Roma

Cosa fare a Roma la domenica pomeriggio, gli indirizzi da segnare

roma domenica pomeriggio
La Domenica pomeriggio a Roma offre una serie di interessanti possibilità che arricchiscono lo spirito e la conoscenza della città ma soprattutto sono buone per mettersi in salvo dalle mortifere alternative di un pranzo dalla suocera, di un’altra partita da guardare sul divano o dall’ennesimo giro di ricognizione all’Ikea.
Muoversi a Roma
Roma

Domenica in villa

Villa Doria Pamphili
Villa Doria Pamphili

Per passare la domenica pomeriggio all’aria aperta a Roma poche cose sono più piacevoli di una passeggiata tra i giardini dei suoi numerosi spazi verdi, ville rinascimentali e parchi pubblici.

Queste fascinose cornici naturali, eleganti e monumentali o selvagge e panoramiche offrono svariate possibilità di distensive passeggiate salubri, di giocare con i propri cuccioli, di fare ginnastica all’aria aperta lontani dal tanfo di chiuso, di leggere seduti su una panchina all’ombra, di partecipare ad eventi, di assistere a concerti o a spettacoli per bambini, di praticare equitazione o semplicemente di improvvisare un simpatico pic-nic.

I posti tra cui scegliere sono davvero molti: la verde Villa Doria Pamphili, la raffinata Villa Borghese, la sconfinata Villa Ada, la centralissima Villa Celimontana, la storica Villa Torlonia con la sua magica Casina delle Civette e il panoramico parco di Monte Mario, il cinematografico Parco degli Acquedotti o il rustico parco della Caffarella, solo per citarne alcuni.

Casina delle civette
Casina delle Civette

Oppure optare per una vista dall’alto respirando l’aria di Roma da una delle sue magnifiche terrazze panoramiche come quella del Gianicolo la più alta in città, l’incantevole Giardino degli Aranci sul colle Aventino adornato da alberi di agrumi o lo spettacolare affaccio del Pincio sopra Piazza del Popolo per godersi tramonti mozzafiato.

Gli spazi verdi di Roma sono le mete preferite dagli appassionati di sport, yoga e Jogging per correre circondati da scenari di rara bellezza, chi ama correre a Roma trova davvero numerosi percorsi per dare sfogo alla sua energia immergendosi in un mix unico di natura e architettura come al Circo Massimo o al più moderno Stadio dei Marmi in zona Flaminio per allenarsi a dovere su una vera pista atletica e magari prendere parte alla colorata Maratona di Roma, evento sportivo di grande richiamo che si tiene ogni primavera all’ombra del Colosseo.

Passeggiare lungo le sponde del Tevere e Isola Tiberina

Isola Tiberina
Isola Tiberina

A piedi, in biciletta, di corsa o a spasso, rilassarsi sulle rive del fiume è un modo per osservare la città e il suo centro storico da una prospettiva diversa, quasi protetta dal trambusto e accompagnata dallo scorrere del fiume, un modo romantico e insolito di passeggiare guardando il tramonto, assaporando una grattachecca o godendosi i raggi del sole

L’Isola Tiberina una piccola isola in mezzo al fiume dall’atmosfera speciale. Nel mezzo del letto del biondo Tevere questo piccolo lembo di terra nel cuore della città e al tempo stesso angolo riparato dal suo caos, sede della chiesa di San Bartolomeo e del cinquecentesco ospedale Fatebenefratelli, luogo di proiezioni all’aperto e ritrovo mondano per le serate estive sulle rive del fiume.

Dalla Tiberina si accede facilmente allo storico Ghetto Ebraico attraverso Ponte Fabricio il più antico ponte ancora in uso a Roma.

Passeggiata lungo l'Antica Via Appia

Via Appia Antica Patrimonio Mondiale dell'UNESCO: presentata la candidatura
Via Appia Antica

Via Appia antica non è solo una delle strade più antiche di Roma, ma anche un’incredibile opportunità di visitare un autentico museo a cielo aperto immerso nella campagna romana.

Lungo il percorso lastricato e chiuso al traffico si susseguono una serie di testimonianze dell’antica Roma come statue, monumenti, le Catacombe di Callisto, il sito archeologico di Capo Di Bove e il Circo di Massenzio tutte ammantate da un’atmosfera rarefatta, protetta dal caos cittadino ed esaltata da alberi e spazi verdi che fiancheggiano la strada, ideale da percorrere anche pedalando in bicicletta in una bella giornata di sole.

Bioparco

Bioparco
Bioparco

All'interno del territorio di Villa Borghese, il Bioparco di Roma è uno dei giardini zoologici più antichi d'Europa e rappresenta una divertente e istruttiva opzione per passare una domenica pomeriggio insolita soprattutto se in compagnia di bambini.

Il Giardino zoologico di Roma è allocato in un contesto botanico ampio e suggestivo e ospita al suo interno un migliaio di animali suddivisi tra specie di ogni tipo, per le quali vengono scrupolosamente ricreati gli habitat naturali di provenienza.

Animali esotici come elefanti, zebre, tigri, specie esotiche e rare o tipiche della fauna selvatica italiana come il lupo, l'orso bruno e la lince sono gli ospiti speciali di un luogo che permette di toccare con mano la meraviglia di madre natura nel massimo rispetto e con un importante fine istruttivo con eventi a tema e  percorsi educativi.

