Gran Bretagna

Cosa vedere in Inghilterra

Cosa vedere in Inghilterra: i posti da visitare assolutamente

Spettacolari scogliere della Cornovaglia, selvagge brughiere del Devon, spiagge assolate delle Channel Islands, antichi villaggi delle Midlands, città termali come Bath o città costiere come Brighton. L’Inghilterra è un Paese vasto e variegato, plasmato dai popoli che l’hanno dominato: Britanni, Romani, Normanni, Sassoni e Vichinghi. 

L’Inghilterra è una delle quattro nazioni che compongono il Regno Unito e saprà sorprendervi per il suo impressionante patrimonio storico, culturale e naturalistico. Iniziate a scoprirlo a partire dalla sua effervescente capitale.  Ecco cosa vedere in Inghilterra.

Cosa vedere in Inghilterra

  • Londra
  • Liverpool 
  • Oxford 
  • Brighton 
  • Bath 
  • Newcastle-Gateshead 
  • Birmingham 
  • Manchester   
  • Salisbury 
  • Devon 
  • Cornovaglia 
  • Le isole del Canale 

devon_2

Londra

Londra è la città in cui non importa da dove vieni, ma chi sei. Tutti si possono sentire a casa nella grande mela europea. La capitale del Regno Unito è l’emblema della multiculturalità: i suoi oltre 8 milioni di abitanti rappresentano complessivamente 270 nazionalità e parlano ben 300 lingue diverse. Sicuramente la Brexit ha allontanato Londra dall’Europa, ma rimane la metropoli in cui andare per scoprire nuove tendenze, mode dell’ultimo grido e fenomeni emergenti. 

La prima volta a Londra scoprite i principali luoghi d’interesse, dal Big Ben all’House of Parliament, dal Tower Bridge alla Cattedrale di Saint Paul. Andate a Buckingham Palace per assistere al cambio della guardia. Immergetevi nei suoi interessanti musei, dal British Museum alla Tate Gallery. Scoprite i quattro siti londinesi che fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco: il Palazzo e l’Abbazia di Westminster (inclusa St Margaret’s Church), il Maritime Greenwich, la Torre di Londra, i Kew Gardens. Andate alla scoperta poi dei vari palazzi e residenze storiche, nuovi musei e quartieri in via di riqualificazione.

Rilassatevi negli otto parchi reali, inclusi nell’area cittadina. Londra è una città che viaggia alla velocità della luce, le uniche difficoltà saranno stare al ritmo e saper scegliere il meglio che la capitale inglese offre.  

londra_19

Liverpool 

Situata nel nord-ovest dell’Inghilterra, nella contea metropolitana del Merseyside, Liverpool è una città malinconica nei suoi edifici fatiscenti ma anche una città dinamica e rivolta verso il futuro. Sorta sulla riva destra del vasto estuario del fiume Mersey, alla confluenza con il Mare d’Irlanda, Liverpool in passato è stata un’importante città portuale e uno dei maggiori centri di scambi commerciali del mondo. Oggi Liverpool è un sito del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco come Città Mercantile Marittima. 

Ma è soprattutto famosa come la città dei Beatles. Potrete scoprire la storia dei “quattro ragazzi nel vento” visitando il mitico Cavern Club di Mathew Street, il museo Beatles Story dell’Albert Dock e le case d’infanzia dei Fab Four. La città è anche conosciuta per le sue due squadre di calcio e ospita ogni anno uno degli eventi ippici più famosi del mondo. Una città vivace che affascina gli amanti della cultura con la più grande concentrazione di musei del Regno Unito al di fuori di Londra, molti dei quali sono ad ingresso gratuito. Il network National Museums Liverpool comprende 7 sedi, tra le quali il Museo Internazionale della Schiavitù, il Merseyside Maritime Museum, il World Museum e il Museum of Liverpool (che possiede anche un bellissimo acquario con pesci da tutto il mondo). Scoprirete inoltre gemme nascoste come la Western Approaches (base di comando sotterranea della Seconda Guerra Mondiale) e la Old Dock Experience (il primo molo commerciale a livello costante del mondo). Non dimenticate di visitare le due straordinarie cattedrali di Liverpool: la gigantesca e neogotica Cathedral Church of Christ (anglicana), progettata da Sir Giles Gilbert Scott, e l’avveniristica Metropolitan Cathedral of Christ the King (cattolica), dalla curiosa forma circolare.

liverpool

Oxford 

È conosciuta come “la città dalle guglie sognanti”, un termine coniato da Matthew Arnold per l’armonica architettura della sua università, la più antica della Gran Bretagna. L’università di Oxford si presume sia stata fondata nell’XI secolo e attualmente comprende 44 college che hanno accolto le più grandi personalità della Gran Bretagna, inclusi personaggi fittizi come Harry Potter.

