Idee di viaggio

Kimolos: cosa vedere, spiagge e come arrivare

Viaggio nell'isola incontaminata delle Cicladi

Kimolos: cosa vedere, spiagge e come arrivare GRECIA Shutterstock
5/5

Kimolos è una piccola e incontaminata isola greca appartenente all’arcipelago delle Cicladi

A galla nel Mar Egeo a solo un chilometro dalla più famosa isola di Milos, Kimolos è rinomata per le sue spiagge di sabbia bianca, le baie nascoste, le scintillanti acque turchesi, i villaggi pittoreschi, rocce vulcaniche, una popolazione felice e accogliente, cibo delizioso, un castello, molte chiese ed un flusso turistico molto meno intenso rispetto ad altre isole delle Cicladi.

Kimolos: cosa vedere, spiagge e come arrivare 

  • Skiadi
  • Goupa
  • Horio
  • Psathi
  • Kastro 
  • Museo Archeologico  
  • Prassa
  • Aliki
  • Bonatsa
  • Kalamitsi
  • Ellinika
  • Mavrospilia
  • Rema

La sua anima più riservata la mantiene più autentica e protetta dalle grandi masse, nelle sue poche strutture ricettive attrae un diverso tipo di viaggiatori meno interessati alla vita notturna e più disposti a passeggiare, rilassarsi, incontrare la gente del posto, comunicare e conoscere da vicino le usanze locali.

L’isola di gesso così chiamata per le sue cave minerarie, malgrado le sue dimensioni relativamente ridotte con una superfice di appena 50km2, vanta svariate attrazioni da visitare in uno splendido scenario naturale, come esplorare i suoi villaggi caratterizzati da vicoli tortuosi, case bianche in contrasto cromatico con le bouganville fiorite come nella città principale di Horio, respirare l'atmosfera medievale del Kastro (castello) sulle pendici del monte Xaplovouni, raggiungere Goupa il piccolo villaggio di pescatori con la colorata 'sirmata', esplorare le grotte scavate nella roccia e i rifugi per le barche in inverno o scovare i minuscoli insediamenti marini di Karras, Agios Nikolaos e Prassa con le loro spiagge incantevoli.

Tra lunghi bagni nelle sue acque turchesi, suggestive escursioni su sentieri che attraversano il suo territorio e rilassanti momenti nelle sue antiche sorgenti termali l’isola di Kimolos sa come rapire il cuore di chi la visita con la forza della sua semplicità e la bellezza dei suoi paesaggi.

Qual è il momento migliore per visitare Kimolos?

Questa piccola ma incantevole isola delle Cicladi regala il meglio a chi la visita durante la stagione estiva tra luglio e la prima parte di settembre con temperature tra i 25 e i 28 °, mare caldo, cielo azzurro e poca folla. 

Il mese di maggio e la fine di settembre regalano un’esperienza ancora più intima e rilassata con temperature medie meno roventi ma pur sempre molto godibili. Per la sua vocazione poco turistica invece visitare Kimolos tra ottobre e aprile espone al rischio di trovare chiusi o inaccessibili la maggior parte dei suoi luoghi.

Come arrivare a Kimolos?

Per raggiungere le sponde di Kimolos il primo mezzo consigliato è salire a bordo di un traghetto in partenza dal porto del Pireo ad Atene. La durata del viaggio normalmente oscilla dalle sei alle otto ore di traversata, ma esistono anche collegamenti più rapidi che impiegano circa 3 ore e 40 minuti. 

Kimolos è anche ben collegata con altre isole delle Cicladi come Kythnos, Serifos, Sifnos e in particolare la vicina isola di Milos, dal suo porto di Apollonia si può imbarcare anche l’auto per arrivare fino al porto di Psathi in soli 30 minuti, con più corse previste durante il giorno.

Milos a differenza di Kimolos è anche servita da un aeroporto, arrivare da Atene in soli 45 minuti per poi imbarcarsi quindi sarà ancora più facile e veloce.

Le spiagge di Kimolos

Come per tutte le isole greche le prime immagini che viene naturale associare sono quelle di spiagge paradisiache lambite da un mare cristallino. Kimolos non fa eccezione e le sue spiagge sono la prima destinazione da raggiungere una volta arrivati sull’isola per lunghe giornate rilassanti.

