Belgrado

Cosa vedere a Belgrado

Belgrado, cosa fare e vedere assolutamente

Con un passato tumultuoso e un’anima indomita Belgrado è stata capace di risorgere dalle sue macerie e trasformarsi in una delle capitali europee più in movimento di oggi.

Città simbolo della Serbia con due milioni di abitanti Belgrado è una città che tiene insieme la sua antica cultura con uno spirito votato al divertimento e alla vitalità. Anche conosciuta come “La Città Bianca” per via della pietra utilizzata per la sua Fortezza, è nata alla confluenza di due grandi fiumi Balcani, il Danubio e il Sava e vanta grandi spazi verdi, animati lungofiume dove impazza la vita notturna a bordo di bar galleggianti detti splavovi e numerosi vecchi edifici industriali di stampo comunista riconvertiti in centri culturali.

Cosa vedere e fare a Belgrado

  • Fortezza di Belgrado
  • Skadarlija
  • Chiesa di San Sava
  • Ada Ciganlija
  • Via Knez Mihailova
  • Torre di Gardoš
  • Museo Nikola Tesla
  • Chiesa di San Marco
  • Piazza della Repubblica
  • Zemunski Kej
  • Torre di Avala
  • Museo Militare di Belgrado
  • Museo di Storia Jugoslava
  • Teatro Nazionale
  • Museo dell’Aviazione
  • Cattedrale di San Michele
  • Stari Dvor e Novi Dvor
  • Casa dell’Assemblea nazionale della Serbia
  • Palazzo Bianco
  • Stadio Rajko Mitic (Marakana)
  • Museo storico della Serbia
  • Chiesa Ružica
  • Splavovi

belgrado_4

(Foto: © e2dan / Shutterstock)

La sua architettura monumentale rivela la sua natura caotica e il suo passato travagliato, tra edifici distrutti dai bombardamenti, testimonianze di vecchi regimi e una costante spinta alla rigenerazione urbana che la rende grintosa, dinamica e in continua trasformazione.

Rimarginate le ferite della guerra, Belgrado pulsa di un nuovo spirito giovanile con una nascente scena musicale elettronica che la pone al centro di festival internazionali di grande richiamo per gli appassionati.

Le cose da vedere e da fare non mancano in città sia per chi vuole divertirsi con una serata nel vivace quartiere bohémien di Skadarlija, sia per chi preferisce visitare le sue attrazioni storiche come l’iconica chiesa di San Sava, la più grande chiesa ortodossa orientale del mondo e l’antica fortezza di Kalemegdan, oggi tramutato in un parco verde con tanto di mercatino artigianale. Belgrado ospita anche svariati musei che vale la pena visitare, tra cui quello dedicato a Nikola Tesla, il Museo Storico della Serbia, il Museo della Scienza e della Tecnologia, il Museo Nazionale della Serbia, il Museo Militare, il Museo dell’Aviazione, il Museo di Arte Contemporanea o il Museo Etnografico.

Vediamo allora insieme qualche suggerimento su quali zone andare a scoprire e cosa fare a Belgrado.

belgrado_3

Kalemegdan

Per iniziare la nostra esplorazione di Belgrado partiamo da uno dei suoi luoghi simbolo più riconoscibili e più amati dai suoi cittadini: La fortezza di Kalemegdan. Si tratta di un’antica base militare riconvertita nell’enorme parco centrale di Belgrado.

Affacciata sulla confluenza dei fiumi Sava e Danubio è un luogo romantico, ideale per rilassarsi al sole e godere di splendidi panorami soprattutto intorno all’ora del tramonto, ascoltare musica di strada e prendere parte a balli di gruppo sorseggiando un drink. 

Al suo interno è anche possibile visitare musei, gallerie d’arte e alcuni dei monumenti più riconoscibili della città come la statua di Pobednik per poi sedersi a un caffè o praticare sport come il tennis. La vasta aera verde è suddivisa in più parti da esplorare con calma passeggiando lungo la riva del fiume Sava.

Ada Ciganlija

Per continuare ad entrare nello spirito di Belgrado mantenendo un certo grado di relax ci spostiamo sulla piccola penisola artificiale di Ada Ciganlija, considerata dai locali come il mare di Belgrado.

 Quando il sole estivo riscalda la città questo è il posto ideale dove rinfrescarsi davanti le acque del fiume/lago Sava con spiagge affollate, bar e ristoranti e impianti sportivi di ogni tipo. La penisola di Ada è anche ricoperta da fitti boschi di olmi e querce tra i quali si aggirano svariati animali selvatici  

Skadarlija

L’ultimo angolo dall’atmosfera bohémien di Belgrado è un piccolo quartiere del centro di nome Skadarlija. Nota per le sue caratteristiche pavimentazioni acciottolate Skadarlija era un tempo era il luogo di ritrovo di famosi musicisti, poeti, scrittori, storici e rivoluzionari serbi che si incontravano lungo i 400 metri della via Skadarska. 

