Idee di viaggio

Lo Specchio di Venere di Pantelleria

A Pantelleria esiste un lago azzurro in un cratere vulcanico alimentato da sorgenti termali

Lago Specchio di Venere a Pantelleria: come arrivare alla piscina naturale ESTATE Shutterstock
4.3/5

L’espressione che meglio racconta la sensazione che si prova davanti allo Specchio di Venere sull’isola Pantelleria è quella che gli anglofoni chiamano il Wow Effect, ovvero l’effetto sorpresa così stupefacente che porta a pronunciare un sentito “Wow” davanti a qualcosa di inaspettato e sorprendente.

Una meraviglia quella del lago specchio di Venere che si prova all’improvviso, quando percorrendo uno dei tornati montuosi di Pantelleria ci si ritrova senza fiato davanti ad uno dei luoghi più suggestivi d’Italia: uno specchio d’acqua turchese incastonato tra colline e mare in un paesaggio naturale di grande impatto visivo.

Ma andiamo con calma e iniziamo a guardarci intorno, ci troviamo in Sicilia, sulla splendida isola di Pantelleria nella pancia del Mar Mediterraneo, più vicina alle coste tunisine che a quelle italiane. La natura di origine vulcanica dell’isola esprime tutta la forza con caratteristiche nette: sorgenti d’acqua calda, colate laviche, rocce nere a picco sul mare e paesaggi selvaggi memorabili. Sulle colline che puntellano l’isola viene coltivata la vite che da origine allo squisito vino Passito, mentre i rinomati capperi di Pantelleria crescono spontaneamente. Le abitazioni locali sono i caratteristici dammusi, antiche abitazioni squadrate circondare da muretti a secco eretti con pietre laviche. 

Specchio di Venere di Pantelleria 

In questo scenario naturale s’inserisce alla perfezione lo Specchio di Venere, un piccolo lago naturale che occupa il cratere di un vulcano inattivo, alimentato da sorgenti termali che scaldano l’acqua fino a temperature molto elevate che possono sfiorare anche i 60° C. 

Situato nella parte settentrionale dell’isola, in località Bugeber, il lago è famoso non solo per la sua bellezza abbacinante ma anche per le eccezionali qualità termali dei suoi fanghi, di grande beneficio per la pelle. L’attività preferita da chi si reca sulle sue sponde è infatti ricoprirsi interamente col fango raccolto dal suo fondale per poi lasciarlo essiccare sotto i raggi del sole prima di risciacquarsi in acqua. Le peculiari caratteristiche scaturite dalla combinazione di proprietà termali e minerali del lago risultano di grande beneficio terapeutico ed estetico per la pelle, liberandola da impurità e favorendone la liscezza.

Una vera e ambita spa naturale a cielo aperto, gratuita e bellissima.

Questa magnifica oasi termale carica di colori e atmosfera rilassante è immersa nel verde e circondata da colline panoramiche che affacciano sul mare blu intenso che lambisce Pantelleria, con vigneti e vegetazione selvaggia. Il suo aspetto unico, le qualità benefiche dei suoi fanghi e la tranquillità che si respira sulle sue rive rappresenta anche un’ottima alternativa per chi volesse saltare una giornata di mare senza rinunciare alla tintarella o farsi un bagno rigenerante.

Il bacino d’acqua turchese si estende in forma ovale per circa un chilometro in lunghezza e arriva a toccare una profondità massima di 12 metri dentro la conca dell’antico cratere, un paesaggio lunare immerso in un silenzio profondo e carico di suggestioni in una dimensione selvaggia e senza tempo.

Per queste sue caratteristiche uniche lo specchio di Venere fa parte della Riserva Naturale Orientata di Pantelleria ora trasformata in Parco Nazionale che copre la quasi totalità dell'isola. La Macchia mediterranea incontaminata, attraversata da una fitta rete di sentieri di trekking e mountain-bike, caratterizza e preserva l’ambiente naturale originario del luogo e le numerose specie di volatili. Colonie di fenicotteri fanno tappa qui durante la migrazione da e verso l’Africa, come avviene in primavera e in autunno quando il lago di Venere diventa un punto di osservazione privilegiato del passaggio di uccelli e quindi una fantastica stazione di bird-watching.

Nei diversi momenti della giornata, il lago regala scorci scenografici ogni volta diversi e magici a seconda di come la luce del sole illumina il suo specchio d’acqua, dalle prime luci dell’alba al tramonto spettacolare, fino alla magia delle ore notturne quando tocca alla Luna illuminare e rendere ancora più incredibile questo luogo.

Leggenda vuole che il suo nome derivi dalla divinità della mitologia greca, dea della bellezza che qui veniva a specchiare la sua immagine perfetta prima di ogni incontro amoroso con Bacco. Mentre oggi in maniera più laica il suo nome è associato ai giochi di luce che permettono un incredibile riflesso di vegetazione e montagne sullo specchio d’acqua celeste del lago.

Come arrivare 

La piccola isola di Pantelleria sorge al centro del Canale di Sicilia nel cuore del Mar Mediterraneo ed è facilmente raggiungibile sia via mare sia via cielo grazie al suo funzionale aeroporto. 

Per imbarcarsi su traghetti e aliscafi che conducono fino in porto si parte dal molo di Trapani dove viaggi giornalieri sono in programma con una buona varietà di orari.

Mentre per volare a Pantelleria basterà trovare la combinazione giusta per prenotare uno dei voli in partenza dalla Sicilia come Trapani e Palermo o dai principali aeroporti del resto d’Italia.

Una volta giunti sull’isola niente di più facile che raggiungere lo spettacolare Lago di Venere situato ad appena mezzo chilometro ad est del piccolo aeroporto, nella zona settentrionale dell'isola.

Oltre alla sensazionale esperienza di immergersi nelle acque e nei fanghi dello Specchio di Venere, Pantelleria regala molte attrazioni naturale imperdibili per chi visita l’isola, per gli amanti del mare e non solo. Alcune delle sue baie sono considerate tra le più belle e suggestive d’Italia, come ad esempio il monumentale ’Arco dell’Elefante, caratterizzato da un’enorme scoglio di pietra lavica a forma di proboscide che entra in acqua creando un grande arco, o la magnifica Cala Tramontana ideale per lunghe immersioni subacquee o come anche l’affascinante Balata dei Turchi una baia nascosta che regala un fantastico contrasto tra rocce marine e mare cristallino.

E se non vi fossero bastati trattamenti termali presso il lago di Venere basterà concedersi una sosta alla Sauna Naturale di Sibà o Grotta di Benikulà. Dopo un aver percorso un sentiero panoramico immerso nella natura dell’isola si giunge davanti ad una grotta rocciosa scavata nella montagna dentro cui fuoriesce vapore acqueo a circa 40°C. Anche in questo caso la migliore combinazione possibile per abbinare benessere personale alla bellezza naturale del luogo.

Foto

Mappa e cartina

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri