Italia

Primavera alle terme: le 10 più belle da raggiungere

Terme a primavera
26-02-2024
Lasciandoci alle spalle il grigiore dell’inverno, nei primi weekend di primavera, complici i primi caldi e le giornate via via più lunghe, una buona idea per una gita fuori porta può essere quella di trascorrere qualche ora alle terme.

Abbiamo la fortuna di vivere in un paese in cui la struttura termale è capillare ed estesa.

Ciò vuol dire che praticamente in ogni regione italiana, chi volesse raggiungere un centro termale di qualsivoglia natura, all’interno di uno stabilimento o usufruendo delle tante piscine naturali sparse per il territorio, lo troverebbe qualificato e moderno.

Le cure termali sono un acclarato toccasana per il nostro benessere.

I benefici vanno dagli effetti curativi veri e propri a una generale sensazione di recupero fisico e mentale, specie dopo un faticoso periodo di intenso stress.

E scommettiamo che l’inverno appena trascorso non è stato facile per nessuno di voi.

Dunque, è primavera, gente, tempo di rigenerarsi, ritrovare le energie, ricaricare le pile: andiamo alle terme!

La Vasca di Leonardo a Bormio

Bormio
Bormio

Bormio, il rinomato comune valtellinese in provincia di Sondrio, è un centro termale italiano di primaria importanza.

In particolare, vi vogliamo segnalare la parte gratuita dell’impianto, che raccoglie l’acqua in eccesso di Bagni Vecchi e Bagni Nuovi nella Vasca di Leonardo,  una piscina di acqua termale gradevolmente calda, in un contesto alpino magnifico, a due passi dallo Stelvio.

Il Leonardo in questione è proprio lui, il genio toscano, che cita le terme nel Codice Atlantico.       

Tra Saturnia e Viterbo, area termale di tradizione antica

Saturnia
Saturnia e Cascate del Mulino

A causa della particolare conformazione idro-geologica e vari altri fenomeni che si sono succeduti nel corso dei millenni, la zona tra la Toscana meridionale e l’alto Lazio può vantare diverse piscine termali naturali, conosciute e frequentate fin dai tempi più remoti. 

Saturnia, al pari di Bormio, non ha certo bisogno di presentazioni: la cittadina, in provincia di Grosseto, offre un complesso termale noto e frequentatissimo.

Qui vi parliamo della parte gratuita, le Cascate del Mulino, un incredibile scenario in cui l’acqua termale discende a circa 37 gradi da un terrazzamento naturale.

I vapori e le tonalità azzurre e bianche creati dallo scorrere delle acque contribuiscono a rasserenare non solo la mente e il corpo, ma anche i sensi. 

A suppergiù un’ora di macchina, a Viterbo, ci accolgono le Piscine Carletti, diverse vasche in cui confluiscono acque che sgorgano a circa 58 gradi, immerse in un magnifico contesto incontaminato circondato dal nulla.

Piscine Carletti
Piscine Carletti

Vi troverete solo natura e relax, dunque ricordatevi di portare almeno l’asciugamano e acqua da bere. Le piscine qui sono sempre accessibili: considerate la possibilità di una romantica visita notturna!

Chiudono invece alle 18 (in estate, in inverno alle 17) le Terme del Bullicame, poco distanti dalle Piscine Carletti.

Bullicame
Bullicame

Anch’esse ad accesso libero, permettono di vivere l’esperienza del frigidarium-calidarium degli antichi Romani, passando dalla vasca tonda a quella rettangolare, leggermente più calda.

La Toscana termale, oltre Saturnia 

Bagni san Filippo
Bagni di San Filippo

Indugiamo ancora qualche momento in Toscana per citare un altro paio di percorsi termali, entrambi in provincia di Siena.

I Bagni San Filippo si trovano in Val d’Orcia, e si raggiungono facilmente attraverso una piacevole passeggiata lungo il fiume Fosso Bianco.

Al termine del cammino vi accoglierà uno spettacolo naturale impareggiabile: le piscine naturali sono sormontate dalla Balena Bianca, un grande blocco calcareo da cui sgorga una cascata di acqua termale che raggiunge la temperatura di 48°.

La Balena Bianca a delimitare l’orizzonte, l’azzurro delle acque che risuonano nella cascata, il verde tutt’attorno creano uno scenario sontuoso e sorprendente, in cui il relax è garantito!  

Leggermente più a nord troviamo le Terme di Petriolo, considerate le più belle della Toscana, seconde solo a quelle di Saturnia.

Petriolo
Terme di Petriolo

Si trovano nella valle dell’Ombrone, tra Siena e Grosseto, alimentate da una sorgente termale che arriva a 43 gradi e che si riversa nelle acque del fiume, creando nelle vasche temperature diverse, in cui è possibile creare un percorso frigidarium-calidarium di ispirazione “classica” veramente benefico.

Le Terme del Sud Italia

Baia di Sorgeto
Baia di Sorgeto

Sbarchiamo a Ischia, meravigliosa isola vulcanica situata nel golfo di Napoli, e rechiamoci alla Baia di Sorgeto, eden a cielo aperto, dove le dolci acque calde della sorgente termale si mescolano all’acqua di mare regalando ai bagnanti un’esperienza irripetibile altrove.

Un’avvertenza: per raggiungere Baia di Sorgeto c’è una bellissima strada panoramica composta da 250 gradini in discesa. Non troppo male. È il ritorno, il problema! Ma dopo tutto il relax accumulato, che sarà mai una scala di 250 gradini?

Anche raggiungere la Grotta delle Ninfe di Cerchiara, in provincia di Cosenza, non è semplicissimo, trattandosi di un vero e proprio canyon in formato mignon da cui sgorga acqua termale che alimenta una piscina naturale.

Ma, anche in questo caso, la fatica sarà ripagata dalla una completa sensazione di benessere fisico e mentale.

Chiudiamo il nostro giro delle migliori terme in primavera con due splendide località in Sicilia. Le Polle del Crimiso, a Segesta, in provincia di Trapani, sorgono in uno scenario incredibile: immaginatevi un laghetto formato dalle acque di origine vulcanica che si incastona come una perla in una verde cornice naturale creata da canneti, fichi d’india, fiori locali. Vi sembrerà di essere immersi in un dipinto! 

Splendide anche le terme di Pantelleria, la meravigliosa isola trapanese sospesa tra l’Italia e l’Africa.

Lago Specchio di Venere a Pantelleria: come arrivare alla piscina naturale
Specchio di Venere

Lo Specchio di Venere è il cratere spento di un vulcano, un lago dalle acque calde ricche di zolfo. Un autentico paradiso, bellissimo di giorno, magico di notte.

Riproduzione riservata