Italia

Isola d’Elba, Cosa Vedere? Attrazioni, spiagge e cose da Fare

Isola d'Elba, Cosa Vedere? Attrazioni, spiagge e cose da Fare

Al largo della costa toscana, l’Isola d’Elba è la principale isola dell’arcipelago regionale insieme a Capraia, Giannutri, Giglio, Gorgona, Montecristo e Pianosa e la terza più grande di tutta Italia dopo la Sicilia e la Sardegna

Il suo villeggiante più famoso è stato Napoleone Bonaparte che qui fu esiliato nel 1814 e ancora oggi l’Elba resta una meta turistica molto ambita per i suoi paesaggi marini e montani e per le numerose attività che si possono praticare all’aria aperta. 

Facile da raggiungere grazie ai traghetti che fanno la spola quotidiana tra il porto di Piombino e quello di Portoferraio, l’Isola d’Elba ha molto da offrire sia in termini di bellezze naturali sia come atmosfera rilassata e accogliente.

Isola d’Elba, Cosa Vedere? Attrazioni, spiagge e cose da Fare

  • Portoferraio
  • Marciana
  • Marciana Marina
  • Rio Marina
  • Porto Azzurro
  • Capoliveri
  • Marina di Campo
  • Trekking all’Isola d’Elba
  • Marina di Campo
  • Lacona 
  • Procchio
  • Biodola
  • Cavoli
  • Fetovaia
  • spiagge del Sansone e della Sansonella
  • spiaggia delle Ghiaie
  • Cala dei Frati
  • Chiessi
  • Pomonte
  • Barbarossa
  • Reale
  • spiagge dei Peducelli e dello Stagnone
  • Patresi
  • Capo Sant’Andrea
  • Spiaggia Topinetti
  • Porticciolo
  • Capo d’Enfola
  • Baia di Punta Calamita

spiagge-isola-d-elba

Da sempre al centro dei flussi turistici balneari l’Elba concentra lungo i suoi 147 chilometri di costa una grande varietà di spettacolari ambienti diversi con innumerevoli sentieri escursionistici nella natura, spiagge e calette paradisiache, miniere, musei e luoghi di interesse storico e paesaggistico. 

Cosa vedere sull’Isola d’Elba

isola-d-elba

Una vacanza sull’isola d’Elba permette di scoprire un piccolo mondo a se stante composto da scenografiche spiagge nere o dorate, insenature di ghiaia lambite da un mare cristallino, itinerari di montagna lungo antiche mulattiere che portano in panoramici villaggi affacciati sul mare o nel cuore dell’isola avvolti da una vegetazione rigogliosa di boschi di castagno, siti archeologici e miniere sotterranee come quella del Ginevro, l’unica dell’isola ancora accessibile.

Con un tour on the road in auto o moto si può comprendere meglio come l’isola sia idealmente divisa in tre parti: partendo da est si trova la zona più antica con un territorio di grande valore geologico dove si trovano le miniere di ferro, spostandosi verso la zona centrale il paesaggio si fa meno aspro con colline punteggiate da boschi di querce e vegetazione rigogliosa e i centri abitati più noti come Portoferraio e Campo Elba. Nella stessa area si estende anche La Piana di Campo che comprende alcune delle migliori spiagge dell’Elba: baie di sabbia finissima e spettacolari golfi come Marina di Campo, Lacona, Procchio e Biodola. A ovest invece si alzano le cime più alte dell’isola come la vetta del monte Capanne, del Monte Perone e del Monte Giove.

In generale tutto il territorio dell’Isola d’Elba è uno scrigno di tesori a galla nel Mar Tirreno che custodisce impressionanti valori storici, architettonici, archeologici e artistici con chiese, castelli, residenze storiche e luoghi di interesse geologico come le miniere di ferro e le montagne.

Per tentare di conoscere tutte le sue differenti anime, esplorarla piedi, in bicicletta o in barca e scoprirne gli aspetti più godibili abbiamo stilato una lista di suggerimenti e spunti sulle migliori cose da fare e luoghi da vedere sull’isola d’Elba.

