Grecia

Lefkada, cosa vedere, come arrivare e mappa delle spiagge

Lefkada: cosa vedere, come arrivare e mappa delle spiagge

Leucade era il nome ereditato dalla nobile famiglia italico-meridionale degli Orsini, Santa Maura l’antica denominazione veneziana. Lefkada, in greco, è un’isola incantevole, mistica e selvaggia. 

Fa parte dell’arcipelago delle isole Ionie e si trova a ovest della Grecia continentale. È l’unica isola della Grecia ad essere raggiungibile anche senza traghetti, perché collegata alla terraferma da un ponte mobile di circa 50 metri. 

Acque turchesi, spiagge incontaminate, vegetazione rigogliosa e villaggi senza tempo tra vigneti e uliveti fanno di Lefkada un’isola magica da scoprire con lentezza. Ecco cosa vedere a Lefkada. 

Lefkada: cosa vedere?

  • Lefkada città
  • Nydri
  • Vasiliki
  • Capo Lefkada 
  • Meganisi
  • Agios Nikitas
  • Spiaggia di Pefkoulia 
  • Milos 
  • Ekgremni
  • Vassiliki
  • Villaggio di Marantochori

porto-katsiki-lefkada

Lefkada città

lefkada-cosa-vedere

La città di Lefkada è il capoluogo dell’isola dal 1684. Si trova nella parte settentrionale di Lefkada, a pochi chilometri dall’aeroporto, e si estende lungo la spiaggia di fronte alle coste della Grecia continentale. 

È una cittadina pittoresca che affascina per le case colorate dai tetti di tegole rosse, le belle piazze, le stradine e il lungomare. Addentratevi nel centro della città alla scoperta delle sue bellezze storiche e architettoniche come le diverse chiese di Aghios Nicolaos e la chiesa di Aghios Dimitrios. Vale la pena visitare il Museo Archeologico, con ritrovamenti degli scavi dell’isola, dall’età neolitica fino a quella tardo-romana. 

Ma anche il Museo Folcloristico, con ricostruzione della casa popolare tradizionale di Leucade, la Biblioteca Pubblica e la Collezione di Icone Postbizantine, ospitata in un’imponente dimora signorile. Il Museo di Fonografi e Vecchi Ricordi invece espone vecchi fonografi, dischi, oggetti decorativi e vecchie banconote per chi vuole fare un salto indietro nel tempo.

Per una sosta nel verde andate al Parco Bosketo, ornato con busti di importanti personalità dell’isola. 

A sorvegliare la città dall’alto poi vedrete la fortezza di Agia Mavra, costruita nel XIV secolo e successivamente ampliata dai veneziani. Mentre le sue mura ricoperte di licheni rimangono intatte, circondate da un fossato d’acqua salata, l’interno giace ora in rovina. Potrete entrare in quel che resta di qualche camera spoglia dove ora crescono fiori selvatici. A 3 km a ovest della città, tra splendidi giardini in cima a una collina, invece, si trova il monastero di Panaghia Faneromeni, fondato nel 1634 e ricostruito dopo un incendio nel 1886. La salita è ripagata da una magnifica vista sulla città e sulla laguna.

Nydri

nydri

Nydri è il centro più vivace e conosciuto per la vita notturna di Lefkada, dove si concentrano spiagge, relax e divertimento. Situato a metà strada tra Lefkada città e Vasiliki, Nydri è un villaggio di circa 800 abitanti che si dedicano, perlopiù nei periodi estivi, alle attività turistiche del piccolo porto, tra cui per esempio tour in barca verso Meganisi, Itaca e Cefalonia

Il borgo e il porto di Nydri meritano una visita in particolare per il meraviglioso panorama sulle isole di Onassis, ovvero l’isola di Scorpios e altre piccole isolette appartenute alla famiglia Onassis. 

Esplorate quindi il piccolo borgo e il pittoresco porto di Nydri, circondati da uliveti e vigneti che arrivano fino alle coste. Alle spalle di Nydri, dirigendosi verso le montagne, si giunge attraverso piccoli villaggi e uliveti ad un ombreggiato parcheggio nella gola di Dimossari. Da lì una piacevole passeggiata porterà alle cascate di Nydri, immerse nella vegetazione rigogliosa. 

Da Nydri, inoltre, è facile raggiungere la baia di Vlicho, la penisola di Geni e la chiesa di Aghia Kiriaki che, affacciata sulle insenature di Nydri, ospita matrimoni da favola.

Per chi la sera ha voglia di far festa, bar e locali lungo il porto mettono musica fino a tardi. Non dimenticate, infine, di farvi una foto con il monumento dedicato ad Onassis, a cui si deve gran parte dell’evoluzione turistica dell’isola. È un’usanza del borgo ormai acquisita anche dai turisti.

Vasiliki

vasiliki

Vasiliki nasce sui resti di un vecchio villaggio di pescatori ed oggi è conosciuto come centro principale dell’isola per gli sport acquatici come windsurf e kite surf. 

Si trova in una baia naturale, costantemente ventilata, nel punto più meridionale dell’isola. Circondata da alte montagne, la baia di Vasiliki è spesso battuta da un vento chiamato “Eric” che accompagna i pomeriggi degli appassionati velisti. 

Vasiliki è ideale come porto d’approdo sull’isola ma anche come punto di partenza per i tour in barca alla scoperta di Cefalonia e Itaca. Il paesino è ricco di vita e i turisti si affollano tra taverne negozi e hotel. Dopo Nydri, è il secondo centro più visitato dell’isola, dove val bene fermarsi per il tempo di una cena a base di specialità di mare o per qualche giorno. La baia è comoda per raggiungere le bellissime spiagge della costa ovest.

