Puglia

Porto Selvaggio, meraviglia del Salento

Porto Selvaggio

Scogli, foreste, pini d’aleppo, lecci e macchia mediterranea definiscono uno degli angoli più incredibili del SalentoPorto Selvaggio.

Siamo provincia di Lecce, in Puglia, all’interno di uno dei parchi più belli del Salento e in questo articolo vi spieghiamo perché dovete assolutamente raggiungere questa meraviglia incontaminata in Salento: abbiamo realizzato una guida con le informazioni utili su come arrivare a Porto Selvaggio (qui trovate tutte le info su cosa vedere in Puglia).  

porto-selvaggio_2

Porto Selvaggio 

Nel comune di Nardò, nel tratto di costa che va da Gallipoli a Porto Cesereo, la spiaggia di Porto Selvaggio si trova all’interno di un incredibile parco che misura circa 1000 ettari, il Parco di Porto Selvaggio e Palude del Capitano: un’area naturale protetta istituita nel 2006. 

Il Parco comprende la zona del parco naturale di Porto Selvaggio – Torre Uluzzo e la palude del Capitano. La costa del parco, rocciosa e frastagliata e circondata da rigogliosa vegetazione, è lunga circa 7 chilometri ed è delimitata da due torri costiere: Torre Uluzzo a nord e Torre dell’Alto a sud. 

GUARDA ANCHE: LE SPIAGGE DELLA PROVINCIA DI LECCE

Porto Selvaggio è una vera estasi per la vista: una meravigliosa distesa di rocce che si gettano in acque che qui sembrano ancora più trasparenti, circondate da pini d’aleppo, ginestre e lentischi. 

Raggiungete la Baia di Porto Selvaggio dall’ingresso sito nei pressi di Villa Tafuro, da qui un sentiero di circa 20 minuti nella pineta. La fatica sarà ricompensata dalla meraviglia: qui troverete rocce e scogliera e mare meraviglioso. L’acqua della baia è fresca per effetto di alcune sorgenti di acqua dolce in mare. Da qui partono numerosi sentieri che vi permetteranno di espolorare l’area naturale circostante.

GUARDA ANCHE: SPIAGGE ITALIA

  • Baia di Uluzzo

Merita una sosta anche la baia di Ulizzo che si trova lungo la strada che collega Santa Caterina a Porto Cesareo: un angolo selvaggio ed incontaminato del Salento, dominato dai resti di una torre. Il periodo più bello per raggiungerla è sicuramente in primavera, quando il fiore che dà il nome alla baia e alla torre, l’asfodelo, fiorisce e colora di bianco tutta la baia intorno.

Un sentiero collega Baia di Uluzzo a Porto Selvaggio. 

Foto

salento-porto-selvaggio

porto-selvaggio-foto

torre-porto-selvaggio

porto-selvaggio-immagine

Come arrivare

La baia di Porto Selvaggio si raggiunge percorrendo la litoranea SP 286 in direzione Nardò, fino alla pineta di Porto Selvaggio da dove inizia il sentiero a piedi. Da Gallipoli invece, sempre percorrendo la SP 268, seguite le indicazioni per Santa Caterina e poi per Nardò. 

Mappa e Cartina 

Riproduzione riservata