Idee di viaggio

Viaggiare apre la mente, lo dice la scienza

Un nuovo studio conferma ciò che affermava Mark Twain: il viaggio è fatale al pregiudizio

Viaggi India VIAGGIARE Shutterstock
5/5

"Il viaggio è fatale al pregiudizio, al bigottismo e alla ristrettezza mentale, e molti di noi ne hanno estremamente bisogno proprio per questo motivo. Le vedute ampie, sane e buone non possono essere acquisite vegetando tutta la vita in un piccolo angolo della Terra".

Mark Twain 

Twain lo aveva brillantemente affermato, ora c'è uno studio che sostiene che viaggiare apre la mente e riduce i pregiudizi. La ricerca pubblicata in Social Psychological and Personality Science conferma che viaggiare in luoghi differenti, scoprire altro e allontanarsi da ciò che si conosce, allarga la mente e incide sulla personalità. 

Gli autori dello studio tra cui Jiyin Cao della Northwestern University, incuriositi proprio dalla citazione di Twain hanno testato questa ipotesi: il viaggio rende davvero le persone più fiduciose? Il viaggio porta le persone ad avere una visione più caritatevole dell'umanità?

Data la tendenza verso la globalizzazione e la crescente popolarità dei viaggi all'estero, queste erano le domande sui cui indagare; hanno poi confrontato due aspetti dell'esperienza di viaggio: l'ampiezza, il numero di paesi che si visitano, e la profondità, overro il periodo di tempo che si trascorre fuori casa; hanno analizzato quale variabile influisse di più sulla tesi che sostenevano. 

Attraverso cinque studi, utilizzando diversi metodi di ricerca gli studiosi hanno scoperto che l'ampiezza ma non la profondità delle esperienze aumenta la fiducia generalizzata. In altre parole, più paesi si visitano, più si è fiduciosi. L'ampiezza è importante perché offre un grande livello di diversità nelle esperienze di viaggio. 

Ai cinque studi han partecipato più 700 partecipanti. In un esperimento, i ricercatori hanno analizzato gli studenti universitari riguardo le loro esperienze all'estero e riguardo i loro sentimenti di fiducia. Coloro che hanno visitato un numero più elevato di paesi, hanno la tendenza ad essere più fiduciosi.

In un altro esperimento, i ricercatori hanno intervistato un gruppo di cinesi prima di un vaggio all'estero e dopo. Coerentemente con le ipotesi degli studiosi, l'esperimento ha rilevato che coloro che hanno viaggiato verso più luoghi tendevano ad essere più fiduciosi.

Cao e i suoi colleghi hanno scoperto che anche i viaggi influenzano il comportamento reale. In altri due esperimenti, i ricercatori hanno coinvolto alcuni studenti universitari per un gioco progettato specificamente per misurare la fiducia negli altri. Lo studio ha rilevato che le persone con una maggiore esperienza nei viaggi, tendevano a fidarsi molto di più rispetto agli altri. 

Il fatto chiave: visitare luoghi che non sono familiari e diversi dal nostro ambiente consueto. Nel loro esperimento finale, Cao e soci hanno confermato questa tesi, arrivando alla conclusione che coloro che visitano luoghi meno simili a quelli d'origine, sono più fiduciosi di quelli che visitano luoghi più simili alla patria.

Viaggiate il più possibile verso posti ignoti, saranno i soldi meglio spesi!

Scopri