste la Chiesa di San Michele, simbolo della cittadina, che custodisce affreschi di rilevante importanza di diverse epoche storiche.

Attorno alla chiesa sorgono invece case tipiche dell’architettura slovena che sono oggi disabitate.

Smartno è il più conosciuto dei paesini del Brd, è una storica fortezza i cui primi insediamenti risalgono all’antica Roma.

Racchiusa da alte mura di cinta e sei torrioni, la parte più antica conserva ancora le originarie abitazioni risalenti al XIV secolo e costruite attorno alla Chiesa parrocchiale di San Martino, da cui il borgo prende il nome. Smartno è anche il sito di due fosse comuni del periodo post-bellico.

Il Lago di Bled

Il lago di Bled ha origini glaciali e la sua particolare forma deriva proprio dalla sua natura tettonica.

Sul versante orientale del lago ci sono sorgenti termali le cui acque oggi sono incanalate in tre piscine di vicini complessi alberghieri.

La temperatura dell’acqua non scende mai sotto i 20-25 gradi tranne d’inverno. Tra le attività che si possono praticare qui ci sono le immersioni subacquee e le nuotate (nei periodi caldi) ma anche i giri in barca.

Noleggiando una piccola imbarcazione si può infatti raggiungere l’isolotto che si trova in mezzo al lago, salire fin sopra al campanile e far suonare la cosiddetta campana dei desideri.

Sull’isola si trova anche la famosa pasticceria la “Poticnica” dove gustare il dolce tipico della tradizione slovena, la “potica”.

Anche una rilassante passeggiata attorno al lago nasconde sorprese: angoli e anfratti diventano infatti fiabeschi quando si tingono dei colori dell’autunno.

Per gli amanti della fotografia, non c’è spettacolo più bello che fotografare l’alba sul lago con lo sfondo dell’isola.

Scoprire le strade del vino

L’autunno, si sa, è anche la stagione del vino. Finita la vendemmia, già le vigne color porpora rappresentano uno spettacolo che delizia gli occhi ma, in alcune regioni della Slovenia, si producono ottimi vini e sono organizzati veri e propri tour ed escursioni per scoprire le “strade del vino”.

Nella Stiria slovena, nei tour si è accompagnati da perfetti sommelier che conducono nelle cantine e nelle catacombe del vino sotto la città di Maribor.

Durante il tour si può anche degustare il buon vino accompagnato da delizie gastronomiche del posto. Simili esperienze si vivono nelle regioni di Dolenjska, dove si organizzano escursioni per ammirare i paesaggi autunnali e fermarsi nelle cantine locali a degustare il vino.

Visitare Maribor

Maribor è la seconda città slovena che si trova nella zona vinicola sul fiume Drava. La Piazza è il cuore della città, punto di partenza da cui esplorare le bellezze architettoniche del posto.

Da visitare il Castello che fu fatto costruire dall’imperatore Federico II nel 1483 come fortezza difensiva e che oggi è sede del Museo Regionale.

Nella piazza principale della città si trova lo Spomenik Nob, un maestoso monumento di bronzo per commemorare i ribelli che opposero resistenza, uccisi dai nazisti durante la II guerra mondiale.

Vicino allo Spomenik Nob, sorge la Basilica francescana di Santa Maria caratterizzata dal colore rosso dei mattoni e dalle guglie azzurre.

Altra importate Chiesa della città è la Cattedrale di San Giovanni Battista costruita nel 1248 in stile gotico anche se nel tempo si è arricchita di vari stili architettonici.

Visitare Lubiana

La capitale della Slovenia è anche la più grande tra le sue città. È ricca di storia, cultura e folklore e nasconde davvero splendide e suggestive bellezze naturali ed artistiche.

Il centro storico è pieno di bellissimi palazzi in stile mitteleuropeo, musei e gallerie d’arte.

Lubiana

Sulla cima della collina svetta il Castello la cui origine risale al Medioevo. Ampliato e fortificato dall’imperatore Federico III, nel XVII secolo divenne residenza nobiliare e poi ospedale militare sotto il dominio francese e in seguito prigione con il ritorno degli austriaci.

Oggi il castello è una location usata per eventi culturali, concerti, mostre e spettacoli. Tra le Chiese da vedere a Lubiana c’è di certo Cattedrale barocca di San Nicola dedicata al santo patrono dei pescatori il cui interno in marmo rosa e stucchi bianchi custodisce preziosi affreschi.

Nella Capitale si trova anche la Biblioteca Nazionale Universitaria, un enorme edificio di quattro piani con due cortili interni ed una monumentale scalinata di marmo scuro e 32 colonne che conduce alla sala lettura. Questa è forse la più importante opera architettonica di Lubiana e risale alla metà del 1900.

La città è attraversata da molti ponti che attraversano il fiume Ljubljanica. Il lungofiume è ricco di locali, caffè e ristoranti che animano le notti dei turisti.

Relax alle Terme

La Slovenia è anche la terra delle acque termali sparse un po' ovunque. In molti Residence ed Hotel del territorio ci sono infatti stazioni termali e spa dove trascorrere un fresco pomeriggio autunnale in relax, sorseggiando ottime tisane.

Riproduzione riservata