Gran Bretagna

Isola di Skye: cosa vedere e come arrivare nel paradiso selvaggio della Scozia

Isola di Skye
06-07-2023

Se siete alla ricerca di un vero angolo di paradiso nel quale domina la natura più autentica, veramente lontano dal solito tran-tran della vita frenetica di tutti i giorni e a contatto con una bellezza selvaggia e quasi leggendaria l’isola di Skye è quello che fa per voi.

Se non la conoscete, si tratta di un’isola scozzese collegata alla costa nord-ovest del Paese tramite un ponte, molto famosa per i suoi paesaggi aspri, i pittoreschi villaggi dei pescatori e i castelli medievali che si possono incontrare visitandola durante una vacanza.

L’isola di Skye è la più grande dell'arcipelago delle Ebridi Interne, ha una costa molto irregolare con penisole che si gettano all’improvviso nel mare e diversi laghi che compaiono quasi all’improvviso nel territorio estremamente selvaggio e montuoso dell’isola.

Come arrivare all’isola di Skye

Isola di Skye
Isola di Skye

Per arrivare in questo angolo sperduto e affascinante della Scozia ci sono diverse possibilità.

Il modo più semplice e veloce è sicuramente quello di prendere un treno dalla stazione di Glasgow – una delle città più importanti della Scozia insieme alla capitale Edimburgo – con direzione Mallaig.

Una volta giunti a destinazione si prende il traghetto verso Armadale e in circa 45 minuti – ma dipende dalle condizioni meteo – si arriva all’Isola di Skye.

Un’alternativa al treno è l’autobus chiamato “citylink” che parte sempre dalla stazione di Galsgow. Il viaggio, però, non è molto veloce, ci vogliono circa 5 ore per raggiungere l’Isola di Skye.

Dalla capitale Edimburgo il viaggio è più lungo. Occorre prendere un treno direzione Inverness e poi cambiare per arrivare a Kyle of Lochalsh.

A questo punto si può decidere di attraversare lo Skye Bridge – il ponte che collega l’isola alla terraferma – a piedi oppure prendere un autobus per arrivare fino a Kyleakin.

Per chi vuole arrivare in macchina le indicazioni da seguire son quelle per raggiungere Kyle of Lochalsh. In barca è possibile arrivare sull’isola di Skye e attraccare in uno dei numerosi moli che si trovano nella parte sud dell’isola.

Cosa vedere all’isola di Skye

Isola di Skye
Isola di Skye

Come detto, l’isola di Skye è un autentico paradiso per tutti gli innamorati della natura incontaminata, un luogo dove perdersi in paesaggi da fiaba, sconfinati e brulli, sperduti e solitari.

Tra le parti più belle e interessanti dell’isola di Skye c’è sicuramente il villaggio di Portree, un piccolo borgo di pescatori con un meraviglioso porticciolo e tante casine colorate che regalano davvero un panorama da sogno.

Qui è possibile anche pernottare e mangiare in uno dei tanti locali caratteristici e pittoreschi che si trovano nel borgo.

villaggio di Portree
villaggio di Portree

La penisola di Trotternish è un’altra delle attrazioni più interessanti di questa isola della Scozia. Si estende per circa 30 km nel mare e regala ai visitatori dei paesaggi mozzafiato, con scogliere a stra piombo sul mare e delle spettacolari falasie rocciose, con stradine tortuose che si inerpicano sulle alture.

Da vedere c’è la Quiraing, una foresta fatta di rocce unica nel suo genere che ha il suo punto più spettacolare nell’Old Man of Storr, una incredibile colonna di pietra a forma di foglia alta più di 50 metri, uno dei simboli dell’isola di Skye.

Old Man of Storr
Old Man of Storr 

Tra le cose da vedere sull’isola scozzese c’è anche il Castello di Dunvegan.

È stato costruito accanto al Loch Dunvegan, un lago marino che si trova sulla costa occidentale dell'isola di Skye e regala ai visitatori dei bellissimi giardini, una collezione di importanti dipinti e, soprattutto i tesori del clan MacLeod con la celebre Fairy Flag, che pare abbia (anche) delle proprietà magiche.

Gli appassionati di natura e cascate non possono non fare una visita alle Fairy Pools, sicuramente una delle attrazioni più incredibili di questa isola spettacolare e incontaminata.

Fairy Pools
Fairy Pools

Dal parcheggio che si trova nei pressi delle cascate c’è un percorso di circa 20 minuti che porta a raggiungere la prima e più grande delle discese di acqua.

Da lì si può proseguire con altri sentieri per visitare le altre cascate.

Gli appassionati di escursionismo, alpinismo e trekking estremo possono, invece, fare rotta verso i monti Cuillin.

Si trovano nella parte nord-est dell’isola di Skye e offrono ai visitatori la possibilità di praticare queste attività in una location davvero unica.

Sempre per gli escursionisti più avventurosi c’è da segnalare la penisola di Duirinish e le incantevoli Red Hills, colline dalle cime dolci formate da granito rosa.

Ultima ma non meno importante, tra le cose da vedere sull’isola di Skye c’è Neist Point. Sono delle spettacolari scogliere che si trovano sul versante occidentale dell’isola scozzese, isolate e molto selvagge.

Neist Point
Neist Point

C’è un’unica strada per arrivarsi e, partendo dal borgo di Portree, si impiega più di un’ora. Il belvedere a piccol sul mare e il faro costruito in un luogo così magico vi ripagherà, però, di tutto il percorso fatto per arrivarci, regalandovi un momento davvero indimenticabile.

Mappa e cartina

Riproduzione riservata