Sardegna

Inverno in Sardegna, i motivi per raggiungere l’isola

Inverno Sardegna
13-02-2024

Dico Sardegna e pensi a calde giornate estive e meravigliose spiagge illuminate dal sole?

Non che tu abbia torto, beninteso, però anche trascorrere sull’isola qualche giorno in inverno può regalare emozioni.

Un viaggio invernale in Sardegna rivela un lato unico e affascinante, dove tradizioni secolari, paesaggi mozzafiato e prelibatezze culinarie si uniscono per creare un'esperienza indimenticabile.

La natura

gennargentu sardegna
Gennargentu

Non serve sottolineare quanto il territorio sardo possa offrire in termini di natura incontaminata e luoghi paradisiaci.

Il bello è che tutto ciò che in estate ci è precluso per via del caldo torrido e del sovraffollamento, in inverno diventa possibile, e non solo: calmo, tranquillo, vivibile. Le spiagge, ad esempio.

Sappiamo tutti che le spiagge sarde in estate sono battute da orde di turisti, ma in inverno? Sono semideserte, bellissime come in estate, forse anche di più.

Certo, in inverno è da temerari fare il bagno, ma una passeggiata silenziosa in riva al mare, se volete un po’ di sport con il suono dello sciabordio delle onde nelle orecchie, o un’oretta di relax in contemplazione delle acque cristalline e tranquille, perché no?

gennargentu sardegna
Gennargentu

Se non vi definite proprio tipi da spiaggia, e preferite la montagna, eccovi accontentati: sui Monti del Gennargentu è anche possibile sciare.

Carnevale sull’isola

Carnevale sardegna
Carnevale Sardegna

Nel periodo del Carnevale, ad esempio, la Sardegna si anima di feste spettacolari, coloratissime sfilate un po’ in tutte le località, che mescolano sacro e profano, in un girotondo di tradizione e folklore che non mancherà di stupire.

Ogni paese ha le sue particolarità, difficile elencare tutti i cortei di maschere e carri che si snodano per le vie di ogni città e paesino.

Volendo dare una panoramica sommaria ma esaustiva, vale la pena citare il Carnevale di Oristano, per via della sua antica Sartiglia, una giostra equestre di origine medievale.

Anche il carnevale a San Gavino Monreale è un evento imperdibile, non fosse altro per la bellezza dei carri e delle maschere in cartapesta, le più belle delle quali vengono persino premiate con una coppa, “su torrapponi”. Poi c’è il carnevale di Guspini, la cui particolarità è la sfilata dei trampolieri.

Infine, le sfilate di Marrubiu: al plurale perché qui il Carnevale si svolge in varie giornate, tra carri allegorici, maschere e stand gastronomici in cui assaggiare prelibatezze locali della tradizione.

La gastronomia invernale

Cucina sardegna
Cucina Sarda

Già, perché con la scusa del Carnevale, e le temperature leggermente più basse rispetto all’assolata estate, in inverno è possibile assaggiare piatti della tradizione sarda molto corroboranti e nutrienti, che durante la stagione più calda risultano forse troppo pesanti.

Facciamo qualche esempio: agli eventi carnevaleschi che abbiamo citato, assaggiate la fagiolata con carne di cinghiale, e, tra i dolci, dimenticate per un attimo la dieta e fate uno sgarro con una zippola, una frittella semplice ma deliziosa, o un fatto fritto, una particolare ciambella.

Uscendo momentaneamente dall’atmosfera del Carnevale, pensando alla stagionalità dei prodotti, possiamo affermare che l’inverno in Sardegna è il periodo migliore per gustare funghi, castagne, ricci di mare - che possono essere pescati solo tra novembre ed aprile -, formaggi di svariate qualità e… il pane frattau!

Sì, sappiamo che l’avete di certo mangiato in estate, però “la morte sua” è bagnato nel brodo di pecora bollente e, insomma, in inverno è un’altra cosa!

Non dimentichiamo i vini sardi, per carità! Cannonau, Vermentino, Vernaccia e chi più ne ha più ne metta!

Escursioni e passeggiate

Nuraghe Arrubiu
Nuraghe Arrubiu

Approfittando del clima più mite ma non freddo, in Sardegna d’inverno potete programmare anche alcune escursioni all’aperto che vi permetteranno di conoscere approfonditamente la storia e la cultura sarda.

In questo ambito, ci sentiamo di suggerirvi ad esempio un giro per siti archeologici sardi, che non può prescindere dal visitare i più importanti nuraghi della zona, e in particolare l’area Su Nuraxi, il complesso nuragico di Palmavera, il Nuraghe Arrubiu, l’area archeologica di Nora.

Esiste poi una Sardegna poco esplorata ma molto interessante, e se siete cultori del genere non dovete perdervela: l’archeologia industriale sarda offre diversi siti suggestivi e spettrali nel loro stato di abbandono: miniere dismesse, villaggi fantasma, fabbriche non più in uso.

Possiamo citarne alcuni, come la miniera di Malacalzetta a Iglesias, Rebeccu, Monte Vecchio a Guspini, ma mille ce ne sono, e sono luoghi davvero particolari da visitare in inverno!

Riproduzione riservata