Piemonte

Capodanno in Piemonte 2023: dove andare e cosa fare

Passare il Capodanno in Piemonte vuol dire trovarsi al centro di vallate circondate da montagne innevate, in un contesto paesaggistico ricco di opzioni di divertimento tra città d’arte, cultura, eccellenze culinarie, colline costellate di villaggi, castelli, laghi, vigneti e cime innevate con stazioni sciistiche di fama continentale come la Via Lattea e il Sestriere, che accolgono con le loro modernissime attrezzature gli appassionati di sport invernali.

Feste sfrenate in locali alla moda, intime cene in borghi incantevoli, ciaspolate notturne tra fiaccole e fuochi d’artificio sono alcuni degli ingredienti che rendono speciale il Capodanno in Piemonte.

Capodanno in Piemonte 2023

Dalle città più conosciute ai villaggi adagiati sulla riva del Lago Maggiore con ville e giardini come Arona, Stresa e le Isole Borromee, alle pittoresche vallate come la Val di Susa, la Valsesia e la Val d'Ossola, sono davvero tante e incantevoli le possibili mete per celebrare il nuovo anno in arrivo.

Un capodanno in piazza Castello nella signorile città di Torino, elegante culla di cultura, dove trattenersi qualche giorno per esplorarne monumenti, musei di prim’ordine come il Museo Egizio e la Mole Antonelliana, gallerie d'arte, chiese e palazzi nobiliari che la rendono una città raffinata e piena di fascino, ma anche i ristoranti e i locali che ne animano la vita notturna.

Oppure scegliere di muoversi nella città di Alessandria per una festa in piazza Gobetti o nel castello di Piovera a pochi km dalla città, o nelle altre città piemontesi come Novara, Ivrea, Asti, Biella, Cuneo, Vercelli, Verbania.

Val d’Ossola

La Val d’Ossola, nella provincia di Verbano-Cusio-Ossola, è una delle più belle e meno battute zone montane del Piemonte dove passare un capodanno intimo e rilassante tra tradizione e natura.

La valle è la meta ideale per staccare con il mondo urbano riscoprendo paesaggi e scorci attraenti e rilassanti come la spettacolare Cascata del Toce che con i suoi impressionanti 143 metri di salto è una delle più alte d’Europa.

Ricca di cultura, chiese romaniche, scorci, borghi medievali, ristoranti tipici e alberghi accoglienti, la Val d’Ossola propone una vasta possibilità di soggiorni a partire dal suo centro di riferimento, Domodossola vicina anche agli impianti sciistici di San Domenico e Varzo.

Domodossola, con Piazza Mercato e tutto il suo centro storico rappresentano uno scenario suggestivo per l’ultima notte dell’anno ed è un’ottima base di partenza per visitare le bellezze della valle come i Presepi sull’acqua di Crodo allestiti su antiche fontane di pietra, il comprensorio sciistico di Macugnaga, i centri termali di Bognanco e Premia, il castello nel borgo di Vogogna o uno dei quattro parchi naturali della valle: Parco Nazionale della Val Grande, Parco Naturale dell’Alpe Veglia e dell’Alpe Devero, Parco Naturale dell’Alta Valle Antrona, Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte Calvario.

Capodanno tra borghi di montagna e sci

Passare il Capodanno nei borghi di montagna piemontesi è un’ottima soluzione per vivere una festa in modo intimo e caratteristico e iniziare il nuovo anno su magnifiche piste innevate.

Una lunga serie di località incantevoli sono incastonate nella cornice delle montagne piemontesi tra panorami mozzafiato, cibo genuino, distanza di sicurezza da ogni forma di caos e la possibilità di spendere le ore prima e dopo mezzanotte con un paio di sci ai piedi.

Disseminati sul territorio di tutto il Piemonte alcuni borghi di montagna spiccano per bellezza e atmosfera incantata e rappresentano un’oasi di tranquillità e piccoli piaceri semplici che esaltano ancora di più il passaggio all’anno nuovo.

Svegliarsi il primo gennaio in un borgo di montagna magari scaldati dal crepitio di un camino acceso vuol dire iniziare l’anno con uno spirito diverso, più a contatto con sensazioni autentiche e con una prospettiva diversa sul futuro che ci aspetta.

Mollia e Fobello sono i due minuscoli borghi della provincia di Vercelli per passare un capodanno speciale sulle montagne del Piemonte.

I due gioielli della Valsesia regalano un soggiorno all’insegna di relax e attività sportive grazie alle centinaia chilometri di piste innevate molto apprezzate dagli appassionati.

Dominato dalla vetta del Sajunchè Mollia e le tante piccole frazioni che lo compongono è considerato come uno dei borghi più suggestivi e raccolti della zona dove regnano l’arte artigiana e quella dell’accoglienza.

