Sicilia

Plemmirio, spiagge, mare e natura nell’Area marina protetta di Siracusa

Plemmirio: spiagge, mare e natura nell'Area marina protetta di Siracusa

Istituita nel 2004 nella zona orientale di Siracusa, l’area protetta del Plemmirio coinvolge poco più di 14 chilometri di costa. 

Comprende la penisola della Maddalena e si allunga fino al golfo di Noto, una delle principali località turistiche della zona.

Plemmirio, l’area marina protetta della sicilia

Il Parco Marino del Plemmirio è stato in passato un importante crocevia commerciale per popoli quali i romani, i greci e i cartaginesi. In epoca moderna, invece è stata dichiarata area protetta perché ospita diverse specie animali ed è caratterizzata dalla cosiddetta “trottoir a vermeti”, una biostruttura che ricorda la barriera corallina.

L’area protetta del Plemmirio è, quindi, una delle zone più affascinanti del Siracusano. Ma cosa fare e vedere se si decide di visitarla?

area-marina-protetta-del-plemmirio

Il sentiero della Maddalena

Tra le principali attività a cui dedicarsi c’è la scoperta del sentiero della Maddalena. Un percorso di circa 10 chilometri che parte da Punta Castelluccio e arriva fino al faro di Capo Murro di Porco. Un itinerario fondamentalmente pianeggiante che scorre parallelo alla costa.  

Dalla via panoramica che si affaccia lungo tutto il litorale e offre scorci suggestivi e mozzafiato, è possibile ammirare calette sabbiose, grotte e scogliere a picco sul mare che caratterizzano questa parte di costa. Il sentiero non è considerato un percorso complesso e, per questa ragione, è adatto sia agli escursionisti esperti che ai turisti meno allenati.

Le immersioni

Nel Parco Marino del Plemmirio si può anche scegliere di dedicarsi alle immersioni. I fondali in questa zona sono infatti particolarmente suggestivi perché ricchi di flora marina ma anche perché – dopo essere stata dichiarata zona protetta – questa parte di costa è nuovamente stata abitata da capodogli, balene, tonni e delfini che i visitatori più fortunati riescono a incontrare. 

Le immersioni e lo snorkeling, però, sono ammessi soltanto in alcuni tratti e solo se accompagnati dalle guide specializzate che tengono conto anche del livello di preparazione subacquea dei singoli turisti. Nelle zone che non sono accessibili ai sub, è comunque possibile arrivare con le apposite imbarcazioni da escursione, sempre accompagnati dalle guide.

La pesca

La pesca subacquea è vietata per residenti e visitatori, ma è consentita la pesca sportiva. I turisti, però, possono pescare solo previa autorizzazione e soltanto in alcune zone del parco appositamente segnalate, per lo più a largo.

Spiagge dell’Area Protetta del Plemmirio 

Chi arriva in questo piccolo angolo di meraviglia, però, vuole dedicarsi soprattutto al relax e scoprire uno dei luoghi più suggestivi del sud Italia da vicino. Nuotando nel mare cristallino e lasciandosi riscaldare dai raggi del sole sulla battigia. 

Tra le spiagge più belle dell’Area marina protetta del Plemmirio c’è certamente quella del Minareto. Si tratta di un’insenatura incastonata tra rocce e scogliere e caratterizzata da una spiaggia sabbiosa. 

È una caletta che va incontro a tutte le esigenze. È infatti perfetta per le famiglie con bambini, in quanto è tutelata dai venti e dalle correnti (perché circondata da rocce) e anche per i suoi fondali non particolarmente profondi. È anche adatta, però, a chi ha voglia di nuotare e scoprire: le rocce circostanti sono infatti ricche di grotte e tunnel che portano da una parte all’altra della scogliera e regalano un’esperienza unica a chi sceglie di visitarle.

plemmirio

Foto: © Eug Png/Shutterstock

Mappa e cartina

Di seguito trovate la mappa con le più belle spiagge da visitare nell’Area marina protetta del Plemmirio 

Riproduzione riservata