Idee di viaggio

Mare del Nord: spiagge e mete da non perdere

Mare del Nord
Dalle isole Orcadi in Scozia alle isole svedesi, dalla penisola dello Jutland in Danimarca a Dunkerque in Francia, passando per l’arcipelago di Göteborg, ecco le mete da non perdere per una vacanza sul Mare del Nord.

Scoprirete spiagge infinite battute dal vento e dalle onde, villaggi dalle tradizioni vichinghe, mete del turismo d’élite e città che hanno lasciato un segno nella storia.

Skagen e Grenen, Danimarca

Skagen
Skagen

Skagen è la cittadina più a nord della Danimarca. È nota per la sua luce magica e per l'atmosfera particolare che ha affascinato generazioni di pittori e artisti.

Tra i tanti, P.S. Krøyer, Anna e Michael Ancher furono i primi a stabilirsi a Skagen, tra fine Ottocento e inizio Novecento, rapiti dalla sua incredibile luce.

Da allora molti scrittori, artisti e danesi benestanti hanno seguito l’esempio e oggi turisti da ogni parte del mondo vengono fino all’estremità dello Jutland per scoprire Skagen.

Oltre all’atmosfera di grande fascino, la cittadina affascina con le sue caratteristiche casette gialle dal tetto rosso e le finestre bianche, e gli splendidi paesaggi nei dintorni. Skagen ha bellissime spiagge sabbiose dove rilassarsi al sole o fare lunghe passeggiate in autunno e inverno.

Da Skagen si può poi raggiungere Grenen, il punto più a nord della Danimarca, nella penisola dello Jutland, dove il Mar Baltico incontra il nel Mare del Nord. Qui si può assistere a uno spettacolo della natura: i due mari si incontrano senza mescolarsi mai.

Grenen
Grenen

Oppure si può andare a vedere la Chiesa di San Lorenzo, meglio nota come la “chiesa sepolta” a causa di un massiccio spostamento di sabbia tanto che oggi ne è visibile solo una torre.

O ancora si può vedere Råbjerg Mile, la più grande duna mobile d’Europa: circa 4 milioni di metri cubi di sabbia fine, che si sposta di 15 metri all’anno.

Se avete tempo esplorate tutta la costa danese affacciata sul Mare del Nord dove scoprire località suggestive fuori dai sentieri battuti e paesaggi spettacolari.

Potreste percorrere 100 chilometri ininterrotti di spiagge di sabbia bianca e, in alcuni tratti della spiaggia di Vejers, è possibile persino guidare la propria auto lungo la spiaggia.

Göteborg, Svezia

Goteborg
Goteborg

La seconda città più grande della Svezia combina la vivacità di una città sul mare e un’atmosfera piacevolmente rilassata.

Situata sulla costa occidentale svedese, Göteborg nasce sulla foce del fiume Göta älv che la attraversa creando un fiordo frastagliato nel Mare del Nord.

La sua posizione strategica le ha permesso di diventare il porto commerciale più importante della Svezia.

Oggi questa interessante città svedese dalle origini seicentesche affascina per la sua modernità e i pittoreschi paesaggi costieri. Göteborg può essere visitata a piedi, se non volete prendere la bicicletta o i tram sferraglianti.

Partite da Haga, il primo sobborgo di Göteborg fondato a metà del XVII secolo dalla regina Cristina di Svezia al di fuori delle mura cittadine.

Oggi Haga è il cuore antico della città e uno dei quartieri più interessanti di Göteborg. Ammirate le numerose case in legno Landshövdingehus, costruite tra il 1870 e il 1940, lungo le strade di ciottoli.

Città natale della Volvo, Göteborg attrae gli appassionati di automobili che vorranno visitare la fabbrica e il museo. Gli amanti della scienza e della tecnologia possono visitare invece l’Universeum, mentre la collezione del Konstmuseum, una raccolta di opere che va dal 15esimo secolo a oggi, è una delle più raffinate in Europa.

Allo Stadsmuseum, invece, è possibile ammirare un'autentica nave vichinga, mentre al Sjöfartsmuseet si può approfondire la cultura marittima della città.

E dopo aver fatto un bagno di cultura, dirigetevi al Liseberg, il più grande parco divertimenti svedese. O al quartiere di tendenza Magasinsgatan, ideale per lo shopping di brand svedesi. Salite infine sulla collina di Risåsberget, dove si trova la Skansen Kronan, l’imponente fortezza seicentesca che sovrasta il quartiere Haga, per godere di uno dei panorami più belli della città e del porto.