Fobello per il suo contesto paesaggistico e ambientale di notevole rilievo si è guadagnato il prestigioso riconoscimento di Bandiera Arancione riconoscimento di qualità turistico-ambientale conferito dal Touring Club Italiano ai piccoli comuni dell'entroterra italiano che si distinguono per un'offerta di eccellenza e un'accoglienza di qualità.

Nei pressi di Cuneo si trova la bella località di Limone con decine di km di piste innevate per fare escursioni in quota a ritmo lento, per scoprire ambienti silenziosi e incontaminati dove godere di tutta la bellezza del paesaggio locale, percorrendo numerosi sentieri montani con le classiche ciaspole ai piedi con lunghe passeggiate in ambienti incontaminati

Limone è meta ideale per passare un Capodanno a contatto con la neve anche senza sciare e con una caratteristica atmosfera di fine anno. Qui si trovano decine di km di piste innevate di ogni tipo e per ogni difficoltà per fare escursioni a quote elevate senza la necessità di una specifica preparazione atletica e di particolari equipaggiamenti.

Il Sestriere è senza dubbio una delle località sciistiche più rinomate in Piemonte e in tutta Italia. Passare un Capodanno qui vuol dire scegliere una località elegante e sportiva allo stesso tempo che sa offrire atmosfera raffinata e attività sportive di primo livello come quelle praticabili nello splendido Comprensorio Via Lattea.

Le sue montagne adatte a tutte le discipline dalla discesa, allo sci alpino, allo sci di fondo, allo snowboard, alle ciaspolate, alle corse in motoslitta, pattinaggio sul ghiaccio, escursioni sulle slitte trainate dagli husky e la pista da kart su ghiaccio più grande d’Italia.

La notte dell’ultimo dell’anno si può passare in uno dei suoi romantici rifugi in quota che organizzano cene e veglioni tradizionali e ammirare fuochi d’artificio e giochi pirotecnici che illuminano a giorno le piste imbiancate.

Anche Bardonecchia si propone come una delle migliori località dove passare un capodanno sulla neve in Piemonte. Facile da raggiungere sia da Torino che da Milano, Bardonecchia vanta una vasta offerta di strutture ricettive, baite caratteristiche dove fare serata e 100 km piste su cui sciare che arrivano fino ai 2800 metri d’altitudine.

Una delle soluzioni più insolite e romantiche per vivere il Capodanno a Bardonecchia è partecipare ad una ciaspolata al chiaro di luna.

Le Langhe

Langhe

Per un capodanno all’inseguimento delle gioie del gusto della tavola piemontese è difficile immaginare una meta più attraente della bellissima campagna delle Langhe, terra di produzione di alcuni tra i migliori vini italiani come Barolo, Barbera d'Alba e Nebbiolo e di grandi eccellenze come il tartufo bianco che nascono spontaneamente in paesaggi molto suggestivi.

In questa zona collinare costellata di vigneti, città medievali e antichi castelli arroccati si possono trascorrere i primi giorni del nuovo anno esplorando strade che si snodano nella natura con itinerari che conducono nel cuore di un territorio ricco di borghi fortificati e cantine dove degustare le specialità del luogo direttamente dai loro produttori.

Il borgo più conosciuto è quello di Barolo che dà il nome a uno dei più grandi vini italiani ed è un piccolo ma grazioso paese di case colorate e balconi decorati che abbina la bellezza delle sue stradine alla bontà dei suoi prodotti enogastronomici.

Le altre tappe da non mancare sono quelle di Castiglione Falleto, Verduno, La Morra, Serralunga, il Roero e il piccolo gioiello di Neive, mentre Alba, la città più grande della zona, è un posto incantevole e patria del pregiato tartufo bianco.

Capodanno romantico sul Lago d'Orta

Isola San Giulio

Nei dintorni di Novara si trova uno dei laghi considerati tra i più romantici d’Italia, il Lago d'Orta luogo ideale per un capodanno di coppia.

Non lontano dal più celebre lago Maggiore ma molto meno affollato, questo lago è inserito in un contesto paesaggistico che colpisce per la sua atmosfera e bellezza naturale.

Qui si creano le condizioni di una piccola vacanza di fine anno in pieno relax, perché oltre alle tante attività sportive di terra, il lago si può navigare fino alla piccola Isola di San Giulio che sorge nel suo mezzo, un borgo medioevale di grande fascino e suggestione.

Su terra ferma intorno alle sue sponde si alternano dolci declivi con piccoli villaggi come Omegna e Orta San Giulio che meritano una tappa.

Riproduzione riservata