Idee di viaggio

Sei giorni a Dubai

Stefanopicariello ci porta a spasso con stupore tra le meraviglie di Dubai

Sei giorni a Dubai DUBAI Shutterstock
5/5

E’ il tanto atteso giovedì 5 Aprile, La sveglia suona alle 03:30, ci vestiamo velocemente ed alle 04:30 io, mia moglie e mio figlio Luca di 14 anni siamo al banco check-in dell’ aeroporto di Cagliari. Il volo Alitalia, acquistato in contituità territoriale, partirà puntuale per Roma Fiumicino. Riririamo la valigia e transitiamo dal T1 al T3.

Arriviamo giusto in tempo per l’apertura del check in del nostro volo TK1862 (turkish airlines) diretto ad Istanbul.
Ci imbarchiamo alle 10:30 e da subito rimaniamo sbalorditi dal servizio offerto. Il volo è operato da A321 TC-JRP, aereo nuovissimo di ultima generazione con sedili in pelle e monitor lcd individuali, un sistema IFE da far invidia alle migliori compagnie di bandiera.

Da subito ci viene servito un aperitivo con le nocciole, subito dopo ci viene dato addirittura il menù per la scelta del pranzo. Pranzo completo con antipasto, piatto principale, dolce e verdure alla griglia, Fantastico. Arriviamo all’aeroporto Ataturk con qualche minuto in anticipo e qui ci aspetta un’ attesa di oltre 5 ore. Per fortuna troviamo una rete wi-fi libera. Io e mio figlio ci distraiamo un po' mentre mia moglie gironzola per i negozietti.

Alle 20 in punto, ci imbarchiamo sul nostro volo TK760 operato da A321 TC-JMK diretto a Dubai. Anche questo velivolo, benché di configurazione diversa (Ex kingfisher Airlines) è nuovissimo ed ultra confortevole. In volo ci viene servito come nel precedente aperitivo + snack + cena. Dopo 4 ore di volo, siamo sopra Dubai.

Atterraggio perfetto e un’ora d’attesa per gli interminabili controlli in ingresso. Sono le 03:30, finalmente fuori dal terminal, prendiamo un taxi al volo per il nostro albergo. Il display della lussuosa autovettura indica una temperatura esterna di 29°. Mica male!!! Giusto 20 minuti e 5 euro di spesa e siamo al nostro Express holiday inn safa park hotel, prepagato su destinia.com alla modica cifra di 50 eur, per 3 persone con prima colazione. Ci buttiamo a letto stanchissimi e dormiamo giusto qualche ora.

Venerdì 6 Aprile

Alle 9 siamo già svegli e corriamo subito a far colazione. Alle 10:00 ci attende la navetta free dell’ hotel per jumerah beach park che dista appena 2 km dal nostro hotel. Che dire, il mare è veramente bello, la spiaggia bianchissima ed il parco tutto attorno crea una cornice meravigliosa. Tutto rigorosamente pulito ed ordinato. Pranziamo nel fast food in spiaggia spendendo appena 4 euro a testa, rientriamo in albergo con la navetta delle 14:30. Doccia e taxi per il souk madinat.

Consiglio vivamente andarci a farci quattro passi. Il souk è pieno di negozi e ristoranti. La cosa diversa e divertente, ma anche affascinante è che gli arabi ci mettone sempre loro idee.... infatti in questo souk hanno ricreato diciamo una piccola Venezia. Con tanto di canali.....barchette e tour guidati. Noi l'abbiamo fatto ed è stato bello girare tra questi palazzi tipici e molto molto belli, adibiti a Hotel di lusso e ristoranti tipici. Da qui c’è una fantastica vista del Burj al Arab.

Prendiamo un Taxi per il mall of emirates e qui aimè, faccio l’errore di passare davanti allo ski dubai. Mio figlio ci vuole andare a tutti i costi ed io cedo…… Venivamo da una mattinata di mare e quasi incredibilmente ci siamo trovati a sciare in un mall con -4°, quasi masochismo…..