Dopo aver visitato la città partite alla scoperta dell’arcipelago di Göteborg, a solo un’ora e mezzo di traghetto. L’arcipelago è composto da una parte settentrionale, il più accessibile e famoso per le gite in giornata, e una meridionale più tranquilla, rurale e priva di traffico.

Isola di Marstrand, Svezia

Marstrand
Marstrand

Lasciando Göteborg, in direzione nord, a meno di un’ora di distanza si può raggiungere il porto di Koön, da cui ci si imbarca per l’isola di Marstrand.

Senza l’auto, però, perché Marstrand ha vietato l’ingresso alle macchine. Situata lungo la costa occidentale della Svezia, l’isola è una delle perle svedesi, ideali per chi desidera una vacanza all’insegna del relax. 

L’atmosfera è rilassata e il rimo della vita è molto più lento. Molti vip, tra cui i reali svedesi, l’hanno scelta infatti come meta di vacanza, attratti anche dalle tipiche case in legno, dai pittoreschi caffè, dalle gallerie d’arte e dallo storico Grand Hotel.  

D’estate è molto frequentata dagli appassionati della vela e degli sport acquatici. Sull’isola svetta la fortezza di Carlstens, dove vengono organizzate cene vichinghe ed è ideale per ammirare il tramonto. Infine, passeggiate lungo il litorale e quindi fermatevi in uno dei tanti ristoranti specializzati in piatti a base di pesce.

Isola di Smögen, Svezia

Smogen
Smogen

Un’altra isola ricca di fascino è Smögen, lungo la costa occidentale della Svezia. L’isola dista circa due ore di macchina da Göteborg e attrae per i meravigliosi scenari dell’arcipelago, il buon cibo e l’atmosfera rilassante.

Smögen è un tradizionale villaggio di pescatori, ma viene preso d'assalto dagli appassionati di vela e di nautica in cerca di relax dopo una lunga giornata per mare.

Osservate quindi il viavai di imbarcazioni sorseggiando una birra fresca sul molo Smögenbryggan, circondato da deliziose casette colorate. Il villaggio vanta poi uno dei mercati ittici più grandi della Svezia, e dopo la stagione turistica si può assistere anche all’apertura della pesca dell’aragosta. 

Nei dintorni, potete fare gite in giornata al faro e all'area naturalistica di Hållö o alla riserva naturale Ramsvikslandet.

Dunkerque, Francia

Dunkerque
Dunkerque

Dunkerque suscita ancora perplessità ma è una vera sorpresa in un estremo lembo della Francia affacciata sul Mare del Nord.

Terzo porto francese e città del famoso corsaro Jean Bart, Dunkerque ha una lunga storia marittima.

Il museo portuale, perciò, situato nell'ex magazzino dei tabacchi, racconta la storia del porto di Dunkerque e conserva tre importanti battelli: il tre alberi Duchesse Anne, la chiatta Guilde e il battello-faro Sandettie.

Dunkerque è soprattutto conosciuta per il suo ruolo durante la Seconda guerra mondiale, quando è stata teatro di una delle operazioni di evacuazione più grandi della storia, conosciuta come l'Operazione Dynamo.

Tra il 26 maggio e il 4 giugno 1940 migliaia di soldati Alleati furono evacuati dalle spiagge di Dunkerque sotto il fuoco nemico.

Quindi chi vuole ripassare la storia può visitare il Museo Dynamo, riaperto nel 2017 per raccontare“il miracolo di Dunkerque”.

Chiaramente concedetevi una passeggiata sulla spiaggia bianchissima e spesso sorprendentemente illuminata dal sole, anche se spesso battuta da forti venti. Nel centro di Dunkerque poi bisogna vedere le due torri campanarie riconosciute patrimonio dell'umanità dall'Unesco, quella del municipio e della chiesa di Saint Éloi.

Quest’ultima fa parte di un meraviglioso complesso del Quattrocento che ha mantenuto intatto il suo aspetto esteriore.

Tra le architetture storiche fate caso ai bei palazzi costruiti tra le due guerre e alla Torre dei Bugiardi, caratterizzata da quattro piccolo orologi incastonati al centro delle pareti. Tra gli altri musei poi si può visitare il Museo delle Belle Artiche ospita una vasta collezione di dipinti italiani, francesi e fiamminghi ed una raccolta di sculture. 