Diverse scene della saga cinematografica sul celebre maghetto, infatti, sono state girate a Oxford: per esempio la Bodleian Library è diventata la Biblioteca di Hogwarts. Fondata dagli anglosassoni nel IX secolo, Oxford è una città prestigiosa che affascina per la sua lunga storia. 

Per un viaggio attraverso i secoli visitate l’Ashmolean Museum of Art and Archaeology, il primo museo fondato in Gran Bretagna, che risale al 1683, oppure il Pitt Rivers Museum dove scoprire tesori archeologici ed etnografici. E basta uscire dal suo antico centro per ritrovarsi nella campagna inglese, tra i villaggi da cartolina dei Cotswolds con chiese gotiche e cottage dal tetto di paglia, fitti boschi delle Chilterns, le meravigliose colline inglesi delle Costwolds. A nord di Oxford, infine, non perdete lo straordinario Blenheim Palace, una monumentale residenza di campagna inglese situata a Woodstock nell’Oxfordshire. 

Brighton 

Brighton è la città balneare inglese per eccellenza nota come la Londra sul mare. Si trova sulla costa dell’East Sussex, nell’Inghilterra del Sud-Est ed è una delle più famose località di villeggiatura della Gran Bretagna fin dal XVIII secolo, grazie anche all’opera di re Giorgio IV. A Brighton infatti venne costruito tra il 1787 e il 1820, il Royal Pavillion, uno stravagante palazzo dall’architettura indiana Mogul e dagli interni in stile cinese, come residenza per il Principe del Galles, il futuro re Giorgio IV. Oggi Brighton è rinomata meta turistica dove fare vita da spiaggia, rilassarsi ma anche dedicarsi alla cultura. Icona della città è il Brighton Pier, il celebre molo che si protrae verso le acque della Manica. 

Qui troverete giostre, intrattenimenti, bar, chioschi sul lungomare. Se siete in vena di shopping invece passeggiate per The Lanes, le animate vie dei negozi. Per immergervi nel verde invece trascorrete una giornata al vicino Parco Nazionale di South Downs, famoso per le sue dolci colline e gli incantevoli villaggi.

Brighton inoltre si trova a soli 30 km dalle suggestive falesie conosciute come Seven Sisters, che si trovano sempre all’interno del parco.

Bath 

L’elegante Bath, che prende il nome dalle sorgenti calde, attrae turisti da quasi 2.000 anni con le sue terme romane straordinariamente ben conservate. Bath è una città situata nella contea del Somerset, nel sud-ovest dell’Inghilterra, e sorge lungo le rive del fiume Avon. Fondata dai Romani come centro termale, perché qui sgorgano le uniche sorgenti naturali della Gran Bretagna, Bath divenne nel tempo un rinomato ritrovo dell’alta società e nel XVIII secolo divenne uno straordinario esempio di architettura georgiana. Dichiarata dall’Unesco sito del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, Bath vale il viaggio. 

Qui potrete scoprire la sua storia alle terme romane e al museo archeologico, passeggiare tra eleganti palazzi e quartieri georgiani come il Royal Crescent, il Circus, Queen Square e le Assembly Rooms. Non mancano i numerosi musei come il Museum of Bath Architecture, il No 1 Royal Crescent, il Fashion Museum e l’Holburne Museum, ma anche l’Herschel Museum of Astronomy, esposizione ospitata nella casa del famoso astronomo William Herschel. Non perdete poi la splendida abbazia di Bath intorno alla quale vedrete i suonatori di strada chiamati busker. Gli appassionati lettori di Jane Austen, invece, sapranno che qui ha vissuto la celebre scrittrice inglese per alcuni anni all’inizio del XIX secolo e vorranno visitare il Jane Austen Centre. La città inoltre omaggia la celebre scrittrice con il Jane Austen Festival, che si tiene ogni anno a settembre. Bath è poi la base ideale per esplorare il Somerset e le contee confinanti. Dalla città si possono raggiungere facilmente Bristol, Glastonbury che ogni anno accoglie il più grande festival della Gran Bretagna, ma anche Salisbury, Wells e l’affascinante Stonehenge, il più famoso monumento preistorico del mondo.

bath_2

Newcastle-Gateshead 

Newcastle upon Tyne, conosciuta semplicemente come Newcastle, sorge sulle rive settentrionali del fiume Tyne a pochi chilometri dalla costa occidentale dell’Inghilterra, nella contea di Tyne and Wear. Proprio di fronte a Newcastle, sulla sponda opposta del fiume, si trova Gateshead. 

