Grecia

Isole greche per camminare, le più belle da scoprire a piedi

Isole Greche per camminare

Le isole greche non sono solo la destinazione per prendere il sole e farsi un bagno ma sono anche considerate meta ideale per chi ama camminare.

Molte isole sono attraversate da antiche reti di sentieri un tempo utilizzati per scopi agricoli e per il trasporto di merci e persone.

Sentieri e mulattiere, a volte lastricati in pietra, che conducono oltre edifici storici e viste a perdita d’occhio sul mare rendono le camminate sulle isole greche qualcosa di speciale.

Gli amanti della natura possono camminare tra paesaggi sorprendenti con colline terrazzate, mulini a vento in rovina, grotte, ponti, ripide scogliere rocciose, sorgenti e piccole gole.

Camminando si incontrano anche incantevoli fiori selvatici, animali, spiagge remote e calette con acque cristalline e turchesi.

Amorgos

Amorgos
Amorgos

Situata nelle Cicladi meridionali, Amorgos è un'isola sonnolenta attraversata da sentieri panoramici conosciuti come "sentieri blu" perché sono vista mare e collegano antichi insediamenti e spiagge isolate.

Il sentiero più noto, il percorso Old Strata, è un'antica via commerciale che attraversa diversi splendidi monasteri in almeno mezza giornata di cammino e collega le case bianche dell'antica capitale Chora al sito religioso più incredibile delle Cicladi: il monastero di Panagia Hozoviotissa. Il sentiero è tagliato nelle pareti rocciose della costa meridionale, con lo scintillante Mar Egeo che s’infrange contro le rocce sottostanti.

Altri interessanti passeggiata sono quelle di Fotodotis attraverso le verdi fattorie del lato nord dell'isola, che collega boschetti di alloro e sorgenti naturali su antichi sentieri degli asini e il sentiero Pan, che culmina in uno dei punti di osservazione più alti di Amorgos per ampie vedute del Mar Egeo centro-orientale.

Con la sua natura unica, i percorsi in alta quota, le spiagge dalle acque cristalline e la città irresistibilmente pittoresca, Amorgos è un'isola greca perfetta per camminare nella natura. 

Nonostante i suoi soli 121 chilometri quadrati si presta a interessanti percorsi escursionistici a piedi tra paesaggi selvaggi e percorsi stradali che si muovono costantemente sopra il mare su un'isola dalle coste rocciose.

L'isola di Amorgos, lunga e sottile non è molto conosciuta dai viaggiatori. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che non è l'isola più facile da raggiungere. Non c'è aeroporto e solo un paio di barche durante la stagione estiva provenienti da Naxos e Pireo.

Tilos

Tilos
Tilos

La piccola isola di Tilos, nel Dodecaneso, con le sue aspre montagne, colline verdeggianti e spiagge pittoresche, è una delle poche isole rimaste dove i visitatori possono sperimentare l'autentica vita isolana.

Tilos, è uno dei luoghi più verdi della Grecia e seduce i viaggiatori in cerca di tranquillità e di numerosi percorsi pedonali, molti dei quali basati su antichi sentieri dei pastori.

Le sorgenti d'acqua naturali dell'isola fanno sì che Tilos sia ricoperta di fiori selvatici durante la primavera ed è facile avvistare alcuni animali selvatici durante le passeggiate, soprattutto durante le stagioni intermedie.

Molti antichi sentieri attraversano l'isola e conducono a minuscole cappelle, piccoli insediamenti, spiagge appartate e colline con vista mozzafiato sul mare.

L'escursionismo è migliore in autunno e in primavera, quando il clima non è così caldo. In estate, le lunghe escursioni possono essere piuttosto faticose.

Evia

Evia
Evia

La seconda isola più grande della Grecia, Evia è un punto di riferimento per gli escursionisti grazie ai suoi paesaggi belli e variegati, che comprendono montagne scoscese, foreste verdeggianti, cascate e spiagge appartate.

Il sentiero più popolare si dirige verso la vetta del monte Dirfi, la vetta più alta dell'isola, attraversando un terreno alpino. È un percorso impegnativo, ma che ricompensa con viste affascinanti dall'alto.

Evia è anche conosciuta come Eubea, ed è situata nel Mar Egeo appena a nord-est di Atene. Una destinazione non ancora così popolare per le folle di turisti, nonostante abbia un comodo collegamento stradale con la Grecia continentale, raggiungibile dalla capitale in poco più di un'ora.

Le zone centrali e occidentali dell'isola, insieme al promontorio meridionale a ovest di Marmari, sono tra i punti preferiti degli escursionisti.

Quelle sono regioni segnate da alte montagne che scendono verso valli punteggiate di massi, con percorsi escursionistici a zig-zag che si intrecciano fino ai belvedere in alto.

Il sentiero più battuto è quello che porta alla cima del monte Dirfi. a 1.700 metri sopra lo scintillante Mar Egeo, dal rifugio Agali fino a una cresta che in inverno si ricopre di neve. Evia è perfetta anche per escursioni più adrenaliniche, con in più il canyoning e le escursioni sul fiume.

Nisyros

Nisyros
Nisyros

Camminare a Nisyros offre qualcosa di veramente unico agli escursionisti: l'opportunità di camminare attraverso il cratere fumante di un vulcano potenzialmente attivo.

Il cratere Stefanos è un paesaggio ultraterreno, punteggiato da fumarole ribollenti e accompagnato da un distinto sbuffo solforico.

Molti dei percorsi escursionistici costeggiano il bordo del cratere, offrendo una vista a picco sul paesaggio lunare.

Rodi

Spiagge di Rodi
Rodi

Rodi potrebbe essere meglio conosciuta per le sue spiagge, ma la più grande isola del Dodecaneso offre anche delle escursioni davvero spettacolari.

Le Sette Sorgenti, la Valle delle Farfalle e l'escursione alla tomba di Cleobolo a Lindos sono tutti percorsi turistici popolari.

Le zone più selvagge del sud e dell'ovest dell'isola offrono percorsi pittoreschi attraverso foreste, vigneti e rovine abbandonate.

Corfù

Come Rodi, Corfù è una calamita per gli amanti delle spiagge, ma allontanandosi dalle principali aree turistiche sarà facile scoprire il suo lato più selvaggio.

Quest'isola verdeggiante vanta una serie di sentieri escursionistici, il fiore all'occhiello è il Corfu Trail, lungo 220 km. Questa escursione di più giorni attraversa tutta l'isola, da Kavos fino al villaggio rustico di Vecchia Perithia, passando per villaggi collinari, uliveti, monasteri e spiagge, ma si può anche scegliere di percorrere tratti più brevi per escursioni giornaliere.

Corfù è un'isola con qualcosa per tutti, dalle vivaci città delle feste estive come Kavos alle romantiche spiagge come Palaiokastritsa.

La parte settentrionale dell'isola è molto più montuosa e generalmente più estesa sul fronte escursionistico.

In quella regione c’è il percorso verso la cascata Nymfes attraverso i boschi dal villaggio omonimo. E poi c'è lo spettacolare sentiero costiero che porta giù per le colline coperte di macchia fino all'istmo della baia bagnata dal sale di Porto Timoni, probabilmente la migliore spiaggia di tutta l'isola.

Karpathos

Situata all'estremità meridionale del Dodecaneso, vicino a Creta, Karpathos è un'isola montuosa con molti fantastici percorsi escursionistici.

Si può camminare su montagne scoscese, foreste di pini, spiagge appartate, villaggi tradizionali e antiche rovine.

Con vari livelli di difficoltà ci sono escursioni per tutti qui, anche se il sentiero che porta al punto più alto, Kali Limni, è il migliore con viste incredibili dall'alto.

Situata tra Creta e Rodi, Karpathos è un'isola di aspra bellezza e vegetazione incontaminata composta da lussureggianti colline verdi e da un duro paesaggio roccioso.

Lontana dalle altre isole ha intere zone ancora intatte con autentici villaggi tradizionali poco abitati spiagge sabbiose esotiche e soprattutto deserte.

Karpathos si contraddistingue per i suoi svariati percorsi escursionistici con vecchi sentieri di pietra che conservano il loro aspetto originale e per il villaggio medievale di Olympos dove le tradizioni sono ancora molto vive con la gente indossa gli abiti caratteristici e svolge attività tipiche delle usanze del luogo.

Sifnos

Sifnos
Sifnos

Sifnos è una piccola isola tranquilla che galleggia fuori dai flussi del turismo di massa delle Cicladi.

Come molte isole, ha un'antica rete di sentieri che negli ultimi anni il comune ha migliorato portando a oltre 100 km di sentieri progettati e segnalati in modo professionale con percorsi che passano per chiese, monasteri, antiche rovine, villaggi pittoreschi e spiagge dorate.

Sifnos vanta oltre 200 km di sentieri in totale e 19 sentieri segnalati. Qui le vette si estendono dal promontorio meridionale fino alle coste settentrionali.

I Sentieri di Sifnos includono una serie di escursioni segnalate, tra cui il Cammino di pellegrinaggio fiancheggiato da prati fino ad Agios Simeon e il Cammino delle miniere lungo la costa fino ad Agios Sostis.

La sua sonnolenta città principale, Apollonia, si muove al ritmo rilassato e da accesso sia alle valli interne che a calette e le spiagge nascoste come quelle intorno a Paralia Panagia Poulati, sulla costa orientale, dove una chiesa dipinta di bianco si trova davanti a un faraglione di massi nell'Egeo.

Riproduzione riservata