Grecia

Isole Greche senza Auto, le migliori da visitare

Isole greche senza auto
02-05-2024

La Grecia, soprattutto in estate, può essere il compromesso perfetto per una vacanza che sappia includere ogni tipo di esperienza.

Mare, movida, storia e relax si rincorrono in ogni località turistica dello Stato e sono soprattutto le isole a raccogliere i grandi flussi di visitatori.

Sapete che in alcune è vietato, o almeno sconsigliato, spostarsi in macchina? Ecco le 10 isole greche in cui muoversi a piedi.

antiparos-isola

Hydra

hydra_2

Una delle isole più chic di tutta la Grecia. Leonard Cohen ha qui una delle sue case e negli anni l’hanno scelta per le vacanze anche Aristotele Onassis e Mick Jagger. 

A Hydra le macchine non possono circolare e questo la rende – con i suoi vicoli e le antiche dimore nobiliari oggi visitabili – un luogo piuttosto silenzioso e perfetto per rilassarsi.

Chalki

chalki

Non troppo lontana da Rodi, quest’isoletta ha un centro abitato concentrato soprattutto attorno al suo porticciolo turistico in cui imbattersi anche nel caratteristico mercato del pesce.

Sulle colline invece la natura è incontaminata e il passaggio si adatta perfettamente alle escursioni. I mezzi a motore consentiti sull’isola sono solo i taxi e minibus di linea o delle strutture alberghiere.

Telendos

telendos

Un’isola vulcanica di pochissimi abitanti. Non è una delle mete più frequentate dai turisti che arrivano in Grecia ma è un luogo in cui respirare la cultura ellenica più vera e tradizionale e soprattutto godere del mare.

LEGGI ANCHE: 20 MIGLIORI DESTINAZIONI PER L'ESTATE

Antiparos

antiparos

Le automobili non sono vietate ma si preferiscono i mezzi non a motore ad Antiparos.

Turistica e pittoresca, con i suoi vicoli dai muri bianchi e dalle serrande colorate, su quest’isola è possibile affittare in tanti diversi punti delle biciclette per spostarsi senza alcun problema.

Koufonissia

koufonissi-grecia

Fa parte delle Piccole Cicladi, Koufonissia è in realtà “divisa” in due piccoli isolotti: Ano Koufonisi e Kato Koufonisi.

La prima è una località turistica in cui le automobili non sono vietate ma non indispensabili dal momento che si può percorrere facilmente tutta a piedi.

Kato Koufonisi, invece, è quasi totalmente disabitata e caratterizzata da sentieri sterrati, i mezzi a motore non sono quindi ammessi.

Schinoussa

schinoussa

Anche Schinoussa si trova nelle Piccole Cicladi e ha una superficie di soli 9 chilometri quadrati. Proprio le sue piccole dimensioni rendono inutile l’auto e per visitare le spiagge e i ruderi che si trovano sull’isola si può passeggiare a piedi.

I mezzi a motore, però, non sono vietati, ma i turisti usano soprattutto motorini vista la presenza di strade molto strette e spesso sterrate.

Antipaxos

antipaxos

Antipaxos è abitata per tutto l’anno da pochissime famiglie che vivono principalmente di agricoltura e pastorizia.

I turisti che arrivano su quest’isola non sono moltissimi e la scelgono soprattutto per il mare cristallino e le spiagge incontaminate. Le auto non sono assolutamente indispensabili.

Sicandro

isola-di-sikinos

Storia, cultura, tradizione e – ovviamente – mare, caratterizzano l’isola di Sicandro in cui è possibile visitare diversi siti archeologici.

I mezzi a motore qui non sono vietati ma vengono utilizzati molto poco. Nei piccoli centri che caratterizzano l’isola ci si sposta infatti soprattutto a piedi.

Angistri

angistri

A poca distanza da Atene e precisamente nel Golfo di Saronico si trova quest’isola in cui la natura è la grande protagonista.

La maggior parte del territorio è infatti coperto da boschi che arrivano fino alla costa in cui si alternano spiagge sabbiose e baie rocciose.

Le strade che vanno verso il centro dell’isola – che si sviluppa in altezza – sono soprattutto non asfaltate ed è per questo che le auto, pur non essendo vietate, circolano davvero poco.

Gozzo

gavdos

La più meridionale tra le isole della Grecia è abitata stabilmente da solo 150 persone. Secondo Callimaco l’attuale Gozzo corrisponderebbe all’antica Ogigia in cui Calipso tenne prigioniero Ulisse.

Le automobili sul territorio sono molto poche e i turisti che desiderano visitare l’isola si spostano con gli appositi autobus o, in alternativa, con i trattori che spesso vengono utilizzati per il trasporto delle persone e dei loro bagagli.

Riproduzione riservata