Atene

10 cose da fare gratis ad Atene

Atene Gratis: 10 cose da fare a costo zero

Visitare musei di street art en plein air, godersi la vista della città dalla collina del Lycabettus e dall’Acropoli, ammirare le antiche rovine o perdersi nelle stradine di Plaka e del villaggio cicladico Anafiotika

Sono solo alcune delle tante cose da fare gratis ad Atene. La capitale greca è una delle destinazioni europee ideali per un viaggio low cost. Ecco come scoprire Atene senza spendere un centesimo. 

10 cose da fare gratis ad Atene

  • Ammirare la vista panoramica della città 
  • Assistere al cambio della guardia a Syntagma Square 
  • Ammirare le antiche rovine 
  • Visitare musei 
  • Curiosare nelle gallerie d’arte 
  • Andare a caccia di street art 
  • Passeggiare nei mercati 
  • Girovagare per le antiche strade 
  • Tour della città
  • Prendersi una pausa nel verde 

street-arte-atene

(Foto: EQRoy / Shutterstock)

Ammirare la vista panoramica della città 

Iniziate a scoprire Atene ammirandola dall’alto. Basta salire sulle colline per godere di una vista a 360 gradi sui tetti della città, dove lo sguardo può spaziare dal monte Parnete al mare. La vista dalla collina del Lycabettus, o Lykavittos, è una delle più belle. La chiesetta di San Giorgio del XIX secolo, arroccata sulla cima del Licabetto, il punto più alto di Atene, è una delle location preferite per matrimoni romantici. 

Da qui potrete ammirare lo spettacolo del mare e delle isole più vicine, senza pagare un centesimo. In particolare, raggiungete il parcheggio vicino al Teatro Lycabettus, dove d’estate si tengono spettacoli e concerti, per ammirare il panorama più spettacolare della città. Si può raggiungere la cima di questa collina salendo delle ripide scale o prendendo la funicolare da via Aristippou. D’estate la camminata tra pini e arbusti sulle pendici del Licabetto è davvero refrigerante. Sul pendio rivolto a sud, fate caso ai due cannoni che di solito sparano ventuno volte all’alba e al tramonto durante le feste nazionali greche. Inoltre, la collina dell’Acropoli è chiaramente un altro punto panoramico da non perdere, ma anche la collina Filopappou e la collina Aeropagus. Se invece cercate un punto da cui ammirare l’acropoli salite sulla collina Strefi, a Exarcheia. Cercate di trovarvi in alto sulla città per il tramonto.

Assistere al cambio della guardia a Syntagma Square 

Piazza Syntagma (Piazza della Costituzione) è il cuore della città moderna. Qui si trovano il Palazzo del Parlamento e la tomba del Milite Ignoto, costantemente vigilata dagli Evzones, le iconiche guardie greche. Ogni giorno si può assistere al cambio della guardia, ma lo spettacolo si fa particolarmente interessante la domenica alle 11, quando un intero plotone accompagnato da una banda musicale fa il viaggio dalla caserma della Guardia Presidenziale alla tomba del Milite Ignoto. 

Ammirare le antiche rovine 

La maggior parte dei visitatori di solito spende 30 euro per un biglietto combinato che comprende l’ingresso all’Acropoli e ad altri sei siti top di Atene. Ma si possono ammirare le antiche rovine anche senza spendere un centesimo. Per esempio è possibile ammirare dalla recinzione esterna il Tempio di Zeus Olimpico, un’opera un tempo grandiosa, costruita fra il VI e il II secolo a.C., e così anche la vicina Porta di Adriano. 

È un impressionante arco di marmo risalente al 131 d.C. che separava la città antica dalla parte moderna. A Monastiraki, la Torre dei Venti è ben visibile dall’esterno, così anche lo Stadio Panatenaico, che sorge in una conca fra due colline ricoperte da pinete fra il quartiere di Mets e quello di Pangráti, costruito nel IV secolo a.C. per ospitare le gare di atletica delle Panatenee. Infine, l’Acropoli, grazie alla sua posizione privilegiata in cima alla collina, è ben visibile da tutta la città. Inoltre, molti dei monumenti statali, come anche i musei, sono gratuiti il 6 marzo, il 18 aprile, il 18 maggio, il 18 ottobre e la prima domenica di ogni mese, da novembre a marzo. Se avete la fortuna di capitare ad Atene in questi giorni non perdete l’occasione di visitarli gratis. 

LEGGI ANCHE: 10 COSE DA NON FARE AD ATENE

Visitare musei 

La maggior parte dei musei di Atene sono a pagamento ma, come i monumenti statali, sono gratuiti il 6 marzo, il 18 aprile, il 18 maggio, il 18 ottobre e la prima domenica di ogni mese, da novembre a marzo. 

Se siete ad Atene in una di queste date visitate il Museo Archeologico Nazionale, tra i più importanti della Grecia o il Museo dell’Acropoli, dove ammirare le parti del fregio del Partenone appartenenti alla Grecia, poiché la parte restante è esposta al British Museum di Londra. Il Museo Storico Nazionale invece è gratuito ogni domenica. Il giovedì fino a mezzanotte, invece, potreste visitare gratuitamente il Museo Benaki, che ospita opere d’arte greca dal periodo preistorico a quello moderno nonché una vasta collezione di arte asiatica. Segnatevi poi questi altri musei altrettanto interessanti e sempre gratuiti: 

 

  • Museo degli strumenti popolari greci per immergersi nella musica popolare greca; controllate il programma dei concerti gratuiti in giardino.
  • Museo delle Ferrovie Elettriche di Atene-Pireo per gli appassionati di ferrovie. 
  • Museo dell’Arte e della Tradizione Popolare, se volete esplorare la casa di un famoso specialista del folclore greco.
  • Centro culturale Melina Merkouri, dove girovagare tra ombre cinesi e spettacoli della domenica. 
  • Koraï 4, se volete visitare i sotterranei dove i nazisti tenevano prigionieri i politici greci durante l’occupazione.
  • Galleria Comunale, se volete scoprire le opere di noti pittori greci.

