Italia

Carnevale in Toscana 2023: cosa fare e dove andare per le vacanze

marchesini62/Shutterstock

Stenterello, Burlamacco, Ondina e Re Giocondo sono alcune delle maschere più tradizionali del carnevale in Toscana, che da secoli a ogni febbraio danno vita a straordinarie feste e celebrazioni in ogni provincia della regione.

Enormi carri allegorici dallo spirito satirico, antichi riti medioevali, grandi fantocci di cartapesta, spettacoli per bambini e roghi festosi animano le giornate di festa del carnevale in città e borghi toscani dove contrade e rioni si contendono l’ambita palma di Re del Carnevale locale.

Queste famose e seguitissime feste carnevalesche di fama mondiale rendono l’occasione di una vacanza in Toscana ancora più speciale e permettono di visitare alcune incantevoli località regionali prendendo parte a veri e propri riti collettivi pieni di allegria e coriandoli.

Carnevale di Viareggio

carnevale di Viareggio 2023

La città di Viareggio, sulla costa della Versilia, organizza da 150 anni uno dei carnevali più spettacolari e famosi d'Italia che richiama ogni anni migliaia di visitatori, rigorosamente in maschera.

La sua Cittadella del carnevale è il complesso più grande del mondo dedicato alla creazione dei carri e delle maschere e ospita officine e laboratori all’avanguardia per la lavorazione di migliaia di carri.

Le grandi star del carnevale di Viareggio sono proprio gli enormi carri allegorici interamente di cartapesta che possono raggiungere anche i 20 metri di altezza.

Se nel resto dell’anno Viareggio è una raffinata località balneare e meta turistica, nel periodo di Carnevale diventa l’epicentro della festa toscana che impazza sul lungomare tra due ali di folla festante che accompagna le sfilate dei carri.

Come da tradizione la festa comincia dopo tre colpi di cannone provenienti da mare, la prima sfilata è il 4 febbraio alle 16:00, poi domenica 12 febbraio (15:00), giovedì 16 febbraio (15:00), domenica 19, martedì 21 febbraio, sabato 25 febbraio 2023, ma la festa continua con concerti lungo le vie e le piazze di Viareggio, spettacoli pirotecnici, spettacoli teatrali, eventi enogastronomici e veglioni nei vari rioni della città sotto una pioggia di coriandoli.

Carnevale di San Gimignano

Il borgo di San Gimignano in provincia di Siena, non è solo un Patrimonio dell’umanità dall’Unesco grazie alla bellezza della sua architettura medievale ancora intatta caratterizzata da antiche torri e un impianto urbanistico che rendono unico il suo fascino, ma è anche sede di un folkloristico carnevale toscano.

Tutte le domeniche di febbraio le sue caratteristiche vie del centro saranno invase da carri allegorici, coriandoli, maschere, spettacoli teatrali, artisti e musica.

Le sfilate dei carri seguiranno un tema e le maschere fatte a mano più incredibili si sfideranno in gara, speciale attenzione verrà poi dedicata ai più piccoli con spettacoli e animazione appositamente pensata per i bambini.

Il Carnevale a San Gimignano è al tempo stesso una grande festa piena di colori e divertimento e l’occasione per visitare uno dei borghi più belli d’Italia ammantato in un’atmosfera diversa dal solito.

Carnevale di Foiano della Chiana

Foiano della Chiana

Una delle feste di carnevale più antiche in Toscana e in tutta Italia è quella che si tiene nel borgo di Foiano della Chiana, in provincia di Arezzo, con le prime testimonianze che risalgono fino al medioevo.

Da tradizione la maschera principale del carnevale di Foiano è il Re Giocondo, il cui pupazzo gigante viene dato alle fiamme nella piazza principale nell’ultimo giorno di festa per celebrare la fine dell'inverno con un allegro funerale.

Tutte le domeniche di febbraio e la prima di marzo le vie del centro ospitano spettacoli di musica dal vivo, artisti di strada e soprattutto un’accesa competizione di carri allegorici in gara fra loro. Il carro vincente potrà prendere in giro i perdenti e dare il via a una simpatica battaglia di lancio verdure tra la gente.

Carnevale di Follonica

Lontano dai mesi estivi quando non è presa d’assalto dai bagnanti della costa maremmana Follonica si trasforma nella sede di uno dei carnevali più animati di tutta la Toscana.

Ogni febbraio qui si tiene un fitto programma di eventi e feste che culminano con la tradizionale sfilata dei carri allegorici di cartapesta sul lungomare e per le vie principali del centro storico.

Come da tradizione toscana le sfilate dei carri sono divise per contrade e gli otto rioni in gara si contenderanno il primato del miglior carro del carnevale Follonichese insieme all’ambito titolo di Re e Reginetta del Carnevale.

Il tutto è contraddistinto da musica dal vivo, eventi per bambini, spettacoli, mostre, sfilate in maschera e tornei che si concludono l’ultimo giorno di festa con il rogo in spiaggia del fantoccio del re del Carnevale.

Carnevale di Piombino

Piombino

Il Carnevale di Piombino va in scena tra le strade della città da quasi un secolo e vede come suo protagonista assoluto il personaggio de “il Cicciolo”.

La maschera di cartapesta rappresenta il Re del Vino, ovvero un uomo con in mano un bicchiere di vino e una grande faccia ubriaca che viene portata in sfilata per le vie del centro.

Il Martedì Grasso nell’ultimo giorno di festa carnevalizia, il Cicciolo viene portato in una piazza e date alle fiamme con un grande rogo davanti alla folla festante tra carri, musica e degustazioni enogastronomiche

Carnevale di Bibbiena

Conosciuto come il Carnevale di Mea quello del piccolo borgo aretino di Bibbiena, si festeggia dal lontano 1350 e conserva antiche tradizioni e festeggiamenti locali.

Tra quelle più sentite c’è proprio la Rievocazione della Mea che secondo leggenda una giovane lavandaia sospesa tra due amori, così a carnevale ogni Martedì Grasso, due fazioni in competizione a Bibbiena si riuniscono per evocare una signora Mea con canti e balli in costumi medievali, sbandieratori, mercati, spettacoli giochi e sfilate di maschere medievali.

Carnevale dei Figli di Bocco - Castiglion Fibocchi

Tra i più singolari carnevali toscani c’è quello del borgo di Castiglion Fibocchi (Arezzo) anche noto con il nome di“ Carnevale dei figli di Bocco ”.

Durante queste feste di Carnevale iniziate per la prima volta secoli fa, l'intero borgo vede le sue piazze, strade e vicoli trasformarsi in un grande teatro a cielo aperto dove sfilano centinaia di figuranti con maschere colorate e costumi variopinti e luminescenti in stile barocco.

Il numero di persone coinvolte nella sfilata, il suggestivo centro storico di Castiglion Fibocchi e la pregiata fattura dei costumi rendono il Carnevale dei Figli di Bocco carico di un’atmosfera magica e diversa dagli altri.

Riproduzione riservata