Ci hanno dato la tuta da sci, scarponi, racchette e sci. Non sono inclusi né sciarpa né cappello e né guanti. Bisogna portarsi qualcosa di pesante da mettere sotto la tuta perché dentro fa veramente freddo! Comunque, a parte il freddo, esperienza Fantastica. Cena al Dubai mall e rientro in Taxi, siamo sfiniti.

Sabato 7 Aprile

Raggiungiamo in metropolitana la fermata del big bus (prepagato on line per 2 giorni consecutivi) e facciamo la linea blu (quella delle spiaggie), che interessa la parte moderna della città. Riusciamo a prendere il primo bus, quello delle 09:20 e recuperiamo un po' sulla tabella di marcia.

Ho sempre evitato i bus turistici, ma a Dubai credo sia la miglior soluzione per visitare la città. Dubai è grandissima e le distanze tra le varie attrazioni sono notevoli, è impensabile farsela a piedi. Il panorama dal bus è meraviglioso, si riescono a vedere tante altre cose che in taxi o in metro avremmo sicuramente ignorato.


Dopo aver visto la Moschea di Jumerah, passiamo di fronte al mitico burj al arab, piccola sosta, fotografie e proseguiamo per Palm Jumeirah: la palma artificiale. Prossima tappa l’hotel Atlantis, le lost chambers (bellissimo acquario) ed il parco acquatico acqua venture, dove trascorriamo gran parte della giornata. Ha tante attrazioni tra le quali uno scivolo Kamikaze che passa in un tunnel circondato di squali. Ci sono discese divertenti con gommoni anche di coppia, piscina per bambini attrezzata con un castello grande e spettacolare.... Vale veramente la pena..
Intorno alle 16 riprendiamo il BIG bus e proseguiamo il giro sino al nostro hotel.

Doccia veloce e in taxi ci fiondiamo a vedere lo spettacolo delle fontane danzanti di fronte al Dubai Mall. Assoluamente da non perdere, così come la piazza antistante, il Mall (Dubai mall è il centro commerciale più grande al mondo) e la panoramica del Burj Khalifa. Fine giornata, anche oggi distrutti.


Domenica 8 aprile

Raggiungiamo con la metro la fermata del big bus rosso ed iniziamo il nostro giro. Prima tappa, lo spettacolare creek park con tanto di giro in funivia , riprendiamo il bus e scendiamo a crek-walk. Da qui una minicrociera (compresa nel prezzo del big bus) di 1 ora sul crek. Si prosegue ancora col bus, scendiamo al dubai Museum, ma prima ci fermiamo e prendiamo l’unica fregatura del viaggio in un ristorantino indiano (prezzi alti e cibo scarso).

Visitiamo il dubai museum, visto che il biglietto è offerto in omaggio sempre dal Big Bus. Da vedere. 10 minuti non di più. Al suo interno vi sono delle ricostruzioni di vita beduina e qualche teca con le armi e oggetti dell'epoca pre petrolio.

Molto più interessante, poco più avanti l’old souk, dove trascorriamo un po' di tempo tra le varie bancarelle. A piedi transitiamo verso la casa dell’ ex sceicco Said, che visitiamo insieme all’ heritage village. Interessanti, ma si vedono abbastanza velocemente.

A questo punto prendiamo un ABRA, un’antica imbarcazione di Dubai e con appena 20 cent di euro attraversiamo il fiume, esperienza molto particolare, proare per credere….. Ci troviamo a Deira, la parte più antica della città, qui è un piacere visitare il mercato delle spezie, dell’ oro, della carne e l’enorme mercato del pesce (tutti aperti sino alle 20)
Una cena al Mall di Deira City Center e anche la Domenica è finita.

lunedì 09 Aprile

Stavolta ci svegliamo un po' più tardi, prendiamo la metro per Dubai Marina, dove c’è un porto turistico favoloso ed una passeggiata in un lungomare veramente bello. Da qui tutta una tirata in metro sino a Wafi Mall, non tanto per il mall, quanto per il khan murjan, una bella riproduzione di souk con negozi di vari tipi (stazione metro healtcare city 1)
Ritorniamo sempre con la metro al Dubai Mall, prenziamo alla favolosa bisteccheria “Texas Roadhouse” e finalmente decidiamo di trascorrere qualche ora nel centro commerciale.

