Bordeaux

Cosa vedere a Bordeaux

Bordeaux

Considerata una delle capitali del vino, Bordeaux, ha un centro storico piccolo e grazioso che si gira a piedi in tranquillità e si trova al centro di una regione semplicemente fantastica che è chiamata da qualcuno la Toscana di Oltralpe. I vini bordolesi sono apprezzati in tutto il mondo e coltivati su colline disegnate dal secolare lavoro dell’uomo, mentre la gastronomia e l’accoglienza sono tra le migliori della Francia.

Cosa vedere a Bordeaux

Bordeaux negli ultimi anni ha cambiato look conquistando una vivacità e una dinamicità che fino a qualche tempo fa le erano venute a mancare. 

Passeggiate sul lungo Garonna prima di immergervi nelle strade del centro storico e respirare a pieni polmoni l’atmosfera bordolese. Preparatevi a una passeggiata piena di tappe perché le cose da vedere sono tante e concentrate in poco spazio. 

Qui di seguito abbiamo selezionato le cose da vedere assolutamente a Bordeaux.

  • Piazza della Borsa

Piazza della Borsa è uno dei simboli di Bordeaux. A renderla famosa è il Miroir d’Eau, uno specchio d’acqua artificiale di circa 3.450 metri quadrati che crea un effetto ottico particolare con i suoi getti d’acqua e in cui si specchia scenograficamente il palazzo della borsa. 

  • Cattedrale di Bordeaux

La Cattedrale di Saint-André è famosa per le sue due torri gemelle e per il suo bellissimo campanile, la Tour Pey Berland, che si può visitare all’interno e fino alla sommità (€6,00; ridotto €5,00. Entrano gratis gli under 18 accompagnati dalla famiglia).

  • Cité du Vin

La Cité du Vin è un museo dedicato al vino della regione che ospita nei suoi 10 piani tutte le tenute dei vignaioli del bordolese. L’edifico ultramoderno è tecnologico e interattivo anche all’interno, con belvedere all’ottavo piano, con splendida vista sul Garonna.

Aperto dal lunedì al giovedì dalle ore 10:00 alle 18:00 e dal venerdì alla domenica fino alle 19:00. Costo del biglietto: €20,00.

  • Rue de Sante Catherine

Rue Sainte Catherine è considerata la via dello shopping più lunga d’Europa, con oltre 3 km di vetrine e circa 230 negozi.

  • Porte de la Grosse Cloche

Porte de la Grosse Cloche è un altro dei simboli di Bordeaux, non solo per il suo aspetto, ma anche perché è una delle tappe francesi del Cammino di Santiago.  

Dintorni di Bordeaux

Appena fuori dai confini della città c’è una delle regioni più interessanti del sud della Francia, il Médoc. Qui, a nord-ovest di Bordeaux, lungo la sponda occidentale dell’estuario della Gironda, ci sono alcuni dei vitigni più rinomati del bordolese tra cui l’Haut-Médoc, il Margaux e il Saint-Julien. In tutto le strade dei vini della regione di Bordeaux sono 5 e meriterebbero tutte una visita di almeno 4-5 giorni.

  • Médoc

Visitate lo château Cos Labory, a Saint-Estèphe, per una degustazione di 3 Grand Cru in una visita semplice ed elegante nell’azienda vinicola a conduzione famigliare.

Chi ama camminare potrà anche percorrere il cammino dei castelli. 15 km a piedi tra i vigneti. La mappa dell’itinerario si prende a La maison des vins, Place de l’Église, Saint-Estèphe.

A Pauillac, lo château Bellegrave è il paradiso del cabernet-sauvignon. Lo château Maucaillou, invece, è uno dei castelli più belli della Francia. Anche qui degustazione dei vini in cantina e una piccola sorpresa in regalo ai visitatori. 

  • Libournais

Sulla riva destra della Garonna continuano le meraviglie con vigneti e castelli storici. A Saint-Emilion visitate Château Faugères dove il vino si degusta con vista sulle vigne. 

La Closerie de Fronsac è un piccolo podere che merita assolutamente una visita. Alla corte dei re di Francia, il Fronsac era soprannominato “la tisana di Richelieu”. Château Haut-Goujon, Château Haut-Goujon, Château de la Grave, Château Marquis de Vauban a Blaye e Château de Cérons sono altri indirizzi da segnare in agenda.

Allo Château Pape Clément, un castello neogotico con vigna che fu di proprietà di Clemente V nel XIII secolo, si può fare una particolare visita che si conclude con l’atelier di creazione del proprio vino” in cui i viistatori possono preparare e imbottigliare il proprio vino. 

Saint-Emilion è infatti una è una delle più suggestive località della regione. Il borgo medievale è da sempre stato sulle rotte pellegrine e l’intensa attività produttiva e la qualità dei “rossi” locali ha aperto le porte dell’élite dei siti Unesco  ai suoi vigneti. 

  • Saint-Émilion

Saint-Émilion, lungo la strada del Patrimoine, è un borgo medioevale posto su un promontorio roccioso, da visitare anche se non siete appassionati di vino. Visitate la chiesa monolitica scavata nella roccia e salite sulla sommità della Torre del Re, da dove ammirare un panorama indimenticabile sui vigneti della vallata sottostante.

Mare 

Bordeaux non si trova sul mare, ma a circa 1 ora di viaggio dalle coste oceaniche. Lungo la spiaggia esterna della penisola di Cap Ferret le onde sono particolarmente alte e la spiaggia ventosa. Nell’interno della baia invece il mare è più riparato e nei chioschi dell’interno è possibile assaggiare le ostriche leggendarie della zona. 

La grande duna di Pylat si trova a pochi chilometri da Archacon ed è una striscia di sabbia alta 114 metri e protetta alle spalle dal verde della foresta di pini marittimi.  

Tra le spiagge più belle vicino a Bordeaux ci sono quelle del Bassin di Archacon, di fronte alla duna di sabbia più alta del mondo, La Pointe de Lège a Cap Ferret e Plage Le Grand Crohot.

Foto e immagini

bordeaux-6

bordeaux-3

bordeaux-2

bordeaux-2

Mappa e cartina

Riproduzione riservata