Idee di viaggio

Cascate del Menotre, tra natura e trekking

Un angolo di paradiso da raggiungere in Umbria

Cascate del Menotre, tra natura e trekking NATURA Shutterstock
5/5

Le cascate del Menotre si trovano in provincia di Perugia, in Umbria, e più precisamente in località Pale, vicino alla città di Foligno, dove il fiume Menotre – che nasce dalle sorgenti del fosso di Favuella, ad 800 metri di altezza – “precipita” nella vallata sottostante dando vita a uno spettacolo naturale mozzafiato. 

Tutta la zona circostante è un’oasi naturale che regala un paesaggio ricco di tranquillità ed estremamente rilassante, lontano dai percorsi naturalistici più famosi e – proprio per questo motivo – perfetto per chi vuole organizzare un’escursione

Dalle Cascate del Menotre, infatti, partono degli interessanti sentieri di trekking, poco battuti e immersi completamente nella natura, con una flora e una fauna ricchissima e non troppo complicati, adatti quindi anche ad escursionisti alle prime armi. 

Il trekking sulle cascate del Menotre

Il percorso di trekking per arrivare alle cascate parte da località Altolina, vicino la città di Foligno. Qui è situato un parcheggio dove si può lasciare la macchina e proseguire a piedi. Il percorso è segnalato con cartelli e inizia attraversando un bosco di ulivi, in leggera ma costante salita. Mentre si continua a salire verso la località di Pale e – mentre si osservano i primi salti di acqua delle cascate – si può fare rotta verso l’Eremo di Santa Maria Giacobbe: una piccola chiesa con annesso eremo costruita nella seconda metà del secolo XIII in una grotta a mezza costa del Monte di Pale, dove la tradizione vuole che la Santa abbia sostato in penitenza. Il tratto per arrivare al sito è un po’ più complicato ma molato breve. 

Una volta raggiunto l’Eremo è possibile tornare indietro con il percorso ad anello che riporta al parcheggio di partenza. 

Tutto il sentiero è quasi completamente all’ombra, ideale da percorrere anche nelle calde giornate estive. Il consiglio è quello di prestare sempre la massima attenzione e usare esclusivamente scarpe da trekking. 

Lungo il percorso non ci sono aree attrezzate per la sosta e il pic nic ma è possibile trovare numerose zone verdi, pianeggianti e alberate dove fermarsi per riposare e ristorarsi. 

Le Grotte dell’Abbadessa

Chi decide di passare una giornata alla scoperta delle cascate del Menotre può aggiungere al suo itinerario di trekking le vicine e molto suggestive Grotte dell’Abbadessa. Chiamate anche Grotte di Pale di Foligno, queste caverne naturali sono il risultato di un fenomeno naturale causato dall’infiltrazione delle acque del fiume e piovane nel terreno circostante. 

Le grotte si possono visitare – anche se l’accesso è vietato ai bambini di età inferiore ai 6 anni.

e all’interno si dividono in molte cavità in cui è possibile ammirare stalattiti e stalagmiti dalle forme mirabolanti.

Durante l’anno le Grotte sono aperte dal 1 maggio al 1 ottobre.

Autore: Paola Toia

Scopri