Spiagge più Belle Isola d’Elba

isola-d-elba-foto

Iniziamo ad esplorare e a vivere le bellezze dell’Elba partendo dalle sue rinomate spiagge, disseminate lungo tutto il perimetro della sua costa frastagliata e lambite da un mare color cobalto. La varietà di queste baie si compone di spettacolari spiagge di sabbia fine, di ciottoli o rocciose con scogli che si tuffano nel mare limpido, ampie insenature e piccole calette nascoste circondate da natura incontaminata possibili da raggiungere tramite avventurosi sentieri tra gli scogli o via mare. 

Intorno alla costa di Portoferraio troviamo il primo gruppo di spiagge da segnalare caratterizzate da scenografici ciottoli bianchi che creano un fantastico contrasto cromatico con le sfumature blu del mare come nelle spiagge del Sansone e della Sansonella, la spiaggia delle Ghiaie proprio dietro la fortezza e Capo Bianco, la Cala dei Frati con le sue acque cristalline, mentre spostandosi di pochi chilometri si incontrano altri lidi da non perdere come Chiessi e Pomonte nella parte occidentale dell’isola, o Barbarossa e Reale all’estremità orientale, dove i ciottoli sono resi più scuri dall’alta concentrazione di minerali nel terreno.

Rocciose sono anche le spiagge dei Peducelli e dello Stagnone in località Capoliveri mentre protette da scogliere e più selvagge con una sabbia granitica lambita da un mare turchese sono quelle di Patresi e Capo Sant’Andrea.

In località Rio Marina troviamo la spiaggia immersa nella natura di Porticciolo non lontano dalla spiaggia dei Topinetti dove la sabbia risplende per la vicinanza delle miniere che fanno da suggestivo sfondo anche alla magnifica baia di Punta Calamita raggiungibile solo via mare.

Per trovare spiagge sabbiose con fondali bassi ideali anche per bambini ci spostiamo verso l’estremità occidentale dell’isola sulle spiagge di Cavoli, Fetovaia, Procchio e Biodola all’interno di un’incantevole baia affacciata sulla macchia mediterranea che regala la vista di tramonti mozzafiato. 

Lungo l’estremità sud est dell’isola facciamo tappa alle spiagge di Lacona e Innamorata in direzione di Capoliveri. Per usufruire di stabilimenti balneari ben attrezzati, con servizio bagnini oltre ad ampi tratti di spiaggia libera la località da tenere presente è Marina di Campo. La sua lunga spiaggia di circa 2 km alterna parti libere con servizi a pagamento, chioschi, aree giochi per bambini, possibilità di noleggiare barche e pedalò o prendere lezioni di wind surf. La spiaggia è delimitata da un piccolo porto da un lato e da una pineta dall’altro.

Da non perdere c’è poi la scenografica spiaggia di Capo d’Enfola con un istmo che la collega ad una penisola dove si trova anche un’antica tonnara, oggi ristrutturata che ospita la sede del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Borghi e Villaggi dell’Isola d’Elba

  • Portoferraio 
  • Marciana 
  • Marciana Marina 
  • Rio Marina 
  • Porto Azzurro 
  • Capoliveri 
  • Marina di Campo

elba_4

Oltre alla bellezza del suo litorale e del suo mare l’isola d’Elba ha molto altro da offrire a chi la visita, a partire dai suoi comuni e villaggi suggestivi che ne raccontano la storia antica e ne custodiscono le tradizioni.

Il capoluogo e centro principale dell’Elba è Portoferraio, edificata sulle rovine di una città romana all’interno di spesse mura difensive. Oggi la città vanta il più grande porto dell’isola, primo approdo per chi arriva dalle coste toscane, un’imponente e panoramica fortezza Medicea sul lungomare, un centro storico pittoresco e colorato da esplorare a piedi e svariati luoghi d’interesse storico legati all’esilio di Napoleone. Tra questi spiccano le due Ville di residenza di Bonaparte Villa dei Mulini e Villa San Martino e il Museo Napoleonico, dove i visitatori possono ammirare arredi, opere d’arte di grande valore, decorazioni imperiali e migliaia di libri d’epoca. Inoltre davanti al golfo di Portoferraio, sul sito dove tempo sorgevano le antiche saline, oggi si trova un importante complesso termale per fare bagni di mare, fanghi e trattamenti a base di alghe per conciliare benessere e relax.

