News Low Cost

Giornate FAI d’Autunno 2022, 700 luoghi speciali in 350 città italiane

700 luoghi in 350 città. Sabato 15 e domenica 16 ottobre 2022 torna l'appuntamento con le “Giornate FAI d’Autunno”, il grande appuntamento con il patrimonio culturale e paesaggistico Italiano.

Ecco cosa sapere per scoprire le meraviglie del nostro Paese.

Abbazia di San Fruttuoso: come arrivare, sentiero e visite

Giornate FAI d'Autunno 2022

Grazie alle Giornate Fai d'Autunno avrete modo di visitare luoghi speciali, solitamente inaccessibili, disseminati in 350 città d’Italia.

Sarà l'occasione per approfondire la missione del FAI e prendere consapevolezza dell’immenso e variegato patrimonio di cultura e ambiente del nostro Paese.

Tra i numerosi luoghi aperti in tutte le regioni ci saranno palazzi, ville, chiese, castelli, aree archeologiche, musei, siti militari, esempi di archeologia industriale, luoghi dell’istruzione e centri di ricerca, che saranno mostrati attraverso lo sguardo appassionato e originale dei giovani del FAI.

Non mancheranno itinerari nei borghi percorsi naturalistici e visite a luoghi “verdi” quali parchi, giardini storici e orti botanici, anche in ambito urbano, nel solco del crescente impegno della Fondazione per la diffusione di una maggiore “cultura della natura”. Per conoscere nel dettaglio il programma visitate il sito ufficiale del Fondo Ambiente.

Informazioni e prenotazioni

La lista dei luoghi da visitare in occasione delle Giornate Fai d'Autunno è disponibile al sito ufficiale dal 4 marzo.

Si consiglia la prenotazione alle attrazioni che potrebbero essere maggiormente frequentate. Nei luoghi dove l’accesso è libero (senza possibilità di prenotazione), ci si può presentare in loco negli orari di apertura e aspettare il primo turno libero di ingresso.

L'ingresso ai luoghi FAI è soggetto a contributo. Per molti luoghi, soprattutto nelle grandi città, la prenotazione online è consigliata perché garantisce l’accesso alla visita. Il contributo suggerito a partire da 3 euro viene chiesto liberamente anche in piazza.


Riproduzione riservata