E’ impressionante, 1200 negozi, cascate, un’ enorme acquario, pista di pattinaggio sul ghiaccio e il tempo vola…. E si, sono le 17, ci aspetta l’ emozionante salita sul Burj khalifa (accessibile dall’ interno del Mall), il grattacielo più alto al mondo (anche questo prenotato on line un mese prima). La vista da la’ sopra è incredibile e ti fa capire cosa sta diventando Dubai e cosa ancora dovremo attenderci nei prossimi anni. Continuiamo con una passeggiata nella piazza, ceniamo da Pizza Hut (sempre nell Mall) e poi ce ne torniamo…

Martedì 10 Aprile

Alle 08:40 appuntamento alla reception per il Desert Morning Safari (prenotato 2 giorni prima alla reception dell’ albergo). In nostro autista si presenta puntualissimo per l'inizio dell'avventura: Si parte per il deserto... Dopo una prima pausa per fare foto in una riserva di cammelli (necessaria agli autisti per sgonfiare le gomme), si inizia la vera e propria avventura sulle dune: è come sulle montagne russe, pazzesco! Non pensavo ad una cosa del genere, il nostro autista pur facendo manovre ai limiti delle leggi della fisica trasmetteva grande sicurezza e vedendo anche il suo divertimento non si poteva fare a meno di ridere a crepapelle! Se soffrite di stomaco non preoccupatevi: si fanno diverse pause lungo il percorso, si beve e ci si rinfresca.

Un'esperienza assolutamente da provare, il deserto in cui si va è splendido e si possono fare ottime foto senza perdere tutta la giornata: il Morning Safari è stato una scelta azzeccatissima! Alle 14 rientriamo, pranziamo in hotel ed usciamo per vedere le ultime 2 attrazioni rimaste del nostro itinerario:

Il Safa park, (che si trova dietro l’albergo)
Il bur Juman (che raggiungiamo in metropolitana)

Il safa park è bellissimo (mi ricorda i parchi Londinesi…), ma purtroppo fa un caldo esagerato (36°) e non ce lo godiamo al meglio. Bur jumann (metro khalin bin waled) è un centro commerciale, che, visitato dopo tutti gli altri, non mi fa alcun effetto.

Rientriamo in albergo, giusto il tempo di preparare i bagagli ed alle 22 si parte per l’ Aeroporto. Ceniamo nel food court del Terminal 1 ed alle 02:35 Ci Imbarchiamo sul nostro A321 (TC-JRS) diretto a Istanbul. Da qui dopo una breve sosta, stesso tipo di velivolo (TC-JRO)ci porterà a Fiumicino. Proseguiamo con AZ il nostro volo per Cagliari, dove arrivamo nel primo pomeriggio.

Dubai mi ha lasciato a bocca aperta, già di notte prima di atterrarci! Sono stato a New York, sulla rock Tower e sull’Empire state Building, ma l'impressione che ho avuto a Dubai è stata decisamente diversa! Si.. perchè mentre per New York partivo "preparato", a Dubai mi sono sentito piccolo in mezzo a dei giganti. Forse quest'espressione rende ancora poco la sensazione di maestosità che si vive e prova quando ci si trova davanti non ad uno, ma ad una serie di edifici tra i più alti al mondo.

Tutti gli edifici, sono nuovi, con un'architettura ricercata e spesso spinta al limite della statica, proprio per ostentare la ricchezza dei luoghi e delle persone che vi vivono. Ovviamente Dubai è uno dei luoghi nei quali la tassazione è molto bassa e diventa, spesso, una delle sedi legali di società, prevalentemente multinazionali Europee o Americane, grazie proprio alla bassa quantità di tasse pagate. Tra l'altro, mi dicevano, gli stipendi al lordo coincidono con il netto per i lavoratori di aziende per l'estero.. un gran vantaggio!

