Idee di viaggio

Karpathos, l'isola selvaggia della Grecia

Ecco l'isola di cui stai per innamorarti

Isola di Karpathos: cosa vedere, spiagge e come arrivare ISOLE Shutterstock
5/5

L’isola di Karpathos è una delle isole greche meno conosciute e selvagge. Si trova nell’arcipelago del Dodecaneso. I primi reperti storici ritrovati sul territorio fanno pensare che fu abitata sin dal neolitico ma, come spesso accade per le isole greche, l’isola è fortemente legata alla mitologia e in particolare ai Titani. 

Secondo la leggenda pare che questa fosse la terra abitata proprio da Titano, figlio di Urano e Gea e che divenne poi la casa dei giganti per molti secoli. I Titani, infatti, la abitarono fino a prima della grande battaglia in cui furono sconfitti dagli Dei dell’Olimpo. Oggi Karpathos è una meta turistica che mescola paesaggi selvaggi a villaggi tipici greci

Ecco cosa fare e cosa vedere se si decide di visitarla.

Karpathos, cosa vedere 

Pigadia

La capitale dell’isola è anche il principale porticciolo del territorio e la meta turistica per eccellenza. Il folklore greco si respira proprio grazie all’andirivieni dei traghetti turistici, delle piccole imbarcazioni da pesca che – come avviene nella stragrande maggioranza delle isole elleniche – riforniscono il mercato del pesce sul molo, ma anche grazie ai tanti ristoranti e locali della città e ai moltissimi negozietti di souvenir. È Pigadia il cuore pulsante dell’isola, legato anche alla movida.

Olymbos

Olymbos è invece un villaggio interno, che si trova arroccato sul monte a 700 metri di altezza. A differenza del capoluogo dell’isola, questa è una zona meno moderna e più legata alle tradizioni. Poche abitazioni, mulini a vento che non è difficile incontrare nella Grecia insulare e – soprattutto – molti reperti storici. Nel periodo estivo, inoltre, questo villaggio ospita tante feste popolari tipiche e assistere alle manifestazioni farà scoprire ai visitatori un altro importante aspetto della Grecia.

Le spiagge di Karpathos

Chi arriva a Karpathos, però, lo fa soprattutto per il mare e per le spiagge. Ecco le più belle e frequentate.

Apella, a pochi chilometri dalla capitale. Il mare è di un azzurro intenso e tutta la costa è circondata dal verde degli alberi. Si tratta di una spiaggia particolarmente suggestiva e reputata tra le più romantiche dell’isola, per questo è spesso meta di coppie in vacanza. 

Kyra Panagia è invece la spiaggia ideale per chi ama la natura selvaggia e incontaminata. Achata cattura i turisti con i suoi ciottoli bianchi, mentre Arkassa è caratterizzata da forti venti e correnti che la rendono una delle mete più frequentate e adatte ai surfisti. 

Amoopi – infine – è la località turistica per eccellenza dell’isola, caratterizzata da un mare cristallino ma soprattutto da calette circondate da rocce in cui arrivare a nuoto o per stradine impervie. Attorno alle spiagge, inoltre, si trovano tante tavernette in cui assaporare i piatti tipici della cucina greca.

Come arrivare a Karpathos

Per arrivare a Karpathos non esistono voli diretti dall’Italia ma i collegamenti – seppure con scalo – aumentano soprattutto nella stagione estiva. Si può scegliere di arrivare in aereo fino a Parnasso e, da lì, imbarcarsi su uno dei traghetti turistici che arrivano a Pigadia. Oppure raggiungere Atene, Rodi e Kassos e utilizzare uno dei voli interni che arrivano fino al piccolo aeroporto dell’isola.

Mappa e cartina 

Autore: Paola Toia

Scopri