Italia

Ciclabile della Valle del Chiese, itinerario mappa e percorso

Ciclabile Val del Chiese
21-03-2024
Affluente del lago d’Idro, il Chiese è il punto di partenza della pista ciclabile che si sviluppa lungo il corso del fiume.

Ecco cosa sapere per percorrere la ciclabile della Vale del Chiese.
Valle del Chiese
Valle del Chiese

Ciclovia Valle del Chiese

La ciclovia della Valle del Chiese non è solo per esperti: adatta a tutti, sarà la destinazione adatta per le gite di famiglia durante la bella stagione.

Il periodo da aprile a ottobre, infatti, di solito offre il clima migliore per attraversare questi luoghi in bicicletta.

Scoprirete un percorso prevalentemente asfaltato, con alcuni tratti sterrati che in certi punti offrono la via di fuga perfetta per immergersi nella natura fra i piccoli borghi e i boschi della Valle del Chiese.

Percorso e tappe

Valle del Chiese
Valle del Chiese

Ecco le tappe previste nel percorso della Pista Ciclabile Valle del Chiese in Trentino.

Punto di partenza: Pra di Bondo

Percorso:

  • Bondo
  • Roncone
  • Creto
  • Cimego
  • Bersaglio
  • Ca’ Rossa
  • Darzo
  • Baitoni

Itinerario della ciclabile della Valle del Chiese

Valle del Chiese
Ciclabile Valle del Chiese

Da Pra di Bondo, punto di partenza, raggiungerete il piccolo lago alpino di Roncone, situato tra faggete e prati, con le suggestive sfumature azzurro-rosa delle sue acque e la spiaggia, perfetta per le passeggiate.

Il lago, balneabile, è Bandiera Blu. Chi vuole fare una sosta o fermarsi troverà tavoli da picnic, ombrelloni e sdraio per un pomeriggio al sole tutto relax.

Alla distanza di 16 chilometri circa si trovano Creto e Colonia. Creto è una frazione della provincia autonoma di Trento che storicamente fu celebre per la fiera bovina di Santa Giustina di Creto, una delle maggiori.

Se siete a caccia di storia nel comune di appartenenza, Pieve di Bono-Prezzo, scoprirete l’antico castello medievale Castel Romano, oggi in rovina.

Il percorso della ciclabile della Valle del Chiese dopo Bondo, Roncone e Creto, prosegue per Cimego, che durante l’inverno diventa una località apprezzata da chi ama lo sci alpinismo e lo sci di fondo.

A Cimego, dove sono stati scoperti antichi reperti di epoca romana, costeggerete l’omonimo bacino idroelettrico.

Qui si trova anche il caratteristico sentiero etnografico del Rio Caino, che vi permetterà di entrare nella lunga storia contadina di questi luoghi, dove scoprire antiche leggende e saperne di più sul patrimonio naturalistico e botanico presente: impossibile non restare affascinati dall’orto della strega Brigida, ricco di piante officinali, e dalla storia di Fra’ Dolcino e Margherita, giudicati eretici e vissuti all’inizio del Trecento proprio qui a Cimego.

L’area fa parte dell’Ecomuseo del Chiese, il posto da visitare se desiderate conoscere l’organizzazione del territorio, la realtà delle malghe e antichi mestieri come quello del carbonaio.

Natura Val del Chiese
Natura Val del Chiese

Voglia di una full-immersion nella natura? A una ventina di chilometri da Bersaglio si trovano prima la cascata della Fontana Santa e poi Fontana Morta.

Fermatevi ad assaporare i piccoli cambiamenti della montagna: a seconda della stagione potrete ammirare fioriture differenti seguendo la lenta trasformazione del bosco.

Infine, la ciclovia vi porterà verso Ca’ Rossa e Darzo, prima di arrivare a Baitoni, sulle sponde del Lago di Idro, la destinazione perfetta per rilassarsi e ricaricarsi di energia prima del ritorno a casa.

Darzo, frazione di Storo, è un sito di archeologia industriale. Per più di un secolo l’attività di estrazione del solfato di bario ha caratterizzato la vita e il lavoro di questi luoghi: oggi esistono percorsi che desiderano far rivivere questa memoria e vi permetteranno di andare alla scoperta delle Miniere di Darzo.

lago di Idro
Lago di Idro

Cavalli e mucche al pascolo, boschi e prati: immersa nel verde e resa preziosa dalla presenza dei laghi e dei torrenti, la Valle del Chiese offre tantissime attività.

Oltre ai percorsi a piedi e in bicicletta, durante l’estate potrete praticare arrampicata, surf, windsurf, canoa, vela.

Prima di ripartire non dimenticate di visitare il cimitero monumentale austroungarico di Bondo, il Museo della Grande Guerra a Bersone e, nei pressi di Lardaro, il forte Larino per andare sulle tracce della prima guerra mondiale.

Riproduzione riservata