Per un momento di relax si può raggiungere la spiaggia della frazione di Malo-Les-Bains,soprannominata "la regina delle spiagge del Nord".

Percorrete quindi la Promenade Malouine, dove ammirare le splendide ville costruite tra il 1890 e il 1920 dai parigini in cerca di aria salubre sulla costa di Dunkerque. Proseguite nel quartiere di Rosendaël, dove spicca l’Excentric, opera di François Reynaert realizzata durante gli anni folli. Ricordate che tra gennaio e febbraio ogni anno si tiene il famoso Carnevale di Dunkerque per le strade della città.

Isole Orcadi, Scozia

Isole Orcadi
Isole Orcadi

A nord-est della Scozia sorge un arcipelago di circa 70 isole, di cui solo 20 sono attualmente abitate.

Le isole Orcadi conquistano infatti per il loro carattere selvaggio. L’isola maggiore, che è anche la più popolata, è Mainland. Sulla costa orientale dell’isola di Mainland si trova Kirkwall, antica capitale delle Orcadi dove vale la pena vedere la sua cattedrale vichinga, il porto di pesca e la distilleria.

Stromness, altro porto e città principale dell’arcipelago, si trova nella parte sud-occidentale di Mainland. Fate un giro tra i negozi di artigianato che si nascondono nelle vecchie stradine. Da non perdere sull’isola di Mainland poi il villaggio neolitico di Skara Brae, patrimonio mondiale dell’Unesco, e i cerchi di pietra di Mainland.

Ma esplorate anche le altre isole delle Orcadi. Sapevate che l’isola di Rousay è conosciuta come “l’Egitto del nord”? È infatti sede di oltre 150 siti archeologici, inclusa una tomba a camera risalente a 5.000 anni fa.

Andando verso le isole del sud dell’arcipelago poi scoprirete la storia militare di Scapa Flow e l’impressionante Old Man dell’isola di Hoy, il faraglione più alto della Gran Bretagna (137 metri).

A Stenness si trova poi il Cerchio di Brodgar e le Stones of Stenness, cerchi di pietre risalenti al Neolitico.

Godetevi l'incredibile vista di migliaia di uccelli marini sulle scogliere delle riserve naturali, come Marwick Head a Mainland.  Passeggiate sulle spiagge di sabbia bianca bagnate dall’acqua turchese delle Orcadi.

E ammirate le luci del nord: le Orcadi sono considerate uno dei luoghi migliori del Regno Unito per ammirare la magia dell’aurora boreale. Le Orcadi infine sono facilmente raggiungibili in aereo dagli aeroporti di Glasgow, Edimburgo, Invernes e Aberdeen, o in traghetto da Aberdeen, Northlink Scrabster, Gill’s Bay o Pentland Ferries.

Isola di Sylt, Germania

Sylt Germania
Sylt

Sylt è un’isola che sorge tra il Mare del Nord e il Mare di Wadden, tra Germania e Danimarca. Conosciuta come meta balneare d’élite, la più settentrionale delle isole Frisone è considerata la Costa Azzurra tedesca.

È anche nota come “destinazione benessere” per via di un medico di Amburgo che nel XIX secolo elogiò la qualità dell’aria di questo luogo, portando così alla nascita di numerosi centri termali e wellness.

Sylt inoltre affascina per le sue meravigliose spiagge di sabbia. La costa occidentale dell’isola è battuta da violente ondate del Mare del Nord e forti venti, mentre la costa orientale che si affaccia sul Wattenmeer è tranquilla e poco frequentata.

Con la bassa marea, l’acqua si ritira scoprendo il vasto fondale che invita a lunghe passeggiate. Lungo queste ampie distese di dune vedrete suggestivi fari a righe colorate e perfino delle saune, dove riscaldarsi prima di tuffarsi nell’acqua ghiacciata del Mare del Nord.

Eleganti resort, ristoranti esclusivi e boutique di note firme vi ricorderanno che Sylt è una meta del turismo d’élite. Già negli  anni Venti era frequentata da celebrità come Marlene Dietrich e Thomas Mann.

I quadri del pittore Magnus Weidemann che ritraeva donne nude sulle spiagge dell’isola, oggi esposti al museo nel villaggio di Keitum, rievocano l’atmosfera mondana dell’isola. Sylt è inoltre l’isola ideale dove fare lunghe passeggiate o jogging tra le spiagge e i diversi villaggi. L’isola è lunga 38,5 km e nel punto più stretto misura solo 700 metri.

Riproduzione riservata