A ovest di Portoferraio facciamo tappa nei borghi di Marciana il più antico centro sull’isola che conserva ancora una struttura medievale con un suggestivo centro storico e di Marciana Marina elegante località balneare sviluppata intorno al suo vivace lungomare.

Sulla costa orientale troviamo Rio Marina, un’interessante cittadina caratterizzata da spiagge adatte ai bambini e dal Parco Minerario dell’Isola d’Elba che ripercorre la storia geologica dell’isola da esplorare con un tour in tram che comprende anche il Museo dei Minerali e dell’Arte Minerale dell’Elba. 

Sullo stesso versante sorge il grazioso villaggio di pescatori di Porto Azzurro una delle località balneari più rinomate dell’Elba nata intorno a una baia protetta conosciuta anche per il seicentesco Santuario della Madonna di Monserrato.

Capoliveri è un borgo gioiello nell’entroterra sud-orientale dell’isola con stradine tortuose, archi in pietra, case colorate di concezione medioevale, atmosfera rilassata e spiagge stupende a pochi chilometri di distanza dal centro abitato. Qui si trova anche il Museo della Marineria che ripercorre la storia della navigazione e dei naufragi intorno all’Elba.

Marina di Campo è invece una località turistica che offre attrazioni di svago come locali e ristoranti vista mare e tante possibilità di praticare sport acquatici.

Spiagge per bambini

Tra le migliori spiagge per bambini dell’Isola d’Elba vi segnaliamo l’attrezzatissima spiaggia del Procchio, Cavoli e Sant’Andrea. 

Se ai lidi organizzati preferite le spiagge selvagge potete scegliere la spiaggia di Acquavivetta, adatta ai bambini grazie alla particolare conformazione e al fondale basso.

Spiagge per cani

I cani possono entrare in tutte le aree pubbliche purché accompagnati. Di queste fanno parte anche giardini e spiagge. Le uniche eccezioni sono le spiagge nei Comuni di Rio nell’Elba e Porto Azzurro dove ordinanze specifiche regolamentano in maniera diversa l’accesso degli animali. Nel Comune di Rio nell’Elba i cani con guinzaglio e iscrizione all’anagrafe accedono solo alla spiaggia libera di Nisporto, nel lato sinistro per una larghezza di 50 metri.

Porto Azzurro è invece permesso l’accesso sulla spiaggia libera di Terranera e sulla spiaggia attrezzata di Mola. Sulle altre spiagge libere è vietato l’accesso, tranne che nelle area degli stabilimenti balneari, dove l’accesso è a discrezione del proprietario dello stabilimento.

spiaggia-sansone-elba-guida-foto

Trekking all’Isola d’Elba

Tutta l’isola d’Elba è anche un fantastico territorio per praticare i tanti percorsi di trekking da cui è attraversata per ogni livello di difficoltà.

Uno dei più significativi porta in cima al Monte Capanne, la vetta più alta e panoramica dell’isola, raggiungibile con una bella passeggiata nella natura, tra faggi e castagni o con una particolare funivia adatta anche a trasportare biciclette.

Altri percorsi collegano le località costiere di Marciana Marina e Sant’Andrea, Rio nell’Elba alla Rocca Giove e al Castello del Volterraio, San Piero al mulino del Moncione e il “percorso delle Pietre Rosse” dalla spiaggia di Nisportino a quella di Mangani. A questo link trovate le indicazioni per percorrere la grande Traversata Elbana, il trekking che attraversa tutta l’isola. 

Isola d’Elba sconosciuta, cosa fare fuori dalle rotte più turistiche

  • Spiagge segrete
  • Romitorio di San Carbone
  • Santa Caterina di Alessandria
  • Santuario delle Grazie
  • Orto dei Semplici
  • Mostri di Pietra
  • Le balene

elba_5

Come arrivare

L’Isola d’Elba si raggiunge comodamente in traghetto da Piombino Marittima. Da qui operano diverse compagnie di navigazione tra cui Toremar, Moby Lines, Blu Navy e Corsica-Sardinia Ferries, che effettuano differenti corse giornaliere tra la costa toscana e l’isola. 

Mappa e cartina

Riproduzione riservata