News Low Cost

La Giordania riapre ai turisti: tutte le informazioni

Petra

Il Governo della Giordania ha annunciato la graduale apertura delle frontiere dalla metà di agosto. A partire da quella data, i turisti potranno tornare a volare in Giordania e ammirare le meraviglie del Paese, tra cui Petra.

Sarà una riapertura graduale: sarà consentito l’ingresso ai Paesi verdi, con una situazione sanitaria simile alla Giordania. In un secondo momento si valuteranno le regole sull’apertura ai paesi classificati come gialli e rossi. 

Per entrare in Giordania dovrete presentare il risultato negativo del test PCR. Vediamo insieme tutto quello che dovete sapere per andare in vacanza in Giordania

petra_2

Riapertura Giordania ai turisti

Dalla metà di agosto la Giordania riaprirà ai voli internazionali. Le frontiere saranno aperte ai Paesi Verdi, ovvero quelli con una situazione sanitaria simile a quella della Giordania. Per viaggiare dovete però seguire alcune regole.

Prima di entrare nel dettaglio vi elenchiamo quali sono i Paesi Verdi che avranno accesso al Paese: Austria, Canada, Cina, Cipro, Danimarca, Estonia, Georgia, Germania, Groenlandia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Malesia, Malta, Monaco, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Taiwan e Tailandia. 

Si sta lavorando alla classificazione dei Paesi Gialli e di quelli Rossi che avranno procedure di ingresso e di quarantena differenti. 

Cosa fare per viaggiare in Giordania? Vi verrà chiesto di compilare moduli relativi alla vostra situazione sanitaria e dovrete portare con voi il risultato negativo del test PCR (reazione a catena della polimerasi) che non superi le 72 ore dal momento dell’arrivo in Giordania.

Dovrete inoltre scaricare l’applicazione Aman prima del volo e dimostrare di aver soggiornato in un Paese Verde 14 giorni prima dell’arrivo. Verrà inoltre richiesta un’assicurazione sanitaria valida anche in Giordania.  

All’arrivo, i passeggeri dovranno sottoporsi a screening termico e scansione PCR. I visitatori potranno lasciare l’aeroporto quando avranno ricevuto i risultati dello screening e della scansione PCR. 

Riproduzione riservata