Idee di viaggio

Cammino di San Colombano, tappe e percorso a piedi o in bici

Ecco cosa sapere per viaggiar sulle tracce di San Colombano in Italia

Cammino di San Colombano: tappe e percorso a piedi o in bici A PIEDI Shutterstock
/5

Il cammino di San Colombano è un itinerario che attraversa il nord Italia – e soprattutto la Lombardia – per oltre 300 chilometri

Si tratta di un sentiero che turisti e pellegrini affrontano a piedi ed è fortemente legato alla religione e alla spiritualità. Fu proprio il Santo, infatti, a percorrerlo per primo ed oggi chi lo attraversa arriva nei luoghi che egli conobbe, anche in diverse fasi della sua vita. 

San Colombano affrontò, in realtà, un viaggio ben più lungo attraversando gran parte dell’Europa, ma è il tratto italiano che negli ultimi anni più che mai è diventato particolarmente celebre e frequentato dagli appassionati di cammini provenienti da tutto il mondo.

Cammino di San Colombano

Colombano nacque in Irlanda attorno al 540 d.C. La sua fede ardente lo condusse in un viaggio di evangelizzazione che coinvolse diversi Paesi europei. 

Per oltre trent’anni, infatti, assieme ai suoi discepoli arrivò in luoghi conosciuti ma anche remoti di Irlanda – la sua terra natale – ma anche Gran Bretagna, Francia, Germania, Svizzera, Austria e Italia. 

Durante il pellegrinaggio incontrava le persone, parlava con loro e gli spiegava la parola di Dio. In diverse tappe del suo viaggio fondò Chiese e Abbazie: alcune di queste sono ancora in piedi e sono celebri in tutto il mondo. La maggior parte sono ovviamente visitabili nel corso del cammino.

Tappe Cammino San Colombano 

Il fatto che fu proprio San Colombano il primo ad affrontare il cammino che porta il suo nome, rende l’itinerario uno dei più antichi al mondo tra quelli da attraversare a piedi. 

Il tratto italiano è lungo precisamente 330 chilometri e, durante il percorso, si incrociano luoghi sacri, borghi, paesini e tante bellezze naturalistiche.

Le tappe italiane da affrontare sono in tutto diciassette (diciotto se si considera che l’ottava tappa – da Imbersago a Cassano d’Adda – può subire una variazione e passare per la Chiesa di San Colombano). Un altro sentiero dedicato a San Colombano è la Via degli Abati, unisce Pavia, Bobbio e Pontremoli. 

Percorso 

  • da Castasegna a Chiavenna
  • da Chiavenna a Verceia 
  • da Verceia a Colico, da Colico a Dervio 
  • da Dervio a Varenna
  • da Varenna ad Abbadia
  • da Abbadia a Lecco 
  • da Lecco a Imbersago
  • da Imbersago a Cassano d’Adda
  • da Cassano d’Adda a Cernusco sul Naviglio
  • da Cernusco sul Naviglio a Milano
  • da Milano a Abbiategrasso
  • da Abbiategrasso a Bereguardo
  • da Bereguardo a Pavia
  • da Pavia a Stradella
  • da Stradella a Canevino
  • da Canevino a Romagnese
  • da Romagnese a Bobbio

Cosa vedere lungo il Cammino di San Colombano 

Tutto il paesaggio che si incontra lungo l’itinerario del Cammino di San Colombano gode di un fascino unico, ma tra le bellezze imperdibili ci sono certamente: la Pietra Perduca, in provincia di Piacenza, che è un luogo leggendario e mistico legato alla fertilità e che consente anche di godere di una vista a 360 gradi sul paesaggio circostante; il borgo di Bellano con il suo Orrido che merita una sosta, o quello di Varenna – anticamente villagio di pescatori sul lago di Como – considerato uno dei paesini più romantici d’Italia. 

Lungo il percorso si incontrano però anche attrazioni contemporanee come lo “Shit museum”. Si tratta, ovviamente, di un nome provocatorio scelto da quest’azienda agricola che, oltre ad allevare bestiame, si occupa di produrre energia rinnovabile partendo dal biogas e dallo sterco.

Autore: Paola Toia

Scopri