Puglia

Porto Selvaggio, meraviglia del Salento

Porto Selvaggio

Scogli, foreste, pini d'aleppo, lecci e macchia mediterranea definiscono uno degli angoli più incredibili del SalentoPorto Selvaggio.

Porto Selvaggio
Porto Selvaggio

Siamo provincia di Lecce, in Puglia, all'interno di uno dei parchi più belli del Salento e in questo articolo vi spieghiamo perché dovete assolutamente raggiungere questa meraviglia incontaminata in Salento.

Abbiamo realizzato una guida con le informazioni utili su come arrivare a Porto Selvaggio.

Porto Selvaggio, Puglia

porto-selvaggio_2

Nel comune di Nardò, nel tratto di costa che va da Gallipoli a Porto Cesereo, la spiaggia di Porto Selvaggio si trova all'interno di un incredibile parco che misura circa 1000 ettari, il Parco di Porto Selvaggio e Palude del Capitano: un'area naturale protetta istituita nel 2006. 

Il Parco comprende la zona del parco naturale di Porto Selvaggio - Torre Uluzzo e la palude del Capitano.

La costa del parco, rocciosa e frastagliata e circondata da rigogliosa vegetazione, è lunga circa 7 chilometri ed è delimitata da due torri costiere: Torre Uluzzo a nord e Torre dell’Alto a sud. 

GUARDA ANCHE: LE SPIAGGE DELLA PROVINCIA DI LECCE

Porto Selvaggio è una vera estasi per la vista: una meravigliosa distesa di rocce che si gettano in acque che qui sembrano ancora più trasparenti, circondate da pini d'aleppo, ginestre e lentischi. 

Porto Selvaggio
Porto Selvaggio

Raggiungete la Baia di Porto Selvaggio dall'ingresso sito nei pressi di Villa Tafuro, da qui un sentiero di circa 20 minuti nella pineta.

La fatica sarà ricompensata dalla meraviglia: qui troverete rocce e scogliera e mare meraviglioso.

L’acqua della baia è fresca per effetto di alcune sorgenti di acqua dolce in mare. Da qui partono numerosi sentieri che vi permetteranno di esplorare l'area naturale circostante.

GUARDA ANCHE: SPIAGGE ITALIA

Baia di Uluzzo

Baia di Uluzzo
Baia di Uluzzo

Merita una sosta anche la baia di Uluzzo che si trova lungo la strada che collega Santa Caterina a Porto Cesareo: un angolo selvaggio ed incontaminato del Salento, dominato dai resti di una torre.

Il periodo più bello per raggiungerla è sicuramente in primavera, quando il fiore che dà il nome alla baia e alla torre, l'asfodelo, fiorisce e colora di bianco tutta la baia intorno.

Un sentiero collega Baia di Uluzzo a Porto Selvaggio. 

Sentieri Porto Selvaggio

Porto Selvaggio
Porto Selvaggio

Il Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio offre alcuni sentieri naturalistici che permettono di esplorare la bellezza della natura locale.

Il sentiero più famoso è quello che costeggia la costa, dal quale si possono ammirare le scogliere e le insenature della zona.

Questo sentiero parte dal centro visitatori del parco e si snoda per circa 3 chilometri, con diverse opportunità di ammirare il panorama e di scendere verso le baie sottostanti.

Un altro sentiero molto suggestivo è quello che conduce all'omonima baia di Porto Selvaggio, una delle più belle del Salento.

Il percorso inizia presso il centro visitatori del parco e attraversa una fitta pineta mediterranea, con alcune zone panoramiche che offrono viste spettacolari sulla costa.

Ci sono anche altri sentieri meno frequentati, ma altrettanto belli, che si snodano attraverso la macchia mediterranea del parco. Questi sentieri offrono l'opportunità di scoprire la flora e la fauna locali, tra cui numerose specie di uccelli e piante aromatiche.

Palude del capitano

Palude del Capitano
Palude del Capitano

Vale la pena menzionare la Palude del Capitano dove troverete la bellissima spiaggia del Frascone oltre a tante belle piscine naturali.

La Palude del Capitano è una meraviglia unica al mondo caratterizzate per le sue doline di crollo, le "spunnulate". L'area può essere esplorata grazie a numerosi sentieri nella natura incontaminata.

Foto

salento-porto-selvaggio
porto-selvaggio-foto
torre-porto-selvaggio
porto-selvaggio-immagine

Come arrivare

La baia di Porto Selvaggio si raggiunge percorrendo la litoranea SP 286 in direzione Nardò, fino alla pineta di Porto Selvaggio da dove inizia il sentiero a piedi.

Da Gallipoli invece, sempre percorrendo la SP 268, seguite le indicazioni per Santa Caterina e poi per Nardò. 

Mappa e Cartina 

Riproduzione riservata