Le spiagge di Kimolos hanno acque turchesi, sabbia dorata, ciottoli bianchi e imponenti formazioni rocciose. Le spiagge più famose dell'isola si trovano sulla costa meridionale mentre alcune possono essere raggiunte solo via mare a bordo di una piccola barca. Dal porto di Psathi ad esempio si trova un collegamento per le tre piccole isole disabitate davanti alla baia. La più bella e la più grande di queste isole è Poliegos, sulla quale si contano spiagge incontaminate, specie animali e vegetali rare e un antico monastero.

Spiaggia di Prassa

Questa spiaggia bianca e sabbiosa con acque turchesi si trova nella parte nord-orientale dell'isola e presenta alcuni paesaggi naturali tra i più belli di Kimolos come sorgenti termali naturali con proprietà terapeutiche e le famose grotte sommerse di Vromolini. 

Spiaggia di Aliki

Questa spiaggia si trova nella parte meridionale dell'isola, presenta sia sabbia che ciottoli con acque blu poco profonde e piante di tamerici sotto le quali godere di un riparo naturale dal sole. Le persone che la frequentano apprezzano la sua tranquillità e le taverne dove rifocillarsi.

Spiaggia di Bonatsa

Nella parte meridionale dell'isola proprio accanto ad Aliki troviamo la spiaggia di Bonatsa con la sua sabbia dorata, i suoi fondali bassi, le acque cristalline e la vegetazione che garantisce ombra che la rendono meta ideale per famiglie con bambini piccoli. Protetta dal vento e servita da bar e taverne si può raggiungere anche in autobus. Proseguendo a piedi oltre Bonatsa si raggiunge la piccola e affollata spiaggia di Kalamitsi per un pasto tipico nella sua taverna. 

Spiaggia di Ellinika

Quella di Ellinika è una bella e ampia spiaggia di sabbia e sassi sulla costa nord occidentale dell'isola. Nelle sue interessanti formazioni rocciose si trovano spettacolari grotte sottomarine visitabili con immersioni subacquee. A breve distanza si trova anche la spiaggia di Mavrospilia, uno dei posti migliori per ammirare il tramonto a Kimolos.

Spiaggia di Rema

Questa spiaggia si trova vicino al villaggio di pescatori di Goupa, a 15 minuti a piedi da Chorio. È una spiaggia di ciottoli con acque turchesi, nonché imponenti grotte e formazioni rocciose.

Cose fare e vedere a Kimolos

Il mare aperto, l'aria fresca, le spiagge di sabbia bianca e la ricca storia fanno di Kimolos  un'ottima destinazione per gli amanti della natura e della cultura con molti siti e monumenti interessanti da visitare sull'isola. Con un paio di scarpe comode si può camminare lungo percorsi relativamente facili che partono dalla città e conducono su spiagge incontaminate o in angoli di grande suggestione paesaggistica. 

Questo è il caso di Skiadi, un sito naturale unico caratterizzato da una gigantesca roccia scolpita dal vento a forma di fungo. Il sentiero per arrivarci varia dai 30 ai 90 minuti a seconda del punto di partenza scelto e in entrambi i casi regala scorci mozzafiato sulla vicina isola di Milos e su rari esemplari di foche monache e rapaci.

Altrettanto spettacolari da scoprire sono le formazioni rocciose di Goupa, grotte scavate nella roccia  utilizzate per riporre le barche da pesca durante l'inverno con rocce famose come la Sirmata o elefantas, trasformata negli anni dalle forti onde e dai venti in una struttura simile a un elefante.

Il capoluogo dell’isola chiamato Horio o Chorio rappresenta  l'unico insediamento di dimensioni considerevoli, si trova ai piedi della collina Xaplovouni, sopra il porto di Psathi e si affaccia sull’isolotto di Polyaigos. Visitarlo vuol dire attraversare i suoi vicoli acciottolati, visitare il Museo Archeologico situato di fronte alla chiesa di Panagia Odigitria, esplorare l'area del vecchio castello abbandonato, scoprire i giardini fioriti nei cortili delle tradizionali case bianche e blu e non esitare a scambiare saluti con la gente del posto.

La sera Horio regala un’atmosfera semplice e rilassata da vivere ai tavoli dei ristoranti che preparano i succulenti piatti tipici dell’isola o partecipando ai caratteristici eventi culturali organizzati dagli abitanti come proiezioni di film all'aperto, balli e festival locali.

Mappa e cartina

Autore: Giorgio Calabresi

Scopri