Idee di viaggio

Carta d'Identità per l'Espatrio: come si richiede e come si riconosce

La guida a come ottenere la Carta d'Identità valida per l'espatrio

Carta d'Identità per l'Espatrio: rilascio, come si richiede e come si riconosce VACANZE Shutterstock
5/5

Dopo un lungo periodo caratterizzato da restrizioni soprattutto in tema di viaggi e spostamenti, finalmente si può tornare a viaggiare in libertà verso i Paesi esteri. 

Sebbene esistano alcune nazioni che ancora presentano delle limitazioni e anche l’Italia ha diviso i Paesi esteri in categorie di viaggio – a seconda della documentazione richiesta ai cittadini italiani per l’ingresso sul territorio nazionale – si può ormai arrivare in tutto il mondo. Uno dei documenti fondamentali per poter viaggiare all’estero è la carta d’identità valida per l’espatrio, utile soprattutto per quelle nazioni che non necessitano di passaporto per essere raggiunte.

Carta d'Identità per l'Espatrio

La carta d’identità valida per l’espatrio altro non è che il documento di identità che viene rilasciato dal comune di residenza e che può essere anche utilizzato per uscire fuori dai confini statali. È valida in tutti i Paesi esteri, eccetto quelli per cui è necessariamente richiesto il passaporto.

Come si riconosce la carta d’identità valida per l’espatrio

Sono valide per l’espatrio tutte le carte di identità rilasciate in territorio italiano, eccetto quelle su cui è espressamente riportata la scritta: “Carta d’identità non valida per l’espatrio”. 

In caso di vecchie carte d’identità, la scritta in questione si presenta sul retro, nelle CIE (carte d’identità elettroniche) – e cioè quelle di nuova generazione ormai rilasciate come ordinaria amministrazione dagli uffici comunali – la scritta si trova invece nella parte davanti.

Perché alcune carte non sono valide per espatriare

Nel corso del rilascio del documento di identità presso gli uffici comunali viene compilato un modulo in cui si attesta che non esistono motivazioni che debbano rendere la carta d’identità non valida per andare all’estero. 

Ma quali sono queste ragioni che invalidano il documento per i viaggi fuori dai confini nazionali? Essere un cittadino extracomunitario, ad esempio, sebbene con regolare permesso di soggiorno e residenza in Italia, non consente di poter espatriare con la sola carta d’identità. 

Lo stesso accade se il documento – pur non presentando la scritta “Carta d’identità non valida per l’espatrio” – non è stato rinnovato ed è danneggiato, è scaduto, presenta una foto non riconoscibile, è macchiato in maniera evidente o non è in buone condizioni per qualsiasi altra ragione.

Come rinnovarla

Nel caso in cui si sia in possesso di una carta non valida per l’espatrio – perché danneggiata, perché riporta la scritta che esplicitamente la invalida o per qualsiasi altra ragione – è necessario rinnovarla.

La richiesta per la carta d’identità valida per l’espatrio va fatta al comune di residenza. In caso di domicilio diverso dall’indirizzo di residenza è possibile richiederla al comune del domicilio ma questo allunga i tempi di rilascio. Per avere un documento d’identità rinnovato è necessario essere muniti di fototessere: sono valide sia foto cartacee (45x35) che immagini in formato digitale in jpg con una dimensione massima di 500 kb. Il costo per il rinnovo della carta è, inoltre, di 22,20 euro.

Carta d'Identità per l'espatrio per minori

Anche per i minori la carta d’identità può essere valida per espatriare e anche loro possono ottenere la CIE, presentando le fototessere e pagando 22,20 euro. In caso di documento per i minori, però, è necessario fare delle precisazioni. 

Per i cittadini italiani che hanno da 0 a 14 anni, infatti, è necessario viaggiare al di fuori dai confini nazionali sempre accompagnati da un genitore o dal tutore legale, anche se la carta d’identità è valido per l’espatrio. 

Dai 14 ai 17 anni, invece, i minori possono viaggiare anche da soli. Per il rinnovo, inoltre, se il minore ha meno di 12 anni, è anche necessario che in comune siano i genitori o i tutori a firmare la documentazione per l’ottenimento.

Autore: Paola Toia

Foto: ©Angela Bragato/Shutterstock

Scopri