Oggi la zona pedonale è ideale per piacevoli passeggiate tra negozi di antiquariato, lampioni in ferro, eleganti panchine, mostre d’arte, artisti di strada, caffè sofisticati e alcuni dei migliori ristoranti in città che servono i piatti della tradizione serba. Nei suoi pressi sono facilmente raggiungibili anche altri luoghi d’interesse come il Museo delle Illusioni e il Teatro Nazionale.

Zemun

Quella di Zemun è una piccola città nella città situata lontano dal centro, sulla riva del Danubio ed annessa alla capitale solo nel 1934, motivo per cui ha un ritmo di vita ed un aspetto totalmente diverso dalle zone del centro. 

Oltre ad un’atmosfera più rilassata e meno caotica qui si trova l’architettura tipica dell’Impero asburgico con case basse e tetti rossi, mentre dall’alto della Torre di Gardoš sull’omonima collina si gode di uno dei panorami più suggestivi sulla città. Questa zona è ideale da visitare per conoscere una faccia diversa della vita di Belgrado e per concedersi lunghe e piacevoli passeggiate lungo le sponde del Danubio.

Knez Mihailova

Knez Mihailova è la principale via pedonale di Belgrado che si estende per circa un chilometro tra Terazije e la fortezza di Kalemegdan. Questa è una delle parti più antiche di Belgrado fiancheggiata da splendidi edifici d’epoca, oggi è zona pedonale per lo shopping e per fermarsi a osservare la gente dal tavolino di uno dei tanti caffè presenti. 

Sebbene non sia il centro geografico della città, Knez Mihailova è senza dubbio il centro sociale della capitale serba e una delle sue strade più antiche costellata di edifici di rilievo come ad esempio quello dell’Accademia serba delle scienze e delle arti e da una serie di palazzi neoclassici.

Da qui si può anche salire a bordo del tram numero 2 per un percorso circolare intorno alla città e scoprirne le bellezze in un simpatico e pratico viaggio on the road.

Gli edifici bombardati dalla NATO

Come tristemente noto negli anni ’90 tutta l’area dell’ex Jugoslavia è stata teatro di una guerra straziante che ha portato a profondi cambiamenti geo-politici. Le cicatrici della guerra sono oggi ancora visibili a Belgrado in particolare nei vecchi edifici di potere dello stato jugoslavo che vennero bombardati dalla Nato. A distanza di oltre venti anni dai fatti è ancora possibile visitare alcuni di quei palazzi che testimoniano in modo crudo un passato tragico ma indissolubilmente legato alla storia della città. Uno degli edifici bombardati, un tempo ministero della difesa, si trova all’angolo tra le vie Nemanjina e Kneza Miloša e le sue rovine tenute in piedi da costruzioni metalliche sono un luogo della memoria.

belgrado_2

La street art

Belgrado vanta una delle migliori scene di street art dell’intera regione balcanica con numerose opere disseminate in tutta la città da sfruttare anche come percorso di esplorazione alternativo e a piedi.

Le aree migliori per trovare l’arte di strada a Belgrado sono quelle di Savamala e Dorcol nel centro così come i quartieri di Nuova Belgrado verso il fiume Sava. Le opere sono firmate da grandi artisti di strada internazionali così come da artisti locali che colorano i muri della città con disegni dedicati ai loro cari scomparsi.

Vita Notturna

Belgrado ha una delle scene di vita notturna più vivaci in Europa con tante opzioni di scelta tra diversi locali che ospitano grandi feste e dj di fama internazionale. I locali notturni più gettonati di Belgrado sono i cosiddetti Splavlovi, delle chiatte ormeggiate sulle rive del Danubio e della Sava, che specialmente durante i mesi estivi sono il fulcro della mondanità in città. 

In particolare nelle zone di Staro Sajmište e Beton Hala si concentrano la maggior parte dei club, ristoranti, caffè e pub più frequentati di Belgrado dove fare festa fino all’alba e vivere la città fino in fondo.

Quando andare a Belgrado?

Il periodo migliore per visitare Belgrado è nei mesi che vanno da aprile a ottobre. La temperatura in primavera e autunno è mite mentre i mesi più caldi sono quelli estivi, tra giugno e agosto con picchi anche di 30 gradi.

Se viaggiate tra maggio e giugno, portate con voi protezione per la pioggia, in questi mesi le precipitazioni sono molto frequenti.

Mappa e cartina

Foto: © poludziber / Shutterstock

Riproduzione riservata