Dunque, tornando dentro i binari dell'opinione... la città è mastodontica, dal punto di vista delle vette raggiunte dagli edifici e dagli sfarzi, che si vedono sia di giorno che di notte, quando le luce e le vetrate degli edifici iniziano a dialogare con le stelle.

La città di Dubai è divisa in quelli che si potrebbero definire quartieri, ovvero dei grandi agglomerati di edifici con piazze, porticcioli e attività commerciali, uniti tra loro dalle superstrade multicorsie (almeno 6 corsie per senso di marcia, in alcuni tratti otto) o dalla metropolitana. Ovviamente per muoversi i mezzi più pratici sono sicuramente il taxi, che non è caro, e la metropolitana. Chi ha la fortuna di avere un'auto lì può muoversi scorazzando liberamente fino a 120 km/h... il traffico è molto intenso ma scorrevole!

Devo dire, con molto piacere, che ho notato una città molto pulita e curata. I margini delle strade non presentano sporco come cartacce o altro. Vi si possono trovare, al massimo, residui di sabbia che viene, comunque, prontamente ripulita per mantenere sicuro il transito dei mezzi. E' anche molto piacevole da vedere il verde pubblico, ben curato e tenuto. Le aiuole alle strade sono fantastiche, sempre innaffiate, molto meglio delle nostre!!!

Una cosa che mi ha lasciato a bocca aperta è stata quella di non vedere ai margini delle strade o nei quartieri più trasandati (non ce ne sono tra l'altro), la presenza di mendicanti o barboni. Non ve ne sono o, perlomeno, non li ho visti io. Questo, chiedendo un po' in giro, fa parte di una sorta di legge legata all'immagine dei luoghi voluta da chi comanda. Altra cosa che mi ha lasciato sorpreso è la sicurezza con la quale la gente vive. Si, non vi è criminalità o, se c'è, è ad un tasso praticamente vicino allo zero.

Questo grazie ad una legge molto rigida contro chi delinque, che siano i furtarelli o reati più gravi, le pene sono severissime e quasi nulla la possibilità di scamparvi! Io giravo, il primo giorno, leggermente intimorito, anche in metropolitana, con un occhio di riguardo per il borsello nel quale avevo passaporto e soldi, ma mi è stato detto di star tranquillo, che non correvo nessun rischio! Guardando in giro, comunque, non ho notato quelle persone in divisa che potessero essere l'equivalente della polizia, però mi è stato detto che ci sono, in borghese, ovunque e garantiscono un ottimo servizio di sicurezza ai locali e ai turisti.

LE PERSONE..

Le persone che ho incontrato, dalla reception ai ristoranti o servizi, sono molto gentili e disponibili. Parlano, ovviamente, un ottimo inglese, tutti, anche i taxisti, da far impallidire i nostri studenti che escono dalle scuole spiaccicando poco della lingua anglosassone. Gentili e disponibili dicevo. Anche perchè Dubai è una città multietnica. Pensavo di vedere molte più donne coperte con burca e simili, invece per le strade e gli edifici lo stile è comunque quello occidentale, cosa che non accade, ad esempio, nel vicino Saudi Arabia, dove le donne non possono girare liberamente e i maschi non possono nemmeno portate i pantaloni corti.

Anche le donne sole sedute al banco del bar sono un tipico esempio e spirito di adattamento all'occidentale. E devo ammettere che vi sono delle donne bellissime che attendono solo chi ha una carta di credito in grado di erogare una liquidità da paura! Concludendo vorrei dire che Dubai mi ha molto, ma molto impressionato. Mi è piaciuta.. Spero ritornarci al più presto. Un Grazie a Turkish Airlines che, benché prenotata con un anno di anticipo, con appena 169 € a testa ha reso possibile tutto ciò..