Il Bioparco può essere visitato con una bella passeggiata a piedi oppure seduti a bordo di un trenino attraverso un giro panoramico.

Domenica al museo

Galleria Borghese
Galleria Borghese

Sebbene, Roma sia per antonomasia considerata un vero museo a cielo aperto, la domenica pomeriggio si può scegliere di visitare uno dei suoi incredibili musei e gallerie d’arte rinomate in tutto il mondo per la loro offerta culturale e storica con dipinti, sculture, ceramiche antiche e altro ancora.

La capitale beneficia di una vasta gamma di musei ognuno con la sua specifica proposta culturale e di un’offerta tale di mostre temporanee o permanenti da tenere occupati i visitatori anche la domenica.

Alcune delle migliori mostre a Roma, da visitare specialmente durante la stagione invernale più esposta al rischio di pioggia, sono presso l'Ara Pacis, le Scuderie del Quirinale e il Museo di Roma in Trastevere per la fotografia. Per le mostre di arte contemporanea i nomi sono quelli dell’iconico Maxxi a Flaminio e del Macro nelle sue due sedi di Testaccio e del Pinciano.

Castel Sant Angelo, il Chiostro del Bramante, la Centrale Monte Martini e lo Gnam la galleria d’arte moderna sono altri luoghi imperdibili da segnalare a Roma per tutti gli appassionati d’arte per ammirare capolavori di varie epoche e i magnifici palazzi che li ospitano.

Tra i più rinomati musei di Roma, solo per citarne alcuni, non si possono poi non menzionare: la splendida Galleria Borghese all’interno dei giardini della villa omonima, con una collezione di grande rilievo artistico allocata in un antico palazzo affrescato con opere di arte barocca e rinascimentale tra le più importanti al mondo e capolavori della scultura firmati da Gian Lorenzo Bernini e da Antonio Canova.

I Musei Capitolini i più antichi musei nazionali del mondo, allestito all'interno di tre edifici storici con una bella piazza del Campidoglio al centro.

Il museo è dedicato all'arte dell'antica Roma e presenta la Lupa, la Sala degli Arazzi e sculture, manufatti e mosaici storici; ovviamente non si possono tralasciare i Musei Vaticani, una strabiliante galleria che racchiude oltre 70.000 opere e capolavori eterni della storia dell’arte come le Stanze di Raffaello, la Galleria degli Arazzi, delle Carte geografiche e dei Candelabri e la magnifica Cappella Sistina con i soffitti affrescati dal Giudizio Universale di Michelangelo

Nei quartieri di Roma

Trastevere: cosa vedere
Trastevere

La domenica pomeriggio può essere un buon momento anche per vivere i quartieri di Roma fuori dagli assilli degli impegni settimanali magari con un romantico tour in vespa.

Dai vicoli del centro, al lungotevere, dalle stradine di Borgo Pio a quelle celebri di Trastevere, dai saliscendi del rione Monti all’eclettico quartiere Coppedè, dal verace Testaccio allo studentesco San Lorenzo.

Roma è ricca di zone e quartieri dalla forte caratterizzazione che sembrano un arcipelago di isole distinte tutte da scoprire e da vivere.

La domenica pomeriggio si può trascorrere in zone esclusive come l’Aventino o iconiche come la Garbatella.

Aventino

Giardino aranci, Roma Aventino: guida con foto
Giardino degli Aranci Aventino

Esclusivo, signorile, verde e panoramico il colle Aventino ospita uno dei quartieri più belli di Roma.

Centrale e pure al riparo dal caos cittadino come fosse su una nuvola, l’Aventino è ammantato da un’atmosfera rarefatta custodita tra eleganti viali alberati, palazzi silenziosi, ambasciate straniere e giardini panoramici.

In alto sopra il Circo Massimo l’Aventino vanta alcuni luoghi iconici di Roma come il buco della serratura dei Cavalieri di Malta dal quale sbirciare la cupola di San Pietro, la Basilica di Santa Sabina una delle chiese più antiche e importanti di Roma e soprattutto la terrazza con vista dell’incantevole giardino degli Aranci costellato da alberi di agrumi.

Garbatella

Garbatella, storia e itinerario nel quartiere di Roma da visitare
Garbatella

Differente dagli quartieri in città, la Garbatella con i suoi lotti popolari, i palazzi rossi, le piazze, le scalinate e gli scorci romantici è un’oasi con un’atmosfera sospesa nel tempo che mostra un aspetto di Roma insolito, popolare, autentico, alternativo e pieno di vita.

Creata negli anni’20 del secolo scorso per ospitare lavoratori e operai, la Garbatella solo da pochi anni si è affermata come uno dei quartieri più in voga e ambiti della capitale. Il quartiere è un centro ricco di fermento culturale con eventi, spettacoli, teatri, arte di strada, set cinematografici e cultura popolare che si riversa tra le strade e le locande della zona.

La sua architettura distintiva la rende unica nel suo genere con una speciale miscela di stili riconoscibili dove i cancelli restano aperti sui cortili fioriti dei lotti e un senso forte di comunità popolare si respira ovunque tra vicoli stretti, spazi verdi, orti urbani, piazze di ritrovo, balconi con panni stesi e bambini che giocano, lavatoi pubblici, cantine e muretti che fungono da spazi comuni di ritrovo per residenti e visitatori ammirati.

Riproduzione riservata