Le due città si congiungono nelle rispettive zone fluviali del Quayside (Newcastle) e dei Quays (Gateshead).

Sono due moderne città dove vale la pena andare per visitare il centro per l’arte contemporanea Baltic, l’interessante Discovery Museum sulla storia di Newcastle, il futuristico Gateshead Millennium Bridge, il Centro Nazionale del Vetro e la magnifica Cattedrale di Durham, uno dei migliori esempi di cattedrale normanna d’Europa, nominata patrimonio dell’umanità dall’Unesco insieme al castello di Durham. Newcastle e Gateshead, inoltre, sono la base ideale per andare a scoprire il Vallo di Adriano, una lunghissima fortificazione romana che corre per 117 km attraversando l’Inghilterra dal Mare del Nord al Mare d’Irlanda. Non lontano si trovano anche i forti romani di Arbeia e Segedunum, con i relativi musei, e i resti del villaggio romano di Corbridge. Chi invece vuole immergersi nella natura può raggiungere il Parco Nazionale di Northumberland, il Parco Forestale di Kielder e l’AONB (Area of Outstanding Natural Beauty, in italiano Area di Eccezionale Bellezza Naturalistica) dei monti Pennini Settentrionali. 

Birmingham 

Birmingham è la seconda città più grande della Gran Bretagna. Si trova nelle cosiddette Midlands, cioè nell’Inghilterra centrale, perciò è facilmente raggiungibile da molte località del Paese. Fondata come miniera di ferro, Birmingham è una città che ha una lunga tradizione nel campo artigianale e industriale. 

In passato è stata leader mondiale nella produzione di penne, fibbie, bottoni, gioielli e pistole. Al Black Country Living Museum potrete ripercorrere la storia di queste attività nel contesto di un autentico villaggio. Ancora oggi gran parte della gioielleria britannica è prodotta proprio a Birmingham. Per approfondire visitate lo storico Jewellery Quarter e andate in cerca di affari direttamente nei laboratori degli artigiani. Birmingham si distingue, inoltre, per un’interessante scena gastronomica: avrete vasta scelta tra ristoranti stellati e il Balti Triangle, la celebre zona dei curry restaurant dove scoprire le specialità della cucina orientale.

Riservate del tempo al Birmingham Museum and Art Gallery (BMAG), un interessante museo, ospitato in un edificio storico della città, che comprende più di 40 gallerie dedicate all’arte, alla storia, alla cultura e all’etnografia. Inoltre, sappiate che Birmingham è attraversata da canali la cui lunghezza complessiva supera quella dei canali di Venezia, perciò non perdete un giro in battello. A circa un’ora di treno si trova Stratford-upon-Avon, il paese natale di William Shakespeare. 

birmingham

Manchester

Manchester è una grande città situata nel nord-ovest dell’Inghilterra, al centro della vasta area metropolitana denominata Greater Manchester, che per numero di abitanti è il secondo agglomerato urbano del Regno Unito. È una città vivace, dinamica e sempre più turistica. 

Conosciuta come capitale dell’industria tessile durante la rivoluzione industriale, oggi Manchester è una città d’arte e cultura. Visitate dunque gli interessanti musei come la Galleria d’Arte e la Galleria del Costume, il Museo Imperiale della Guerra, il Museo Nazionale del Calcio, il Museo della Scienza e dell’Industria, il Lowry e il Museo di Manchester tra i tanti. Fate un giro negli iconici quartieri di Manchester ed esplorate la moderna area dei Salford Quays, la zona portuale riqualificata sul fiume Irwell, sede di Media City UK. Dedicatevi allo shopping alternativo nei negozi del Northern Quarter. E divertitevi ad esplorare il Gay Village, la zona lungo Canal Street e il Rochdale Canal, centro della scena LGBT cittadina, dove ogni estate si tiene il famoso Manchester Pride. La città, inoltre, vanta una scena musicale di alto livello, quindi non sarà difficile trovare locali con buona musica dal vivo. Gli appassionati di calcio vorranno vedere una partita del Manchester United o del Manchester City, o almeno fare un giro dei loro stadi e musei.

Dopo aver visitato la città potrete trascorrere del tempo all’aria aperta nel magnifico Parco Nazionale del Peak District. 

Salisbury 

Salisbury è un’affascinante citta immersa nella campagna del Wiltshire. È stata un’importante città di provincia per più di mille anni e passeggiando per le sue strade farete un viaggio nel tempo, tra mura medievali, case a graticcio dei Tudor, palazzi georgiani e ville vittoriane. Iniziate a scoprire Salisbury a partire dalla sua icona, la maestosa cttedrale, un superbo esempio di architettura medievale che ha reso la città celebre a livello internazionale. 