Capo Lefkada 

capo-lefkada

Percorrete la nuova strada panoramica che da Vassiliki si snoda verso sud fino ad arrivare a Capo Lefkada, un luogo surreale dove la natura incontra la mitologia. Sulla parte più alta del promontorio roccioso che si tuffa a picco nel mare vedrete un faro costruito nel luogo dove anticamente sorgeva il tempio di Apollo. 

Qui ogni anno si celebravano cerimonie religiose panelleniche per propiziare gli dei del mare. Secondo una leggenda, da queste scogliere si gettò la poetessa Saffo a causa dell’amore non corrisposto per il giovane Faone. 

Nei dintorni si trova poi il monastero dedicato a San Nicola, dove alcune suore preparano creme all’aloe vera, miele di timo ed altri prodotti naturali.

Meganisi

meganisi

L’isola di Meganisi è la più grande delle sette isole che circondano Lefkada. Le altre sono Thilia, Petalu, Kithros, Kalamos, Madouri, Skorpidi, Kastos e Skorpios. 

Il modo più facile per raggiungere l’isola è in traghetto dal villaggio di Nydri, sull’isola di Lefkada, da cui quotidianamente partono navi e tour organizzati.

Vi ritroverete in un paradiso di grotte, piccole baie e meravigliose spiagge da scoprire tra verdi uliveti e vigneti. Le spiagge principali dell’isola di Meganisi sono quelle di Fanari, Agios Ioannis, Roka, Ambelaki, Limonari, Elia e Pasoumaki. Ma Meganisi ha anche piccoli villaggi tradizionali e testimonianze del passato come il monastero di San Giovanni, risalente al 1477 e considerato il più antico dell’isola. 

I maggiori centri abitati invece sono Vathy, Katomeri e Spartochori. Andate poi in cerca delle numerose grotte, tra cui la più famosa è quella di Papanikolì, accessibile solo dal mare e profonda ben 30 metri.

Spiagge di Lefkada

lefkada-grecia

Lefkada vanta bellissime spiagge che accontentano tutti i tipi di viaggiatori. Le più belle e scenografiche dell’isola però si trovano sulla costa occidentale

Per esempio Pefkoulia è una grande spiaggia sabbiosa con acque turchesi, in parte attrezzata ma non troppo affollata. La piccola spiaggia di Agios Nikitas è invece la preferita dalle famiglie che qui troveranno tutti i servizi. Non dimenticate di vedere il pittoresco villaggio di pescatori di Agios Nikitas che è diventato un’elegante località di villeggiatura. 

Milos è una spiaggia enorme, dalla sabbia bianca e le acque cristalline. Si raggiunge in pochi minuti tramite un sentiero panoramico che inizia ad Agios Nikitas, oppure in barca. La spiaggia attrezzata di Kathisma è una delle più frequentate di Lefkada e una delle migliori per vedere il tramonto sul mar Ionio. Quella di Egremni è una bellissima spiaggia lunga circa 2 chilometri, circondata da imponenti scogliere e considerata una delle più belle del Mediterraneo. Ma è raggiungibile solo in barca. 

Porto Katsiki è una delle più belle della Grecia: una striscia sabbia bianchissima sotto un’imponente scogliera. Chi ama il windsurf invece deve andare alla spiaggia del villaggio di Vassiliki, dove si svolge il festival internazionale degli sport acquatici.

A sinistra di Vassiliki si trova poi la baia di Agiofili, che si può raggiungere sia in barca che attraverso un sentiero. Infine, sono suggestive le spiaggette di ciottoli di Ammousa, vicino al villaggio di Marantochori, e quella di Mikros Gialos, riparata da una baia incontaminata dove il mare è quasi sempre calmo. 

Cosa mangiare a Lefkada

A Lefkada avrete la possibilità di assaggiare tutte le specialità della cucina greca: la moussaka (un pasticcio di melanzane, salsa di pomodoro, cipolle e carne trita), i souvlaki (spiedini di carne cotti alla griglia), l’insalata greca, i dolmades (involtini di foglie di vite ripieni di riso), la salsa tzatziki da mangiare con la pita, keftedes (polpette di carne piccanti). 

Tra la grandissima varietà di dolci assaggiate il galaktomboreko (pasta sfoglia alla crema), il kataifi (sfoglia ripiena di mandorle), il baklavas (sfoglia ripiena di mandorle e miele). Tra i vini locali assaggiate il vino bianco Retsina. Concludete la cena con un bicchiere di ouzo (distillato tipico della Grecia a base di mosto d’uva, spesso aromatizzato con anice). 

Come arrivare e spostarsi a Lefkada

Il modo più semplice per arrivare sull’isola è in aereo. L’aeroporto di Lefkada si trova a pochi chilometri dall’isola, a Preveza, e da qui è possibile raggiungere l’isola tramite taxi, autobus o noleggio auto o moto, percorrendo circa 25 km verso Lefkada. 

Altrimenti si può raggiungere l’isola in nave dai tanti porti italiani. Una volta arrivati conviene noleggiare un mezzo di trasporto, auto o moto, per poter raggiungere le spiagge più belle.

Quando andare a Lefkada

Il periodo migliore per andare a Lefkada è chiaramente quello estivo, ma in primavera o dalla fine di agosto l’isola può essere la meta ideale per una vacanza  tranquilla e rilassante. 

Mappa e cartina

Autore: Francesca Ferri

Riproduzione riservata