 

atene_6

Curiosare nelle gallerie d’arte 

Atene ha una vivace scena artistica, perciò andate alla scoperta delle più interessanti gallerie d’arte che vi stupiranno con happening, vernissage e feste. Cercatele soprattutto a Psyrri, Metaxourgio ed Exarhia. 

Ecco alcune gallerie d’arte da tenere a mente:

 

  • Breeder Gallery, a Metaxourgio, una delle gallerie di maggior successo.
  • Romantso, un’ex tipografia diventata uno spazio polivalente di Omonia.
  • Dio Horia, galleria contemporanea dal respiro internazionale situata a Psyhiko. 
  • Victoria Square Project, galleria fondata dall’artista Rick Lowe e luogo di incontro di artisti del quartiere multietnico in cui si trova.
  • Centro Culturale della Fondazione Stavros Niarchos, una rinomata istituzione nel mondo artistico di Atene a poca distanza dal centro della città.
  • Centro Culturale Onassis, controllate il suo programma di mostre, interessanti e gratuite.

 

Andare a caccia di street art 

L’antica città di Atene, culla della civiltà occidentale e della cultura classica, è anche una città moderna che ha assimilato le recenti tendenze culturali come la street art. Graffiti, murales e tag riempiono innumerevoli strade di Atene, ma epicentri della street art sono in particolare i quartieri di Kéramikos e Gazi dove ammirare il meraviglioso affresco Last supper in Athens, Métaxourgeio che custodisce il murales Eternal Traveler di Leonidas Giannakopoulos, Omonia, uno dei quartieri più cosmopoliti di Atene dove ammirare altri monumenti della street art. Ma soprattutto dirigetevi a Psyrri dove la street art è ovunque. 

Qui vedrete opere di graffitari greci e internazionali, come Dimitris Taxis, Ruin, il surrealista austriaco e Rimon il brasiliano. Proseguite poi per Exarcheia, al parco Navarino vedrete un’enorme opera dell’artista italiano Blu. Le vie di Atene quindi diventano veri e propri musei en plein air. Aprite bene gli occhi. 

Passeggiare nei mercati 

Esplorare i mercati è sempre una buona idea per scoprire l’anima di una città e conoscere i suoi abitanti. Non c’è bisogno di dover acquistare niente, basta passeggiare tra i banchi del mercato e osservare. L’Agorà Varvakios è il mercato centrale della carne e del pesce di Atene. 

Ma i mercati, chiamati laïki agora, vengono allestiti lungo la strada principale di ogni quartiere per un giorno alla settimana. Fate un confronto tra il mercato elegante di Xenokratous del venerdì a Kolonaki con quello dimesso e anarchico di Kalidromiou a Exarhia il sabato. Fate un giro poi a Monastiraki, quartiere famoso per il suo mercatino delle pulci. Qui troverete un’area dedicata allo shopping con negozi di ogni genere e nel weekend il mercato invade le strade con merci di ogni tipo e provenienza. 

Girovagare per le antiche strade 

Passeggiare per le strade di Atene è il modo migliore per scoprire la città senza metter mano al portafogli. Iniziate da Plaka, il quartiere più antico di Atene, incastonato nel centro della città vicino all’Acropoli. Cercate la casa più vecchia di Atene, intorno all’entrata est dell’Acropoli, e perdetevi tra pittoresche strade pedonali dove si respira un’atmosfera di un’altra epoca. Seguite Dionysiou Areopagitou oltre il Museo dell’Acropoli e la collina Filopappou. 

Arriverete così a Thisio, dove fermarvi in uno dei tanti caffè rivolti verso l’Acropoli, prima di uscire vicino alla zona di Monastiraki e all’estremità di Adrianou. Potreste completare il giro passando per l’Agorà Antica e l’Agorà Romana, che però non sono gratuite. Inoltre, non perdete Anafiotika, un piccolo villaggio di ispirazione cicladica ai piedi dell’Acropoli, dove i residenti dell’isola di Anafi si sono stabiliti decenni fa quando si sono trasferiti nella capitale. In un attimo vi ritroverete in un’isola delle Cicladi.

anafiotika_1

Tour della città

Se non vi va di camminare da soli e non volete pagare una guida turistica potete iscrivervi a uno dei tour a piedi di This Is Athens. Ateniesi entusiasti vi faranno scoprire la loro città a costo zero. 

Prendersi una pausa nel verde 

Se avete voglia di una pausa dal trambusto della città rifugiatevi nel parco pubblico centrale che si trova proprio accanto al Palazzo del Parlamento a Syntagma. Qui troverete un museo botanico, un piccolo stagno, uno zoo e un caffè, ma soprattutto una zona verde ideale per un picnic tra amici, per leggere un buon libro o godersi un momento di pace. Se invece volete uscire dalla città potreste raggiungere Ymittos (o Hymettus), una montagna vicina nella parte settentrionale della città, frequentata da escursionisti, corridori, ciclisti e amanti della natura. Camminando nella meravigliosa pineta troverete monasteri storici, sentieri segnalati e alcune grotte nascoste.  

Riproduzione riservata