La Cattedrale di Salisbury vanta, infatti, la torre campanaria più alta della Gran Bretagna, l’orologio più antico del mondo, il più grande chiostro (oltre 32 ettari) del Paese e una delle 4 copie originali superstiti della Magna Carta. Esplorate poi l’Old Sarum, la meravigliosa collina-fortezza che è stata il primo nucleo abitativo di Salisbury, situtata a pochi chilometri dal centro. Circondata da un fossato risalente all’Età del Ferro, l’Old Sarum nelle epoche successive venne occupata da Romani, Sassoni e Normanni. Qui vedrete i resti del castello Normanno e della Cattedrale originaria di Salisbury. Tra i musei e gli edifici storici più interessanti della città poi meritano il Salisbury Museum, che custodisce preziosi reperti archeologici, The Rifle (il museo militare), la Mompesson House (una casa risalente al XVIII secolo) e la Boscombe Down Aviation Collection (il museo aeronautico). Infine, basta uscire dal centro per ritrovarsi in aperta campagna e passeggiare magari tra greggi di pecore al pascolo. Salisbury è situata, inoltre, presso il confine orientale dell’AONB (Area of Outstanding Natural Beauty, in italiano Area di Eccezionale Bellezza Naturalistica) di Cranborne Chase, mentre il Parco Nazionale di New Forest si trova solo a una decina di chilometri.

Infine, è la città ideale per esplorare la contea del  Wiltshire e andare alla scoperta delle sue meraviglie archeologiche, come la famosissima Stonehenge, Woodhenge, il complesso di Avebury e altri siti dichiarati parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.  

salisbury-foto

Devon

Costa frastagliata, case storiche, città affascinanti e brughiere selvagge, il Devon è l’immagine della libertà. È una contea situata nell’Inghilterra del sud-ovest, affacciata sul Canale di Bristol a nord e sul Canale della Manica a sud. Il capoluogo è Exeter, mentre l’altro importante centro è Plymouth, una delle più importanti città portuali del Regno Unito, dove scoprire luoghi e musei legati alla storia della marina britannica. 

Il soleggiato Devon quindi è una delle località turistiche preferite dagli inglesi. Ci si può rilassare sulle scenografiche spiagge di Saunton Sands o Putsborough Sands, si può fare surf lungo la costa del nord o godersi l’ozio lungo l’English Riviera, cioè il distretto di Torbay. Le più note mete di villeggiatura sono Paington, Brixham e Torquay, paese natale di Agatha Christie dove vedere la sua casa d’infanzia, il museo locale e il Greenway, la sua casa delle vacanze a pochi chilometri da Torbay. Ma esplorate anche i suggestivi villaggi di pescatori e i pittoreschi paesini di campagna, come Clovelly, Lynmouth, Withypool, Newton Ferrers e Porlock. Infine non perdete la Jurassic Coast, il tratto di costa meridionale che da Exmouth prosegue verso est, dove l’erosione ha messo a nudo strati sedimentari che abbracciano 185 milioni di anni di storia e 3 ere geologiche. La Jurassic Coast è un sito dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco. A piedi, in bici o a cavallo scoprite i due parchi nazionali e le cinque AONB (Area of Outstanding Natural Beauty, in italiano Aree di Eccezionale Bellezza Naturalistica) del Devon. 

Cornovaglia 

La Cornovaglia vi farà innamorare dei suoi spettacolari paesaggi tra scogliere a picco sul mare blu, spiagge incontaminate, valli boscose e campagne verdi dove andare alla ricerca di antichi villaggi, residenze storiche, meravigliosi giardini e importanti siti archeologici. La Cornovaglia è la contea che occupa l’estremità della cosiddetta South West Peninsula, penisola del sud-ovest dell’Inghilterra.

Il capoluogo della Cornovaglia è Truro, l’unica città della contea e la città più meridionale della Gran Bretagna. 

Esplorate i pittoreschi villaggi della Cornovaglia, come St Ives, Newquay, Port Isaac, Portloe, Penzance, Pothleven. Ma soprattutto non perdete il St Michael’s Mount, un’isoletta che durante la bassa marea è collegata alla terraferma ed è sormontata da un affascinante castello. Meno famoso del Mont-Saint-Michel in Francia, ma altrettanto suggestivo. Raggiungete poi le rovine del Castello di Tintagel, legato alla leggenda del Re Artù. I Giardini Perduti di Heligan, invece, vi faranno immergere nella vegetazione esotica che in Cornovaglia cresce grazie al clima mite. Nella Camel Valley, invece, vedrete splendidi vigneti dove assaggiare vini locali. Gli amanti della gastronomia vorranno invece gustare le prelibatezze degli chef britannici in ristoranti stellati come il Restaurant Nathan Outlaw e Paul Answorth at No 6. 

quattro-giorni-cornovaglia

Le isole del Canale 

Di fronte alle coste della Normandia, in Francia, e a circa 85 miglia dall’Inghilterra meridionale, sorgono le Channel Islands, un arcipelago nel Canale della Manica. Sono isole soleggiate che sorprendono per spiagge nascoste, valli lussureggianti, tranquille strade di campagna, litorali mozzafiato e le temperature più miti di tutto il Regno Unito. Le due isole maggiori sono Jersey e Guernsey. Politicamente non fanno parte del Regno Unito, ma sono delle cosiddette Crown Dependency (Dipendenze della Corona): sono cioè territori appartenenti alla Corona britannica ma amministrati indipendentemente da autorità locali. I governi delle isole di Jersey e Guernsey sono detti Bailiwick (Baliati) e le altre isole dell’arcipelago fanno parte di uno di questi due Baliati. Jersey è l’isola più grande dell’arcipelago che stupisce con i mercati vittoriani e gli eleganti negozi della sua capitale St Helier. 

A Guernsey, invece, dopo aver passeggiato tra le stradine acciottolate di St Peter Port e gli yacht ormeggiati al porto, potrete immergervi nella storia, tra castelli e camere sepolcrali neolitiche.

Un’altra isola che vale la pena vedere è Sark dove possono circolare solo trattori agricoli. L’isola è inoltre una comunità certificata Dark Sky, perciò l’illuminazione pubblica è ridotta al minimo e c’è anche un osservatorio astronomico. Da Sark si può raggiungere facilmente Brecqhou, un’isola privata, particolarmente nota per la bellezza della sua flora. Le altre Isole del Canale permanentemente abitate sono Alderney, Herm, Jethou, tutte appartenenti al Bailiwick of Guernsey. Oltre a queste vi sono decine di altre isole disabitate.

Cosa mangiare in Inghilterra

Ecco alcune specialità inglesi che potrete trovare in pub, ristoranti o chioschi di street food: fish and chips, mash & bangers (salsicce solitamente condite con del gravy di cipolle, una salsa ristretta a base di carne), le tradizionali pie (tortini di pasta brisée ripieni di manzo e reni cotti nella birra, pollo e funghi, ma anche formaggio e cipolle, serviti con purée di patate e verdure), Shepherd’s Pie (gratinato con un fondo di ragù d’agnello con carote e piselli), Sunday roast (arrosto di carne servita con patate, verdure e salsa gravy), jacked potato (patata cotta al forno, spaccata a metà, in cui vengono inseriti fagioli o formaggio cheddar), chicken tikka masala (specialità indiana entrata nella gastronomia inglese, pollo in salsa curry e spezie), hamburger di carne con patatine fritte. Iniziate la giornata con una English breakfast per fare il pieno di energie: tè o caffè accompagnato da pane tostato, uova, bacon, salsicce di maiale, fagioli in salsa di pomodoro, pomodori e funghi. E il pomeriggio non dimenticate di concedervi un cream tea: tè accompagnato dagli scones, delle piccole brioche servite con marmellata di fragole e clotted cream, una crema a metà tra il burro e la panna.

Come muoversi in Inghilterra

Una volta atterrati in Inghilterra, potrete girare le piccole città a piedi e usare treni e pullman per viaggiare nel Paese. I ciclisti potranno trasportare la propria bicicletta sulla maggior parte dei treni.

Quindi potreste fare a meno dell’auto, che nel Regno Unito è sempre meno consigliabile, perché oltre a essere impegnativo può risultare anche costoso, a causa dei pedaggi urbani e dei parcheggi a pagamento. A Londra poi la famosa metropolitana, nota come The Tube, conta più di 270 stazioni, e vi porterà in lungo e in largo per la città. 

Quando andare in Inghilterra 

Il periodo migliore per andare in Inghilterra è sicuramente la primavera e l’estate per poter godere di temperature più piacevoli. Ma sono frequenti gli annuvolamenti e le piogge in ogni stagione, soprattutto nel periodo invernale da novembre a marzo. I mesi di luglio e agosto sono chiaramente i più caldi e i più affollati. 

Mappa e cartina 

Autore: Francesca Ferri 

Foto: © aroundworld/Shutterstock

Riproduzione riservata